24 Aprile 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 20/04/2017, 14.42

    INDONESIA

    Jakarta, dal pm richiesta di condanna “lieve” nel processo per blasfemia contro Ahok

    Mathias Hariyadi

    L’accusa chiede due anni di libertà vigilata e un anno di carcere in caso di recidiva. Il massimo della pena prevista per il reato è di cinque anni. Proteste della frangia estremista islamica per la clemenza dei giudici. Il pm ha riconosciuto il “grande lavoro” svolto dal governatore uscente per la capitale.

     

    Jakarta (AsiaNews) - Due anni di libertà vigilata e un anno di carcere se verrà commesso di nuovo il reato ascritto. È questa la richiesta avanzata oggi dai pubblici ministeri, nel contesto del processo per blasfemia a carico del governatore uscente di Jakarta Basuki Tjahaja Purnama detto “Ahok”. Un momento difficile per il politico cristiano, che al processo in corso somma la sconfitta di ieri al ballottaggio per mano di Anies Baswedan, già ministro dell’Istruzione e candidato favorito delle associazioni islamiste più estreme.

    Per insulti all’islam, egli rischia fino a cinque anni di galera anche se di rado, in Indonesia, le richieste di condanna della pubblica accusa vengono accresciute dal collegio giudicante. Analisti ed esperti di diritto spiegano che, in base alla richiesta di condanna e al probabile ricorso in appello, Ahok sarà in grado di portare a termine il proprio mandato di governatore sino alla scadenza naturale di ottobre.

    Per l’accusa egli è colpevole per aver violato l’articolo 156 del Codice penale indonesiano e aver “provocato”, di conseguenza, disordini di natura politica nel Paese. Il pubblico ministero Ali Mukartono ha riconosciuto in sede di dibattimento il “grande lavoro” svolto dal governatore per migliorare la capitale; un elemento che ha spinto il giudice a richiedere una condanna mite.

    L’atteggiamento di clemenza dei giudici non è però piaciuto a gruppi estremisti e movimenti radicali islamici indonesiani, alcuni dei quali (fra cui i membri del Fronte di difesa islamico) erano presenti all’esterno del palazzo di giustizia e hanno intonato canti e proteste. Al termine dell’udienza i leader radicali hanno chiesto ai giudici di sconfessare la richiesta del pm e infliggere il massimo della pena prevista dalla legge.

    Ahok, politico cristiano di etnia cinese, è finito al centro delle critiche dei musulmani per uno “scandalo blasfemia”, dopo una frase pronunciata il 9 ottobre scorso; in un intervento egli ha citato la 51ma sura del quinto capitolo del Corano (Al Maidah), usata da alcuni per opporsi alla sua ricandidatura alla elezioni da governatore dell’anno prossimo. In quel contesto il governatore uscente aveva chiesto di non usare la religione per scopi politici, ma molti musulmani hanno sentito offesa la propria fede. La campagna contro Ahok non è l’unica compiuta dai leader islamici indonesiani contro politici o funzionari non musulmani.

    Nel Paese musulmano più popoloso al mondo anche la religione, infatti, è usata come arma di lotta politica. E lo “scandalo blasfemia” potrebbe aver giocato un ruolo fondamentale nella sconfitta elettorale di Ahok, che ha perso al ballottaggio la possibilità di un secondo mandato come governatore della capitale.

    Ahok è uno dei pochi leader politici indonesiani che lotta in prima fila per la libertà di coscienza. Lo scorso giugno si è opposto all’obbligo imposto alle studentesse di Jakarta di indossare il velo islamico. Nel luglio 2015 il governatore di Jakarta ha promosso una battaglia per i diritti civili della minoranza ahmadi, ritenuta eretica dalla maggioranza musulmana sunnita.

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    21/09/2012 INDONESIA
    Elezioni a Jakarta: vince la coppia sfidante, il vice è cristiano di etnia cinese
    Secondo gli exit-poll, al ballottaggio si conferma il successo (col 53% delle preferenze) della coppia Jokowi-Ahok. Analisti ed esperti parlano di vittoria “storica”, che avrà un riflesso anche nel panorama politico nazionale. La campagna elettorale caratterizzata da attacchi personali contro il candidato cristiano.

    13/12/2016 08:45:00 INDONESIA
    Jakarta, prima udienza del processo per blasfemia del governatore cristiano

    Alla Corte di Jakarta nord, Ahok ha respinto l’accusa di aver insultato l’islam durante un comizio. Migliaia i curiosi accorsi per l’evento. La difesa afferma che il governatore si era scagliato contro i politici musulmani che volevano ostacolare la sua rielezione a governatore, ma le sue parole sono state manipolate.



    19/04/2017 12:17:00 INDONESIA
    Elezioni a Jakarta, sconfitta a sorpresa per Ahok. Vincono gli estremisti

    La vittoria di Anies Baswedan, candidato favorito delle associazioni islamiste più estreme. Ahok oggi ha conquistato solo il 42% circa dei voti, contro il 58% del suo rivale. Il voto popolare condizionato dalle manovre dei fondamentalisti.



    12/10/2016 15:19:00 INDONESIA
    “Ahok è blasfemo”: il governatore cristiano di Jakarta al centro della bufera

    Il politico ha chiesto di non utilizzare sure del Corano per scopi diversi da quelli religiosi. I maggiori movimenti islamici del Paese lo hanno accusato di “diffamazione dell’islam”. continua la campagna per screditarlo alle prossime elezioni.



    13/03/2017 12:51:00 INDONESIA
    Negati i funerali per i musulmani sostenitori del governatore cristiano

    In diverse moschee di Jakarta esposti striscioni e manifesti. La polizia apre un’inchiesta. Il ministro degli Affari religiosi esprime la sua preoccupazione: “Inviti del genere non sono islamici”. La campagna elettorale è segnata dagli atti di intolleranza degli islamisti nei confronti di Ahok e dei suoi sostenitori. Aumentano le tensioni in vista della prossima tornata elettorale in aprile. Le reazioni dei musulmani moderati.





    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Sequestrato mons. Pietro Shao Zhumin, vescovo (sotterraneo) di Wenzhou

    Bernardo Cervellera

    La pubblica sicurezza non comunica il luogo in cui è stato portato. Ma hanno permesso ai fedeli di consegnare alcuni vestiti per il loro pastore. Il vescovo non potrà celebrare Pasqua coi suoi fedeli. Pressioni sul prelato per farlo aderire all’Associazione patriottica. Un destino simile a quello di mons. Guo Xijin. Pressioni anche sulla Santa Sede.


    CINA-VATICANO
    Scomparso da 4 giorni mons. Guo Xijin, vescovo sotterraneo di Mindong

    Wang Zhicheng

    È stato sequestrato dopo una visita all’Ufficio affari religiosi di Fuan. La Pubblica sicurezza lo ha portato in un luogo sconosciuto per farlo “studiare e imparare”. I fedeli pensano che essi vogliano costringerlo a iscriversi all’Associazione patriottica. Al suo rifiuto, è forse possibile che gli proibiscano di ritornare in diocesi. Demolita una chiesa cattolica a Fuan.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®