20 Gennaio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  •    - Brunei
  •    - Cambogia
  •    - Filippine
  •    - Indonesia
  •    - Laos
  •    - Malaysia
  •    - Myanmar
  •    - Singapore
  •    - Tailandia
  •    - Timor Est
  •    - Vietnam
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 12/11/2009, 00.00

    INDONESIA

    Jakarta al buio, indonesiani in rivolta contro la compagnia elettrica

    Mathias Hariyadi

    Sotto accusa i dirigenti della PLN Electricity Company, che promettono risarcimenti. Disagi anche nell’East Java e nelle South Sulawesi. Nelle ultime settimane anche 10/12 ore al giorno senza energia elettrica. Perdite “monumentali” per 32 mila piccole e medie imprese della zona.
    Jakarta (AsiaNews) – Non è bastata la promessa di risarcimenti, per placare la rivolta dei cittadini di Jakarta contro la compagnia elettrica nazionale che da giorni lascia al buio intere zone del Paese. Sotto accusa i dirigenti della PLN Electricity Company, responsabile dei ripetuti blackout che hanno colpito la capitale e numerose cittadine dei dintorni nelle scorse settimane. A causare la mancata fornitura di corrente, una serie di malfunzionamenti in un impianto a nord di Jakarta.
     
    Fahmi Mochtar, presidente della PLN, garantisce risarcimenti ai clienti. La mancanza di elettricità ha costretto milioni di persone a Jakarta, nell’East Java e nelle South Sulawesi a vivere nella completa oscurità. I blackout durano anche 10/12 ore al giorno. Solo i centri che dispongono di generatori di elettricità – ospedali, supermercati e hotel – e i ricchi riescono a “sopravvivere” in questo periodo di forte disagio.
     
    Per i meno fortunati la situazione è quasi disperata. Dopo aver speso diverse ore nel traffico cittadino, ormai al limite del collasso, quando rientrano a casa piombano nella più completa oscurità. La maggioranza dei cittadini può contare solo sull’uso di candele per illuminare le abitazioni; spesso devono anche far fronte alla mancanza di acqua potabile.
     
    “Ho paura che possano divampare incendi” afferma Mukimah, casalinga di Cileduk, nella reggenza di Tangerang, “perché ci addormentiamo mentre le candele sono ancora accese”. Yenny, casalinga di South Jakarta, aggiunge che “i bambini piangono in continuazione per l’atmosfera di insicurezza che si respira a causa dell’oscurità”.
     
    Gravi disagi si registrano negli uffici pubblici, dove manca l’aria condizionata, i computer restano spenti e i dipendenti sono costretti a lavorare a lume di candela. Ma il settore più colpito è quello dell’industria, dove monta la protesta degli imprenditori. Ernovia G. Ismy, leader dell’Associazione dell’industria tessile, denuncia pesanti perdite nel fatturato. “La situazione continua a peggiorare – afferma – perché non vengono nemmeno rispettati i tempi di interruzione dell’energia”. A questo si aggiunge il pagamento degli straordinari per gli operai, che si fermano oltre l’orario di lavoro – spesso anche di notte – quando il servizio viene ripristinato e le macchine possono funzionare.
     
    L’Associazione dei consumatori indonesiana (YLKI) ha diffuso un comunicato stampa in cui annuncia azioni legai contro la PLN Electricity Company. Sudaryatmo, rappresentante Ylki, sottolinea che “un risarcimento del 10% non è abbastanza”. Proteste giungono infine anche dalla Camera di commercio e industria di Jakarta (Kadin), secondo cui più di 32 mila piccole e medie imprese della capitale hanno subito perdite “monumentali” in seguito ai blackout. 
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    19/08/2005 INDONESIA
    Indonesia, un blackout spegne la luce a 120 milioni di persone
    La mancanza di energia ha colpito Java e Bali. Sconosciute le cause,  il presidente Susilo ha chiesto l'intervento anche dei servizi segreti. Il blackout è durato 5 ore ed ha fatto perdere 20 mila megawatts.

    13/06/2006 Cina
    Cina, il governo "taglia la corrente" ai funzionari statali

    Il Consiglio di Stato ha ordinato ai circa sette milioni di impiegati pubblici di non usare oggi autovetture, ascensori ed aria condizionata. Questi, ogni anno, consumano la stessa elettricità dei 780 milioni di contadini cinesi.



    14/11/2012 INDONESIA
    Jakarta, la Corte costituzionale scioglie un gigante indonesiano dell’energia
    La Upstream Oil and Gas Regulator Company dichiarata fuorilegge in base all’articolo 33 della Costituzione. Attiva nel settore del petrolio e dei gas naturali, avrebbe “svenduto” le risorse del Paese agli stranieri. La decisione al termine di un’azione legale sostenuta anche da associazioni musulmane.

    09/05/2008 TAGIKISTAN
    Il governo trattiene metà dei salari quale “donazione volontaria” per opere pubbliche
    Oltre la metà della popolazione è povera (vive con meno di un dollaro al giorno), un inverno gelido ha distrutto le coltivazioni e ora le locuste devastano i campi del sud. Il governo è ritenuto corrotto, ma c’è troppo timore perché in molti si rifiutino.

    03/10/2006 INDONESIA
    Indonesia, colata di fango: il governo sanziona la ditta responsabile del disastro

    Il ministero per le Risorse umane ha chiesto alla Lapindo Brantas di trovare lavoro ad oltre 3 mila persone rimaste disoccupate in seguito alla fuoriuscita di fango bollente da un suo pozzo di perforazione. In 4 mesi la colata ha sommerso e reso inabitabili 8 villaggi e diverse zone industriali.





    In evidenza

    EGITTO-LIBANO
    Al Cairo, musulmani e cristiani si incontrano per Gerusalemme, ‘la causa delle cause’

    Fady Noun

    Si è tenuta il 16 e 17 gennaio all’istituto sunnita al-Azhar. Hanno preso parte molte personalità del Libano, fra cui il patriarca maronita Bechara Raï. I mondo arabo diviso fra “complice passività” e “discorsi rumorosi ma inefficaci”. Ex-premier libanese: coordinare le azioni per una maggiore efficienza al servizio di una “identità pluralistica di Gerusalemme” e della “libertà religiosa”. Card. Raï: serve preghiera congiunta, la solidarietà interreligiosa islamico-cristiana in tutto il mondo arabo e sostenere i palestinesi.


    CINA
    Yunnan: fino a 13 anni di prigione per i cristiani accusati di appartenere a una setta apocalittica



    Le setta in questione è quella dei Tre gradi del Servizio, un gruppo pseudo-protestante sotterraneo fondato nell’Henan e diffuso soprattutto nelle campagne. I condannati rivendicano di essere solo cristiani e di non sapere nulla della setta. Gli avvocati difensori minacciati della revoca della loro licenza.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®