23 Settembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 20/03/2017, 08.53

    ISRAELE - SIRIA - LIBANO

    Israele in guerra contro la Siria: nel mirino il sistema missilistico difensivo di Damasco



    Avigdor Lieberman minaccia di distruggere le difese di Damasco, in risposta al lancio di missili terra-aria contro i caccia israeliani. Obiettivo dei raid aerei i convogli di armi destinati al movimento sciita libanese Hezbollah. Capo dell’esercito israeliano: “Alla luce” degli eventi in Siria e Libano, pronti “per ogni tipo di scenario”. 

     

    Gerusalemme (AsiaNews/Agenzie) - Avigdor Lieberman, ministro israeliano della Difesa ha minacciato di distruggere il sistema difensivo siriano, in seguito al lancio di missili terra-aria contro caccia dell’aviazione con la stella di David, impegnati a colpire obiettivi di Hezbollah. “La prossima volta che i siriani usano il loro sistema difensivo contro i nostri aerei - ha dichiarato ieri il ministro, una delle figure chiave del governo di destra in Israele - li distruggeremo senza la benché minima esitazione”. 

    Il 17 marzo scorso caccia israeliani hanno colpito diversi obiettivi sensibili in Siria. Il Primo Ministro Benjamin Netanyahu ha dichiarato che gli attacchi hanno centrato armi destinate a Hezbollah. In risposta, l’esercito siriano ha rivendicato l’abbattimento di un caccia e di averne colpito un altro. 

    Secondo quanto aggiunge una fonte militare di Damasco, gli aerei israeliani stavano operando nei pressi della città di Palmira, famosa per il suo complesso archeologico di epoca romana e controllata a più riprese dalle milizie jihadiste dello Stato islamico (SI). 

    Il governo di Israele nega con forza le affermazioni siriane; già in passato Damasco aveva avanzato simili rivendicazioni, senza fornire conferme ufficiali. 

    Si tratta dello scontro più grave fra i due Paesi, dall’inizio della guerra in Siria nel marzo del 2011. 

    Nell’aprile dello scorso anno Netanyahu aveva ammesso, per la prima volta, gli attacchi di Israele contro decine di convogli carichi di armi per Hezbollah, in territorio siriano. Il movimento sciita libanese nel 2006 ha ingaggiato una guerra con lo Stato ebraico e ora lotta al fianco del governo siriano contro gruppi ribelli e movimenti radicali. 

    “Ogni volta che scopriamo trasferimenti di armi dalla Siria al Libano - ha aggiunto Lieberman - agiremo per fermarli. Su questo non vi saranno compromessi”. Il ministro punta il dito contro i vertici siriani, i veri “responsabili” di questo commercio. “Se continuano a permetterlo - ha concluso - faremo tutto quello che sarà necessario”, pur evitando di “interferire” nel conflitto siriano o “di provocare uno scontro con i russi”. 

    Sulla vicenda è intervenuto anche il capo dell’esercito israeliano Gadi Eisenkot, il quale ha sottolineato che Israele continuerà a impedire “il trasferimento di armi avanzate a Hezbollah” e che nel prossimo conflitto vi sarà un “obiettivo primario: il governo libanese”. Secondo l’alto ufficiale “Hezbollah continua ad armarsi e a crescere all’interno dei confini libanesi. “Alla luce dei cambiamenti in atto in Libano e in Siria - ha concluso - le Forze armate israeliane si prepareranno per ogni tipo di scenario”. 

    Durante la guerra dei Sei giorni del 1967, Israele ha conquistato la gran parte delle Alture del Golan, strappando parte del territorio alla Siria. Nel 1981 l’annessione dichiarata dallo Stato ebraico, ma mai riconosciuta dalla comunità internazionale. I due Paesi, almeno sulla carta, sono tuttora “in guerra”, sebben i confini siano rimasti a lungo calmi. Ma l’inizio della guerra siriana ha cambiato lo scenario.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    25/02/2014 ISRAELE-SIRIA-LIBANO
    Aerei israeliani colpiscono basi Hezbollah sul confine siriano
    La zona colpita, nella valle della Bekaa, è usata da Hezbollah per immagazzinare armi e per addestrare le sue truppe che lottano a favore di Assad. Israele teme un'escalation nella modernizzazione degli armamenti in mano al movimento militante sciita.

    19/03/2014 ISRAELE-SIRIA-LIBANO
    Israele bombarda postazioni siriane dopo l'incidente sul Golan
    Colpiti nella notte una base di addestramento, un quartiere militare e una batteria di artiglieria siriani. Ieri quattro soldati israeliani sono rimasti feriti per lo scoppio di una bomba. Israele denuncia gli Hezbollah, alleati di Assad e ritiene la Siria responsabile di "sostegno ai terroristi".

    13/05/2016 07:26:00 SIRIA-LIBANO-ISRAELE
    Comandante militare Hezbollah ucciso in Siria. Accuse a Israele

    Mustafa Badreddine è morto in una “grande esplosione”. Alcuni parlano di un raid israeliano contro l’aeroporto di Damasco. Badreddine era colpito da sanzioni Usa per il suo sostegno ad Assad e accusato di essere uno degli artefici della morte di Rafic Hariri. Era anche implicato nell’attentato contro la base Usa a Beirut del 1983.



    08/09/2017 08:58:00 ISRAELE - SIRIA - IRAN
    Israele pronto ad attaccare Siria e Iran in caso di minaccia

    Ieri i caccia israeliani avrebbero colpito obiettivi militari dell’esercito governativo in Siria. Lo Stato ebraico vuole impedire con ogni mezzo l’esistenza di un “corridoio sciita” che va “da Teheran a Damasco”. Capo dell’intelligence: Teheran finanzia e sostiene organizzazioni armate che costituiscono una minaccia per Israele. 

     



    08/08/2006 israele - libano
    Olmert per l'ampliamento delle operazioni militari nel sud Libano

    L'esercito israeliano dovrebbe arrivare fino a 30-50 km dal confine per eliminare le basi di Hezbollah. In Libano peggiora la situazione umanitaria. La comunità internazionale lavora sulla bozza di risoluzione Onu e sulle obiezioni libanesi.





    In evidenza

    GIAPPONE-VATICANO
    Mons. Kikuchi: In sintonia col papa e il card. Filoni per la missione in Giappone

    Tarcisio Isao Kikuchi

    Il vescovo di Niigata e presidente di Caritas Japan commenta a caldo il messaggio papale inviato ieri ai vescovi del Giappone. Le tappe del viaggio del card. Filoni, che toccherà anche Fukushima. Rimane ancora “irrisolta” la questione del rapporto con il Cammino neocatecumenale.


    VATICANO-GIAPPONE
    Papa ai vescovi giapponesi: Siate sale e luce della società, anche andando contro-corrente



    In occasione della visita pastorale del card. Fernando Filoni, Prefetto di Propaganda Fide, nel Paese del Sol levante, papa Francesco spinge i vescovi e la Chiesa giapponese a rinnovare il loro impegno missionario nella società, segnata da suicidi, divorzi, formalismo religioso, povertà materiale e spirituale. La richiesta di collaborare coi movimenti ecclesiali, forse in memoria delle polemiche passate con il Cammino neocatecumenale.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®