15/03/2005, 00.00
israele - palestina
Invia ad un amico

Israele, il Muro comprenderà Gerusalemme Est

Oggi la consegna di Gerico alle forze palestinesi. Crolla l'appoggio popolare al terrorismo come strumento per una Palestina indipendente.

Gerusalemme (AsiaNews/Agenzie) –  Oggi il governo israeliano ha confermato che il Muro di difesa ingloberà nello stato di Israele Gerusalemme Est, Maaleh Adumim (il principale insediamento nella West Bank) e la tomba di Rachele a Betlemme. La costruzione del Muro sarà ultimata entro la fine del 2005.

La decisione ha scatenato le rimostranza dei palestinesi i quali criticano Israele di voler posizionare un confine prima di un piano di pace definitivo: "Questa è una politica che impone e non dialoga" ha detto Saeb Erekat, negoziatore palestinese sulla questione.

La linea tracciata dalla barriera comprenderà il più grande insediamento ebraico nella West Bank, Maaleh Adumim (30 mila abitanti), a est di Gerusalemme. "Qualcuno ha il minimo dubbio che Maaleh Adumim sia parte integrante di Israele?" si è chiesto il vice premier israeliano Ehud Olmert.

Intanto oggi il governo israeliano ha consegnato alle forze di sicurezza palestinesi il controllo della città di Gerico; all'inizio della prossima settimana la stessa cosa dovrebbe avvenire anche per Tulkarem. Altre città - Ramallah, Bethlehem e Qalqilya – ritornaranno a breve sotto controllo palestinese.

Da parte palestinese oggi si svolge a Il Cairo, in Egitto, un summit di tutte le forze politiche e fazioni militanti: il presidente Abu Mazen spera ottenere l'accordo di una tregua con Israele. Ieri un sondaggio ha indicato che fra a popolazione palestinese il terrorismo trova un sostegno sempre minore come strumento per la creazione una Palestina indipendente. Solo il 29% dei palestinesi ha dichiarato di approvare l'attentato che il mese scorso ha ucciso 5 israeliani a Tel Aviv. Lo scorso agosto in un sondaggio simile (condotto dal Palestinian Center for Policy and Survey Research) l'attacco kamikaze su un autobus a Beersheba (16 morti) aveva ricevuto il sostegno del 77% dei palestinesi. (LF)

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Suora da Betlemme: il rosario per la pace e il no al Muro
15/03/2005
Nunzio a Gerusalemme: "Sharm el-Sheikh, un passo positivo e incoraggiante"
08/02/2005
Mons. Sabbah: La jihad del digiuno per Sharon e Abbas
08/02/2005
La vittoria di Abbas, un invito e una sfida a Israele
10/01/2005
Gerusalemme, dove non c'è posto per gli arabi
08/02/2005