17/10/2009, 00.00
ISRAELE - PALESTINA
Invia ad un amico

Israele rifiuta il rapporto Onu che l’accusa di crimini di guerra a Gaza

di Joshua Lapide
La risoluzione della Commissione Onu per i diritti umani condanna Israele anche per la sua politica di violenze a Gerusalemme est. L’Autorità palestinese elogia il voto. Hamas apprezza la lotta contro “i criminali sionisti”, ma non commenta le accuse che la riguardano. Stati Uniti e Italia fra i voti contrari.

Gerusalemme (AsiaNews) – Il ministero israeliano degli esteri rifiuta come “unilaterale” il rapporto Goldstone che accusa Tel Aviv di crimini di guerra e forse di crimini contro l’umanità nella guerra condotta a Gaza lo scorso dicembre e gennaio. Il rapporto, frutto di inchieste in loco, è stato votato ieri a maggioranza al Consiglio Onu per i diritti umani a Ginevra con 25 voti a favore; 6 voti contrari (fra cui Stati Uniti e Italia); 11 astenuti. Gran Bretagna e Francia non hanno votato. Nella risoluzione si domanda di presentare il rapporto all’Assemblea generale Onu.

Le quasi 600 pagine del rapporto, a cura del giudice sudafricano Richard Goldstone, accusa Israele di aver commesso crimini di guerra con un uso sproporzionato della forza; di aver colpito civili in modo deliberato; di aver usato palestinesi come scudo umano e di aver distrutto strutture civili durante l’offensiva “Piombo fuso”.

Esso accusa anche Hamas e organizzazioni palestinesi a Gaza di aver commesso crimini di guerra e forse crimini contro l’umanità nel loro ripetuto lancio di missili e mortai sulle cittadine del sud d’Israele.

Il rapporto raccomanda che Israele e Hamas svolgano inchieste su tali crimini entro 6 mesi, se non vogliono comparire davanti al tribunale internazionale dell’Aia.

A Ramallah, Nabil Abu Rudainah, portavoce dell’Autorità palestinese (Ap), ha apprezzato la votazione di Ginevra e ha chiesto di “tradurre le parole in fatti, per proteggere il nostro popolo da ogni nuova aggressione nel futuro”. L’Ap, aveva dapprima deciso – dietro pressione di Israele e Stati Uniti - di ritardare la votazione sul rapporto. Poi ha cambiato idea a causa delle feroci critiche della popolazione palestinese in patria e nella diaspora.

Un portavoce di Hamas ha detto che la cosa più importante è che “i criminali sionisti siano portati in tribunale”, ma non ha commentato le pesanti accuse contro il suo gruppo.

La risoluzione del Consiglio Onu non riguardava solo il rapporto Goldstone, ma accusava anche la politica di Israele a Gerusalemme est, condannando i freni posti per l’accesso ai luoghi santi musulmani, la demolizione forzata di case di palestinesi, gli scavi sotto la spianata del Tempio.

A favore della risoluzione hanno votato: Arabia saudita, Argentina, Bahrain, Bangladesh, Bolivia, Brasile, Cile, Cina, Cuba, Egitto, Ghana, Gibuti, Giordania, India, Indonesia, Mauritius, Nicaragua, Nigeria, Pakistan, Filippine, Qatar, Russia, Senegal, Sudafrica, Zambia

Contro: Italia, Olanda, Ungheria, Slovacchia, Ucraina, Usa.

Astenuti: Bosnia, Burkina Faso, Camerun, Gabon, Giappone, Messico, Norvegia, Sudcorea, Slovenia, Uruguay.

Non hanno votato: Angola, Francia, Gran Bretagna, Kirghizistan, Madagascar.

Secondo organizzazioni umanitarie, nell’operazione “Piombo fuso” vi sono stati 1400 palestinesi uccisi, in grande maggioranza civili e bambini; fra gli israeliani morti vi sono stati 3 civili e 10 militari.

 

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Atteso per oggi il voto Onu sui crimini di guerra di Israele e Hamas a Gaza
16/10/2009
Aerei israeliani bombardano Gaza. Israele accusato di “pulizia etnica”
22/03/2011
L’Onu domanda un’inchiesta sui crimini di guerra di Israele e Hamas
06/11/2009
Israele offre 1500 nuove case in Cisgiordania e Gerusalemme est: la risposta al nuovo governo di unità palestinese
05/06/2014
Goldstone invitato in Israele, ma non cancella il rapporto sui crimini a Gaza
06/04/2011