17/05/2012, 00.00
IRAN-BAHRAIN-ARABIA SAUDITA
Invia ad un amico

Iraniani in piazza contro l'unione tra gli Stati della penisola arabica

Teheran chiama a protestare contro il progetto di unione tra gli Stati della penisola araba: "un pericoloso complotto, frutto del diabolico triangolo americano-sionista-britannico". Bahrain e Consiglio di cooperazione protestano contro l'ingerenza in questioni interne

Teheran (AsiaNews/Agenzie) - Manifestazioni "statali" di piazza oggi in Iran, organizzate dall' Islamic Propagation Coordination Council per "protestare contro il piano americano di annettere il Bahrain all'Arabia Saudita e per esprimere la loro rabbia contro i regimi leccapiedi di Al-Khalifa e Al-Saud".

La protesta ha di mira il progetto del Consiglio di cooperazione del Golfo (GCC), che raccoglie Arabia Saudita, Bahrain, Qatar, Oman, Emirati arabi uniti e Kuwait di trasformare l'organismo in una unione "sul modello dell'Unione europea". E' annunciato per dicembre l'incontro per la firma dell'accordo, e il primo passo di tale unione, secondo il progetto studiato lunedì dai leader del Consiglio, dovrebbe riguardare Arabia Saudita e Barhain.

L'arcipelago è retto da una monarchia sunnita, mentre la maggioranza della popolazione è sciita e da oltre un anno ci sono manifestazioni e proteste, che sono state represse anche con l'intervento della sicurezza di Riyadh.

Secondo gli iraniani, il progetto di dar vita all'unione è "un pericoloso complotto, frutto del diabolico triangolo americano-sionista-britannico che mira a impedire le rivolte popolari scoppiate in altri Paesi della regione e a controllare la crisi interna del Bahrain che è stata provocata dall'incapacità del regime di Al-Khalifa di controllare la situazione. Al-Khalifa e Al-Saud debbono però sapere che questo tipo di complotto non fermerà la rivolta, né il risveglio islamico della regione". E il portavoce del Ministero degli esteri Ramin Mehmanparast ha aggiunto che "ogni intervento straniero o progetto illegale che non rispetti i diritti del popolo, servirà solo ad approfondire le ferite già esistenti".

Dal Consiglio di cooperazione del Golfo e lo stesso Bahrein hanno replicato parlando di "provocazione" e di "cattive intenzioni dell'Iran che "non ha alcun diritto di interferire negli affari interni di Manama, né nei rapporti tra i Paesi del Golfo".

Contro il progetto si è espresso il principale gruppo di opposizione del Bahrain, al-Wefaq. In una dichiarazione ha sostenuto che nessun Paese ha il diritto di minare la sovranità e l'indipendenza del Bahrein. Il leader del gruppo, Sheikh Ali Salman, ha anche chiesto che nei sei Stati interessati si tenga un referendum.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Manama sospende i negoziati con Teheran e incassa la solidarietà araba
19/02/2009
Truppe saudite in Bahrein: Manama ringrazia, Teheran contesta
15/03/2011
Dura replica dai Paesi del Golfo alle mire di Teheran
12/07/2007
Mbs: l’attacco ai pozzi sauditi atto di guerra dell’Iran. Meglio una soluzione politica
30/09/2019 08:58
Arresti, violenze, omicidi di Stato: Ong e attivisti denunciano Riyadh e Teheran
25/01/2019 08:53