26 Giugno 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  •    - Brunei
  •    - Cambogia
  •    - Filippine
  •    - Indonesia
  •    - Laos
  •    - Malaysia
  •    - Myanmar
  •    - Singapore
  •    - Tailandia
  •    - Timor Est
  •    - Vietnam
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 20/06/2012, 00.00

    INDONESIA

    Jakarta, islamisti contro il ministro della Sanità per la campagna sul preservativo

    Mathias Hariyadi

    La pediatra Nafsiah Mboy, neo titolare del dicastero, intende diffondere l’uso del condom per prevenire l’Aids. Contrario il Mui, secondo cui il programma è “immorale” e promuove il sesso extraconiugale e prematrimoniale. La lotta degli ulema contro il ministro sostenuta anche da celebre artista pop.

    Jakarta (AsiaNews) - La frangia fondamentalista islamica e diversi esponenti di primo piano della società indonesiana - fra cui un popolare cantante - contestano in modo aperto il neoministro della Sanità, per la campagna a favore dell'uso del preservativo nella prevenzione dell'Aids-Hiv. In carica da poco più di un mese, in seguito alla scomparsa di Endang, la dottoressa Nafsiah Mboy, specialista in pediatria, ha scatenato una feroce polemica nel Paese musulmano più popoloso al mondo, attirandosi numerose critiche: la proposta di distribuire condom ai ragazzi e in punti nevralgici (fra cui i club notturni) per fermare il contagio è bollata come "immorale" e "inaccettabile", perché esorta la gente al sesso libero e i ragazzi in particolare ai rapporti prematrimoniali.

    Esperta della malattia e attiva nella prevenzione, la Mboy intende estendere la campagna contro contagi e sieropositività a livello "nazionale". Tuttavia, il suo proposito è osteggiato con forza da movimenti filo-islamici, fra cui il Consiglio indonesiano degli Ulema (Mui). Il leader Kiai Hajj Amidhan afferma di aver ricevuto migliaia di messaggi, fra sms e mail, da tutto l'arcipelago contro questa iniziativa, che affibbia all'Indonesia l'etichetta di Paese "immorale". Essa favorisce, aggiunge il capo musulmano, la pratica del sesso extraconiugale e non vi sono prove concrete che il preservativo "sia davvero efficace" contro la diffusione della malattia.

    Kiai Hajj Amidhan ricorda inoltre quanto successo durante gli ultimi Giochi del Sud-est asiatico dello scorso anno, a Palembang e Jakarta, in cui i condom erano diffusi in modo capillare in hotel, club notturni e altri luoghi sensibili. Per il leader Mui la presenza dei profilattici era un chiaro "incentivo" alle persone per spingerle a commettere atti "immorali".

    Fra i più feroci oppositori dell'iniziativa del ministro Mboy vi è anche Rhoma Irama, cantante di musica tradizionale indonesiana "dangdut", una vera e propria icona pop nell'arcipelago. Parlando a nome della moschea di Ta'Mir e del Forum delle piccole moschee di Indonesia, egli sottolinea che tale iniziativa è "inevitabilmente" destinata a surriscaldare gli animi delle persone e non servirà nella lotta contro l'Aids-Hiv. Musulmano fedele e devoto, l'artista è anche in prima fila nella campagna di moralizzazione degli spettacoli, oltre che nel colpire colleghi che si esibiscono con abiti succinti o contrari alla morale.

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    11/03/2006 Indonesia
    Indonesia, estremisti islamici chiudono con la forza una chiesa cattolica "domestica"

    L'incidente è stato confermato ad AsiaNews da un sacerdote locale. Gli assalitori "sono venuti da fuori" e la polizia, informata del fatto", ha "suggerito" alla comunità cattolica di "non fare troppa confusione sull'argomento".



    15/02/2010 INDONESIA
    Leader a Sumatra: l’aerobica è contraria all’islam, spinge alla “lussuria”
    Il capo degli ulema a Palembang bolla come haram la ginnastica e gli abiti indossati dalle donne durante l’attività fisica. Gli indumenti “troppo sensuali” spingono gli “uomini al vizio”. Le donne ironizzano: il Mui “a corto di argomenti” nel rispondere ai problemi “della società moderna”.

    02/08/2005 INDONESIA
    Gus Dur contro la minaccia del fondamentalismo in Indonesia

    L'ex presidente indonesiano si schiera contro l'estremismo del Consiglio nazionale degli ulema e condanna gli attacchi alla minoranza perseguitata  degli Ahmadi. I cristiani chiedono rispetto per il pluralismo religioso, "ricchezza culturale" della nazione.



    07/09/2005 INDONESIA
    Indonesia, cristiani temono attacchi degli estremisti contro i luoghi di lavoro

    Cattolici e protestanti usano celebrare messa il venerdì nei loro uffici, quando i colleghi musulmani vanno a pregare in moschea. Il governo promette la revisione del decreto sull'edificazione delle chiese.



    27/01/2009 INDONESIA
    Personalità islamiche respingono le fatwa degli Ulema contro yoga e fumo
    Leader religiosi ed esponenti della società civile definiscono le direttive “incostituzionali e inutili”, perché rischiano di distruggere l’idea di “unità nazionale”. Già in passato il Consiglio degli Ulema aveva emesso editti controversi e contrari al pluralismo.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    Confusione e polemiche per il silenzio del Vaticano sul caso di mons. Ma Daqin di Shanghai

    Bernardo Cervellera

    Per alcuni l’articolo di mons. Ma con cui elogia l’Associazione patriottica, riconoscendo i suoi “errori”, è solo “fango”. Per altri egli si è umiliato “per il bene della sua diocesi”. Molti esprimono perplessità per il silenzio della Santa Sede: silenzio sul contenuto dell’articolo; silenzio sulla persecuzione subita dal vescovo di Shanghai. Il sospetto che in Vaticano si vede bene lo svolgimento del “caso” Ma Daqin che però fa emergere un problema: la Lettera di Benedetto XVI (con cui dichiara l’AP non compatibile con la dottrina cattolica) è abolita? E chi l’ha abolita? Il rischio di una strada di compromessi senza verità.


    CINA - VATICANO
    Mons. Ma Daqin: il testo della sua “confessione”

    Mons. Taddeo Ma Daqin

    Con un articolo pubblicato sul suo blog, il vescovo di Shanghai, dimessosi dall’Associazione patriottica quattro anni fa, sembra “confessare” il suo errore e esalta l’organismo di controllo della Chiesa. Riportiamo qui il testo quasi integrale del suo intervento. Traduzioni dal cinese a cura di AsiaNews.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®