13 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 18/07/2013, 00.00

    GIAPPONE – CINA

    Isole contese, l’affondo di Shinzo Abe: un comizio dalle Senkaku/Diaoyu



    Il premier giapponese “ispeziona” due isolette nei pressi dell’arcipelago conteso con la Cina e arringa la folla: “Proteggerò la terra, la vita e le proprietà della nostra gente”. Pechino protesta, ma gli analisti sostengono che si tratti di una “mossa elettorale prima del rinnovo della Camera alta”.

    Tokyo (AsiaNews) - Una nuova provocazione rischia di riaccendere le tensioni militari fra Cina e Giappone, impegnate da anni in una disputa per la sovranità di un arcipelago conteso che i nipponici chiamano "Senkaku" e i cinesi "Diaoyu". Il premier di Tokyo Shinzo Abe si è infatti recato a Ishigaki, un'isoletta molto vicina alla zona reclamata da Pechino, e lì ha parlato alla Guardia costiera locale sostenendo di essere "pronto a tutto" per difendere "la terra, la vita e le proprietà della nostra gente".

    Il Giappone, ha detto Abe, "deve sostenere una situazione insostenibile dal punto di vista della sicurezza perché le navi cinesi arrivano con troppa frequenza nelle aree che circondano le nostre acque territoriali. Si tratta di una provocazione costante contro di noi, che non porterà a nulla. Farò di tutto per proteggere quello che è nostro". La visita del premier nella zona è la prima di un leader giapponese dal 1972, quando Okinawa - la prefettura più vicina alle isole - è tornata sotto il Sol Levante.

    Nel settembre del 2011 l'acquisizione da parte di Tokyo di 3 delle 5 isolette da un privato ha scatenato la furia di Pechino, che ha lanciato una campagna politica e militare per rivendicare la propria sovranità sull'area. Nella contesa è presente anche Taiwan, che ha proposto ai contendenti di "sfruttare insieme, senza parlare di proprietà, le ricchezze locali".

    Non è chiaro il valore dell'arcipelago. Si pensa che esso abbia anzitutto un valore strategico, trovandosi sulla rotta delle più importanti vie marittime; altri affermano che oltre alle acque ricche di pesca, nel sottofondo marino vi siano sterminati giacimenti di gas. Nel 2008, come gesto di distensione, i due governi hanno firmato un accordo per lo sfruttamento e la ricerca congiunti nell'arcipelago, che tuttavia è rimasto lettera morta.

    Il raid di Abe ha provocato la reazione cinese. Hua Chunying, portavoce del ministero degli Esteri di Pechino, ha dichiarato: "Continueremo a prendere tutte le misure necessarie per proteggere la nostra sovranità sulle Diaoyu. Invitiamo con forza il Giappone a rispettare la storia e a fermare queste provocazioni che cercano di azzoppare la sovranità territoriale cinese".

    Secondo alcuni analisti, però, la mossa di Abe è rivolta principalmente all'interno. Il prossimo 21 luglio il Giappone vota infatti per il rinnovo della Camera alta: se il Partito liberal-democratico del premier riuscisse a vincere la contesa elettorale, si sbloccherebbe lo squilibrio fra le Camere che vige nel Paese da 6 anni. E la carta nazionalista è al momento la migliore per smuovere i voti degli indecisi.

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    10/11/2014 CINA - GIAPPONE
    Vertice Apec, prima stretta di mano fra Cina e Giappone
    I leader delle due nazioni asiatiche, in evidente disagio, si mostrano ai fotografi dopo un dialogo bilaterale per cercare di risolvere la questione delle isole contese. Pechino vuole ancora le scuse di Tokyo per i massacri compiuti durante l'occupazione e la rimozione dei nomi dei criminali di guerra dal santuario di Yasukuni.

    24/10/2012 GIAPPONE – CINA
    Diaoyu/Senkaku, Tokyo e Pechino tornano al tavolo dei negoziati
    Dopo circa 3 mesi di provocazioni reciproche e violenze, alcuni alti rappresentanti dei governi di Cina e Giappone cercano di risolvere la questione delle isole contese. L’economia in stallo è la minaccia peggiore.

    06/09/2013 RUSSIA – CINA – GIAPPONE
    G20, incontro “inaspettato” fra Shinzo Abe e Xi Jinping
    Ai margini della prima sessione del summit di San Pietroburgo, i leader di Cina e Giappone si parlano per 5 minuti. Entrambi vogliono “la pace” e “un rapporto bilaterale che sia di reciproca convenienza” ma non affrontano i temi sensibili che li dividono, primo fra tutti il possesso delle Senkaku/Diaoyu.

    07/09/2012 CINA – GIAPPONE -COREA DEL SUD
    Pechino, Tokyo, Seoul: sulle isole contese, sfumano i venti di pace
    Al summit dell’Asean in corso a Valdivostok salta l’incontro fra il presidente cinese Hu Jintao e il premier nipponico Yoshihiko Noda: Tokyo ha confermato di voler comprare le Diaoyu/Senkaku, contese dai due governi. Mentre Seoul manda le navi da guerra (per un’esercitazione) davanti alle Dokdo/Takeshima.

    05/02/2013 CINA – GIAPPONE – COREA
    Pechino e Tokyo non mollano: si avvicina un conflitto aperto
    Dopo l’ennesima provocazione militare cinese, navi nelle acque contese delle Senkaku/Diaoyu, il governo nipponico convoca l’ambasciatore di Pechino. E il primo ministro Shinzo Abe avverte: “Difenderemo il Paese da ogni minaccia”. Nel frattempo, venti di guerra anche sulla penisola coreana, con Seoul che avverte l’Onu: “Imminente un nuovo test atomico di Pyongyang”.



    In evidenza

    MEDIO ORIENTE - USA
    Gerusalemme capitale, cristiani in Medio oriente contro Trump: distrugge le speranze di pace



    Il patriarcato caldeo critica una scelta che “complica” la situazione e alimenta “conflitti e guerre”. Il card. Raï parla di “decisione distruttiva” che viola le risoluzioni internazionali. Il papa copto Tawadros II cancella l’incontro col vice-presidente Usa Pence. Continua la protesta “rassegnata” dei palestinesi. Attivisti israeliani: gli Usa hanno abdicato al ruolo di mediatori nella regione. 

     


    CINA
    Le false promesse di Xi Jinping e la cacciata della ‘popolazione più bassa’ da Pechino

    Willy Wo-Lap Lam

    Decine di migliaia di migranti e le loro famiglie sono stati espulsi e mandati via dalla capitale. Eppure al recente Congresso del Partito, il presidente Xi ha promesso sostegno e aiuti contro la povertà. Nessuna ricompensa e nessun aiuto legale o caritativo per gli sfollati. Esiste nel Paese un “darwinismo sociale”, che condanna all’emarginazione le classi rurali e fa godere di privilegi e aiuti le classi cittadine. Per gentile concessione della Jamestown Foundation.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®