19 Dicembre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 20/12/2004
ISRAELE - PALESTINA
Israele libera 170 prigionieri palestinesi
I terroristi di Al Aqsa rifiutano l'invito di Abu Mazen a deporre le armi: "La santa Intifada continuerà".

Gerusalemme (AsiaNews/Agenzie) – Israele ha approvato ieri il rilascio di 170 palestinesi detenuti nelle sue carceri. Il premier israeliano Sharon ha definito la decisione un "gesto di buona volontà" verso l'Egitto e la nuova leadership palestinese di Abu Mazen.

La scarcerazione dei 170, da tenersi prima delle elezioni in Palestina del 9 gennaio, fa parte di un accordo Israele - Egitto che il mese scorso ha permesso la liberazione di un israeliano detenuto a Il Cairo per spionaggio. Nella stessa occasione Sharon ha parlato di "profonda amicizia" per il presidente egiziano Mubarak.

L'Autorità palestinese ha accolto con freddezza la decisione israeliana: "Consideriamo questo fatto un'operazione di facciata" ha dichiarato Radi Jaraie, vice ministro palestinese per il problema dei prigionieri, criticando Israele per "non averci consultato".

Intanto crescono le polemiche fra i palestinesi sulle recenti dichiarazioni di Abu Mazen che aveva definito l'intifada "un errore" affermando che i palestinesi potrebbero raggiungere meglio i loro obiettivi "con metodi pacifici". In un comunicato congiunto le Brigate dei martiri di Al-Aqsa, il braccio armato di Al Fatah (lo stesso del defunto leader Arafat e di Abu Mazen stesso), e il Jihad islamico hanno affermato che ignoreranno la richiesta di Abu Mazen di deporre le armi anche se il premier provvisorio verrà eletto con il voto di gennaio. "Respingiamo totalmente le richieste di alcuni palestinesi di fermare l'intifada armata" ha dichiarato un portavoce di Al Aqsa, definendo "non vincolante" l'appello di Abu Mazen. "La santa intifada continuerà. Nessun politico, né autorevole né straniero o palestinese o arabo, potrà fermarla".

invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
10/01/2005 Palestina – Israele – Terra Santa
La vittoria di Abbas, un invito e una sfida a Israele
di Arieh Cohen
08/02/2005 ISRAELE – PALESTINA – TERRA SANTA
Mons. Sabbah: La jihad del digiuno per Sharon e Abbas
20/11/2004 palestina - israele
Abu Mazen: "Fermeremo i violenti per tenere elezioni pacifiche"
22/12/2004 ISRAELE – PALESTINA – TERRA SANTA
Digiuno e preghiera per la pace in Terra Santa
03/04/2005 ISRAELE – PALESTINA – TERRA SANTA
Mons. Sabbah: Papa sempre vicino alle sofferenze dei popoli di Terra Santa

In evidenza
IRAQ-VATICANO
Vescovo di Mosul: Gesù nasce fra i container dei rifugiati. Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul"
di Amel NonaI profughi perseguitati dallo Stato islamico hanno perso tutto: beni, casa, lavoro, scuole, futuro. Ma rimane forte la fede e la missione. Raccolti e inviati quasi 900mila euro. Il messaggio di vicinanza di papa Francesco. La campagna continua secondo la proposta del patriarca di Baghdad: digiuno e sobrietà a Natale e Capodanno, offrendo il corrispettivo per i cristiani di Mosul.
IRAQ
Patriarca caldeo: Digiuno alla vigilia di Natale per il ritorno dei profughi a Mosul
di Joseph MahmoudMar Louis Sako domanda ai fedeli di non celebrare in modo "mondano", con sfarzo e abbondanza, Natale e Capodanno in segno di solidarietà con i fuggitivi della piana di Ninive, perseguitati dall'Esercito islamico. AsiaNews aderisce al digiuno proposto dal Patriarca e chiede a tutti i lettori di dare il corrispettivo del digiuno a sostegno della campagna "Adotta un cristiano di Mosul".
IRAQ - ITALIA
Lettera dell'arcivescovo di Mosul: Grazie per gli aiuti, che sostengono le sofferenze dei rifugiati
di Amel NonaLe offerte di tutti i donatori della campagna "Adotta un cristiano di Mosul" sono usate per acquistare cibo, vestiti pesanti, coperte per i profughi e affittare case o roulotte per affrontare l'inverno e il freddo che sono giunti molto presto. Due donne hanno difeso la loro fede cristiana davanti ai miliziani islamisti che volevano convertirle, minacciandole di uccidere. Rifugiato fra i rifugiati, mons. Nona scopre un modo nuovo di essere pastore.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate