08/02/2020, 09.00
INDONESIA
Invia ad un amico

Jakarta, presto un ‘tunnel dell’amicizia’ tra moschea e cattedrale

Il presidente Joko Widodo approva l’iniziativa. Il più grande luogo di culto islamico del Sud-est asiatico è in fase di restauro. Il fondatore della patria Sukarno lo volle di fronte alla chiesa dell’Assunzione come simbolo di unità, armonia religiosa e tolleranza.

Jakarta (AsiaNews/Agenzie) – Promuovere il dialogo tra le religioni è possibile non solo costruendo ponti, ma anche scavando tunnel: lo hanno pensato in molti, quando ieri il presidente indonesiano Joko “Jokowi” Widodo ha annunciato di aver dato il via libera alla realizzazione di un sottopasso che collegherà la Grande moschea Istiqlal e la cattedrale dell’Assunzione. I due edifici si trovano a Central Jakarta, nel cuore della capitale, l’uno di fronte all’altro (foto 1).

Secondo Widodo, il sottopasso incoraggerà la fratellanza tra le due comunità religiose. Ieri, durante un sopralluogo al cantiere per il restauro della moschea, Widodo ha dichiarato ai cronisti: “Questo sarà un tunnel ‘dell’amicizia’. Qualcuno aveva consigliato di costruire un collegamento tra i due luoghi di culto. L’idea ha avuto la mia approvazione. La gente non dovrà più attraversare la strada”.

Ad accompagnare il presidente vi erano Pratikno, ministro del segretariato di Stato; il ministro degli Affari Religiosi, Fachrul Razi; ed il ministro dei Lavori pubblici e dell’edilizia popolare, Basuki Hadimuljono. Le opere di rinnovamento (foto 2) della più grande moschea nel Sud-est asiatico sono iniziate a maggio 2019; Widodo spera che si concluda prima del Ramadan 2020 (che inizierà il 23 aprile). Per i lavori di ristrutturazione, il governo ha stanziato un totale di 475 miliardi di rupie (31,7 milioni di euro).

La Grande moschea Istiqlal è da sempre considerata dagli indonesiani un simbolo di “dialogo interreligioso”, perché a costruirla è stato l’architetto cristiano Frederich Silaban tra il 1961 ed il 1978. Sukarno – padre della patria e primo presidente indonesiano – volle che la moschea sorgesse nei pressi della cattedrale dell’Assunzione e dell’Immanuel Church protestante, a rappresentare l’unità del popolo indonesiano, l’armonia religiosa e la tolleranza.

Ogni anno, in occasione delle principali festività religiose musulmane e cattoliche, presso la moschea e la cattedrale hanno luogo numerose iniziative di amicizia e dialogo tra le due comunità, che non si fermano solo alle visite di cortesia. Nel giorno in cui il Paese islamico più popoloso al mondo si ferma per celebrare l’Eid al-Fitr, ad esempio, il card. Ignatius Suharyo Hardjoatmodjo, arcivescovo della capitale, è solito modificare gli orari delle messe per consentire ai musulmani di utilizzare il parcheggio della cattedrale. A Natale e Pasqua, membri delle due maggiori organizzazioni islamiche moderate (Nahdlatul Ulama e Muhammadiyah) si mettono a disposizione per garantire la sicurezza della chiesa e dei fedeli.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Natale, rafforzata l’amicizia tra musulmani e cattolici indonesiani (Video)
27/12/2019 12:28
Yogyakarta, no a croce su tomba cristiana: polemiche, ma il cimitero è islamico
19/12/2018 10:59
Jakarta, le Forze armate ‘a difesa’ della tolleranza
07/03/2018 11:22
Premio ‘Pionieri degli Emirati’ al cristiano indiano che ha costruito una moschea
28/11/2019 14:09
Imprenditore cristiano regala una moschea per il Ramadan intitolata a Maria
17/05/2018 09:17