12 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 01/07/2016, 08.21

    TURCHIA

    Istanbul: i terroristi dell’aeroporto venivano da Russia, Uzbekistan e Kirghizistan



    L’aeroporto internazionale della città è uno snodo fondamentale per i pellegrini alla Mecca. Molti giovani dal Caucaso e dall’Asia centrale passando da Istanbul prima di viaggiare verso Arabia saudita, Iraq e Siria per combattere il jihad. I morti dell’attentato sono ora 43, dei quali 19 stranieri. Colpito anche il turismo in Turchia.

    Istanbul (AsiaNews/Agenzie) – I tre attentatori-suicidi che hanno attaccato l’aeroporto internazionale di Istanbul lo scorso 28 giugno sera, provenivano dalla Russia (dal Daghestan), dall’Uzbekistan e dal Kirghizistan: lo conferma una personalità del governo che ha tenuto l’anonimato.

    Fino ad ora non vi è stata alcuna rivendicazione, ma le autorità puntano il dito verso lo Stato islamico. Intanto è stato aggiornato il numero delle vittime: 43 morti, dei quali 19 stranieri. A questi si aggiungono almeno 239 feriti.

    Sulla mancanza di rivendicazioni, diversi analisti pensano che essa non ci sarà mai perché molte delle vittime sono musulmane e questo accrescerebbe le critiche e il disprezzo verso lo Stato islamico. L’aeroporto Ataturk di Istanbul è lo snodo principale per tutti i pellegrinaggi alla Mecca durante l’anno. Tale aspetto è anche ciò che favorisce la concentrazione di giovani da tutto il mondo islamico – e anche dal Caucaso e dall’Asia centrale - che passano da Istanbul per andare a combattere il jihad (la guerra santa) in Iraq o in Siria. Molto spesso essi vanno prima in Arabia saudita o in Siria, o in Egitto per ricevere istruzioni religiose e militari.

    Ieri la polizia turca ha fermato 13 sospetti di appoggiare lo SI in 16 luoghi diversi della città si Istanbul.

    Una vittima ragguardevole di questa ondata terrorista in Turchia è il turismo. A causa di una serie di attentati di matrice islamica o kurda, nel primo trimestre del 2016, la Turkish airlines, la compagnia di bandiera, ha registrato una perdita di 421 milioni di dollari.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    30/06/2016 08:18:00 TURCHIA
    Giornata di lutto mentre cresce il numero delle vittime per l’attentato all’aeroporto di Istanbul

    I morti sono 42 dei quali 13 stranieri. I feriti sono 239 dei quali 41 sono in gravi condizioni. Per Erdogan i terroristi “non erano musulmani”. Ancora nessuna rivendicazione. Putin riapre il dialogo con la Turchia.



    21/03/2016 08:32:00 TURCHIA
    L’attentato di Istanbul attribuito ai jihadisti

    Nel timore di nuovi attacchi, cancellato il match fra Galatasaray e Fenerbahçe. Proibite le feste per Nouruz, il capodanno kurdo. Israele raccomanda ai suoi connazionali di non andare in Turchia. L’attentatore sarebbe un giovane turco dello Stato islamico che ha combattuto in Siria. Fermati altri cinque sospetti.



    29/06/2016 09:53:00 TURCHIA
    Attacco all’aeroporto di Istanbul. Sospetti sull’Isis

    Vi sono almeno 36 morti e oltre 140 feriti. I responsabili hanno aperto il fuoco e poi si sono fatti saltare nel terminal. Critica ai criteri di sicurezza.



    08/10/2016 10:13:00 CINA-IRAQ
    Fra i jhadisti di Mosul crescono i mercenari uiguri dalla Cina

    ​I servizi di intelligence dell’Armenia hanno messo in guardia da tempo sui passaggi di persone, armi e munizioni dallo Xinjiang alla Turchia, all’Azerbaijian, alla Siria e all’Iraq. A Mosul gli uiguri sono usati come “forze di polizia”.  Responsabii di violenze nel Nagorno Karabakh. Comandante irakeno: No alle mire di Erdogan su Mosul.



    14/03/2016 08:34:00 TURCHIA
    Ancora nessuna rivendicazione per l’attentato di Ankara. Il governo sospetta i curdi

    Fra i più probabili esecutori vi è il gruppo dei Tak, i Falchi alati per la libertà del Kurdistan, un ramo ancora più radicale del Pkk. Dubbi sul ruolo geopolitico  della Turchia nello scacchiere medio-orientale. La grande popolarità di Erdogan.





    In evidenza

    RUSSIA-UCRAINA
    La riconciliazione possibile fra Mosca e Kiev

    Vladimir Rozanskij

    Il Sinodo straordinario per i 100 anni della restaurazione del Patriarcato di Mosca, ha rivolto un appello per il ritorno alla comunione con il Patriarcato di Kiev. La risposta di Filaret , molto positiva,  chiede perdono e offre perdono. Da anni vi sono prevaricazioni, espressioni di odio, sequestri di chiese. L’invasione della Crimea ha acuito la divisione. Il governo ucraino rema contro.


    VATICANO-MYANMAR-BANGLADESH
    Non solo Rohingya: il messaggio di papa Francesco a Myanmar e Bangladesh

    Bernardo Cervellera

    L’informazione troppo concentrata sul “dire/non dire” la parola Rohingya. Il papa evita il tribunale mediatico o la condanna, ma traccia piste costruttive di speranza. Una cittadinanza a parte intera per le decine di etnie e uno sviluppo basato sulla dignità umana. L’unità fra i giovani e le diverse etnie, ammirata da buddisti e musulmani.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®