22 Luglio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 02/04/2010, 00.00

    CINA – IRAN – STATI UNITI

    Iran e yuan allentano la tensione fra Cina e Usa



    In una lunghissima telefonata, Hu Jintao e Barack Obama decidono una linea comune sul nucleare iraniano. Gli analisti avvertono: “Pechino potrebbe sacrificare Teheran in cambio di una tregua sulla questione valutaria”.

    Pechino (AsiaNews/Agenzie) – Dopo le tensioni degli ultimi mesi, nella notte di oggi si è verificato un primo segnale di riavvicinamento fra Cina e Stati Uniti: una lunghissima telefonata privata fra Barack Obama e Hu Jintao con a tema la questione del nucleare iraniano e i rapporti bilaterali fra le due super-potenze.

    Ma gli analisti sostengono che questo segnale di pace, avvenuto subito dopo l’annuncio della partecipazione di Hu al vertice sulla sicurezza nucleare di Washington del 12 aprile, sia in realtà un baratto: il silenzio di Pechino sulle sanzioni a Teheran contro una tregua sulla questione della rivalutazione dello yuan.

    La telefonata, durata più di un’ora, è stata confermata sia dalla Casa Bianca che dall’ufficio del presidente cinese. Hu Jintao, riporta l’agenzia governativa cinese Xinhua, ha espresso a Obama “la sua opposizione alla proliferazione ed al terrorismo nucleare ed ha dato il suo sostegno agli sforzi per rafforzare la cooperazione sulla sicurezza nucleare”.

    Il comunicato della Casa Bianca non fa riferimento alla questione delle sanzioni a Teheran, ma sottolinea che da parte sua il presidente Obama “ha sottolineato l’importanza che si lavori insieme per assicurare che l’Iran rispetti i propri obblighi internazionali”.

    Tuttavia, l’attacco che Israele ha sferrato in queste ore contro la Striscia di Gaza fa temere una nuova tensione nel Medioriente: sempre più voci del mondo israeliano parlano di un attacco che Tel Aviv starebbe studiando direttamente contro l’Iran, principale finanziatore di Hamas.

    Nessun riferimento, invece, all’altra questione che sta creando tensioni tra Washington e Pechino: il tasso di cambio dello yuan, che gli americani chiedono venga alzato. Obama, dopo aver nelle scorse settimane rivolto un’esplicita richiesta in questo senso - che Pechino ha rimandato prontamente al mittente con tanto di accuse di protezionismo - avrebbe deciso di mettere da parte la questione per il momento.

    Hao Hong, stratega alla China International Capital Corp., spiega: “Nelle ultime settimane, entrambi i lati hanno esacerbato molto la retorica. Questo sviluppo può essere un primo segnale” di pace. Qu Hongbin, capo economista della Hsbc Holding, scrive: “Gli  ultimi avvenimenti potrebbero permettere a Pechino di allontanarsi nei prossimi mesi, se non nelle prossime settimane, dalla battaglia per lo yuan. La Cina cresce molto più velocemente dei suoi partner commerciali, e questo l’aiuta”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    20/01/2011 CINA - USA
    Obama-Hu, fra cene e sorrisi, nessun passo in avanti
    L’incontro fra i due leader è stato segnato da una sostanziale inattività. Le “ammissioni” di Hu Jintao sui diritti umani sono un ritornello che accompagna ogni sua visita all’estero, mentre sull’economia si è scelto di non scegliere. Intanto lo yuan, oggi, guadagna punti sul dollaro.

    19/04/2006 cina - usa
    Inizia da Microsoft e Boeing il viaggio del presidente cinese Hu negli Usa

    Hu vuole sottolineare i vantaggi per i buoni rapporti tra i due Paesi. Taiwan, Iran e commercio nell'agenda dell'incontro di domani con Bush. Prime proteste per le violazioni dei diritti umani.



    14/04/2010 STATI UNITI – CINA
    Obama spera in una riforma dello yuan, ma Hu tace
    A margine del Summit internazionale per il disarmo nucleare di Washington, il leader americano sostiene di aver chiarito la propria posizione con il presidente cinese. Che affida la risposta a un portavoce: “Non ci inchineremo mai alle pressioni esterne”.

    21/01/2011 STATI UNITI – CINA
    Hu Jintao negli Usa, lo schiaffo del Congresso
    Nella visita alla Camera americana il presidente cinese viene contestato dai parlamentari, che gli chiedono conto della situazione dei diritti umani in Cina e la liberazione di Liu Xiaobo. Va meglio a Chicago, dove dice al sindaco: “Lontani, ma amici veri”.

    11/11/2009 CINA – STATI UNITI
    Obama in Cina “chieda il rispetto dei diritti umani”
    Lettera aperta della Ong Chinese Human Rights Defenders, indirizzata all’inquilino della Casa Bianca. Critiche a Washington per la debolezza mostrata con Pechino sui diritti dell’uomo e sulla censura. Obama dovrebbe “parlare chiaro” durante l’incontro bilaterale con Hu Jintao.



    In evidenza

    CINA
    Liu Xiaobo: una fiaccola che illumina la civiltà umana



    La testimonianza del grande dissidente non violento, lasciato morire di cancro, è il più alto contributo all’umanità negli ultimi (sterili) 500 anni di storia cinese. Il ricordo di Liu (e di sua moglie) da parte di un sacerdote del nord della Cina.


    INDIA
    Goa: croci distrutte, cimitero dissacrato. Mons. Neri Ferrao: colpa dell’odio religioso



    Le croci sono state lasciate infrante ai margini della strada. Nel cimitero di Guardian Angel Church danneggiate 28 nicchie, cinque croci di legno e nove in granito, 16 tombe e la grande croce all’ingresso. Sajan K George: “Durante un raduno di indù, un fondamentalista ha detto che tutti quelli che mangiano la vacca devono essere impiccati”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®