19 Gennaio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 04/08/2006, 00.00

    LIBANO - ISRAELE

    Israele colpisce città cristiane a nord di Beirut

    Youssef Hourany

    Si tratta di Jounieh, Byblos e Fidar: distrutti i ponti che le collegavano al resto del paese. Si aggrava la crisi umanitaria. Fares Boueiz, ex ministro libanese degli Esteri: "Dov'è la coscienza del mondo?". Critiche anche ai Paesi arabi.

    Beirut (AsiaNews) – L'offensiva israeliana di oggi si è abbattuta per la prima volta anche su città cristiane nella zona del Monte Libano, dove cercavano rifugio i numerosi sfollati delle tre settimane di conflitto tra lo Stato ebraico e le milizie di Hezbollah. "Jounieh, Byblos e Fidar sono state colpite", ha detto ad AsiaNews l'ex ministro libanese degli Esteri, Fares Boueiz. Tutte e tre sono grandi insediamenti cristiani, che ospitano sfollati dal sud, da Beirut e dalla Bekaa. A quanto riferisce l'ex ministro, i bombardamenti di oggi hanno causato la totale distruzione dei cinque ponti che collegano queste città al nord del Paese: con questa operazione il Libano viene diviso in cinque parti prive di collegamento. Il quadro si fa ancora più drammatico se si aggiunge l'aggravarsi della situazione economica, la diffusione delle malattie infettive e la mancanza di acqua, pane e benzina. Boueiz è convinto: "La coscienza del mondo dorme, mentre Israele uccide e distrugge".

    Nell'intervista ad AsiaNews, Boueiz denuncia l'aggressività degli israeliani contro le comunità cristiane e riflette: "Forse che a Jounieh ed a Byblos esistono postazioni di missili del Partito di Dio? Dov'è la coscienza del mondo?".

    Lancia poi un forte appello al mondo "libero", alla Santa Sede, al Papa, perchè qualcuno intervenga  immediatamente: "Qui ancora risuona la voce di Dio che chiede a Caino dov'è il sangue del suo fratello?".

    Critiche al silenzio della comunità internazionale pure dall'ex premier libanese Salim Hoss, che ad AsiaNews si è espresso in modo negativo anche sui responsabili dei Paesi arabi, "deboli e ingrati verso il Libano".

    Recenti rapporti dalle zone di guerra raccontavano di militanti Hezbollah che con lanciarazzi a mano hanno cercato di infiltrarsi in villaggi cristiani del sud, nella speranza di provocare una risposta israeliana.

    Nel Paese dei cedri ormai non esiste più una zona tranquilla che possa ospitare i rifugiati: anche gli ospedali sono sotto tiro, e soffrono della carenza di medicinali e materiali sanitari. Le agenzie di pompe funebri non hanno nemmeno il coraggio di uscire per trasportare i cadaveri.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    14/08/2006 Libano – Israele
    Tiene per ora il cessate-il-fuoco fra Israele ed Hezbollah

    Da entrambe le parti ieri vi sono state violente azioni militari. Beirut rimanda la decisione sul disarmo degli Hezbollah. Timori per una tregua troppo fragile.



    26/07/2006 libano
    Cessate il fuoco e una forza internazionale in Libano le richieste del vertice di Roma
    Si dovrà anche aiutare il Libano nella ricostruzione e ad avere un controllo effettivo su tutto il suo territorio. Kofi Annan e la Rice ammettono che per realizzare una pace durevole servono anche Siria ed Iran.

    27/07/2006 libano
    Beirut delusa per la mancanza di un cessate il fuoco, spera nella forza internazionale
    Appello del card. Sfeir per il soccorso della popolazione. Il porporato esprime ad AsiaNews il suo timore di uno scontro fratricida e condanna l'appoggio di Siria ed Iran ad Hezbollah. Lo sciita Berri hiede alla comunità internazionale di "non consegnare il Libano e la regione nelle mani degli americani e degli israeliani".

    16/01/2009 ISRAELE - PALESTINA
    Si lavora per un cessate-il-fuoco a Gaza
    Israele chiede più garanzie per la fine del contrabbando di armi nella Striscia e la liberazione di Gilad Shalit; Hamas vuole il ritiro dell’esercito israeliano e la fine del blocco. L’Egitto cuce la proposta di tregua; Tzipi Livni a Washington. I morti a Gaza salgono a 1100. Appello alla solidarietà con Gaza da parte della Custodia di Terrasanta.

    24/07/2006 libano
    Anche per la Rice è "urgente" un cessate il fuoco in Libano
    Ma debbono esserci le condizioni per istaurarlo e renderlo sostenibile. Il segretario di Stato Usa incontra oggi Olmert e Abbas. Possibile sosta a Beirut dove il patriarca Sfeir invita a "serrare i ranghi" di fronte alla crisi e invoca l'aiuto di Dio su Siniora e il suo governo.



    In evidenza

    COREA
    La Corea del Nord invierà una delegazione olimpica di alto livello a Pyeongchang



    Dopo due anni di tensioni, il primo incontro fra delegazioni di Nord e Sud Corea. Seoul propone che gli atleti di Nord e Sud marcino fianco a fianco nelle cerimonie di apertura e chiusura dei Giochi (9-25 febbraio 2018).


    VATICANO
    Papa: il rispetto dei diritti di persone e nazioni essenziale per la pace



    Nel discorso ai diplomatici Francesco ha chiesto la soluzione di conflitti – a partire dalla Siria – e tensioni – dalla Corea a Ucraina, Yemen , Sud Sudan e Venezuela – e auspicato accoglienza per i migranti e per gli “scartati”, come i bambini non nati o gli anziani e rispetto per i diritti alla libertà religiosa e di opinione, al lavoro.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®