11 Dicembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 09/01/2016, 00.00

    INDONESIA

    Jakarta: i 70 anni di “Life”, primo settimanale cattolico del Paese

    Mathias Hariyadi

    “Hidup” (vita) è stato fondato il 5 gennaio 1946 da un gesuita olandese, missionario a Jakarta. Da allora è sempre stato il punto di riferimento dell’informazione cattolica indonesiana, facendo da ponte tra gerarchia ecclesiastica e congregazioni. Da tre anni esiste una versione online gratuita.

    Jakarta (AsiaNews) – Il primo settimanale cattolico indonesiano (“Hidup”, che significa “vita”) ha compiuto 70 anni di attività, e la comunità cristiana ha festeggiato l’evento con una messa nella cattedrale di Jakarta celebrata da mons. Ignatius Suharyo, arcivescovo della capitale. Nato dallo sviluppo di un semplice bollettino della parrocchia dell’Assunta di Jakarta, Hidup viene fondato il 5 gennaio 1946 con il nome di De Katholieke Week nella doppia traduzione indonesiana e olandese (fino al 1954 l’Indonesia è stata colonia dell’Olanda). Il fondatore è il gesuita olandese p. L. Swaans SJ, allora missionario a Batavia (nome coloniale di Jakarta).

    “Leggo Hidup fin da quando sono piccolo – racconta p. France de Sales, direttore delle comunicazioni sociali dell’arcidiocesi di Palembang –. Questo settimanale cattolico contribuisce a creare ponti fra la gerarchia ecclesiastica e le varie congregazioni”.

    La direzione del giornale è stata assunta nel 1957 da p. Poel SJ, rimasto fino al 1963, che modifica il nome in Hidup Katolik (vita cattolica). Nel 1970, con il direttore p. Father Knooren SJ, si è tornati al nome originale.

    Hidup è ancora oggi il punto di riferimento dell’informazione cattolica nel Paese, anche se sta affrontando il difficile momento della stampa di tutto il mondo, combattuta tra carta stampata ed edizioni online. I direttori della rivista si sono accorti in fretta che i lettori indonesiani preferiscono informarsi online piuttosto che su carta, così tre anni fa hanno creato una versione del settimanale su internet, fruibile gratis. Inoltre, per garantirsi una fascia di lettori anche tra i giovanissimi e tenere aggiornati i ragazzi sulle novità pastorali, Hidup ha lanciato la versione chiamata Cathkids.

    Il settimanale tratta della vita della Chiesa in Indonesia e negli ultimi tempi si è arricchito degli interventi di molti vescovi del Paese, che scrivono articoli su diversi temi, soprattutto sulle prospettive bibliche delle letture settimanali. Su Hidup pubblicano brevi saggi anche intellettuali e figure laiche cattoliche del Paese.

    La rivista appartiene ora all’arcidiocesi di Jakarta e da due anni il direttore è un laico.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    30/11/2015 BANGLADESH
    Bangladesh, l’unico settimanale cattolico del Paese “una lettera d’amore per la Chiesa”
    La comunità cattolica festeggia il 75mo anniversario del Weekly Pratibeshi, fondato nel 1940. Il settimanale è gestito dall’Ufficio per le Comunicazioni sociali della Conferenza episcopale ed è membro dell’Associazione cattolica mondiale per la comunicazione. Viene distribuito in circa 8mila copie in Bangladesh e all’estero. Mons. Gervas Rozario: “Pubblichiamo il giornale per servire le persone attraverso la dottrina della Chiesa”.

    06/10/2016 15:22:00 INDIA
    Medico cattolico: Contro l'eutanasia. Cosa significano sofferenza e morte per la Chiesa

    Il dott. Pascoal Carvalho è uno dei relatori del Simposio nazionale organizzato per il 20mo anniversario della Commissione diocesana per la vita umana a Mumbai. Pubblichiamo il suo intervento, in cui spiega il valore cristiano della sofferenza. L’eutanasia è diventato il modo in cui si “termina l’esistenza di esseri umani considerati un peso”.



    19/04/2016 13:31:00 BANGLADESH
    Bangladesh, l’unico settimanale cattolico arricchisce anche musulmani e indù

    All’inizio di aprile il “Weekly Pratibeshi” ha festeggiato 75 anni di pubblicazione. Alla cerimonia erano presenti 6 vescovi, 50 sacerdoti e 3mila lettori affezionati. È stato fondato nel 1941 e oggi è stampato in 10mila copie. Fedeli musulmani e indù lo leggono con interesse, perché parla dell’armonia religiosa e del rispetto di tutti gli esseri umani.



    15/03/2016 10:37:00 THAILANDIA
    Bangkok, la misericordia secondo i giovani: la sfida del settimanale cattolico thai

    In occasione del Giubileo straordinario, la rivista Udomsarn ha dato spazio ai giovani cattolici del Paese, ospitando le loro riflessioni sulla misericordia: “Non è solo un sentimento di pietà ma fare qualcosa per la felicità del prossimo”.  Molti ragazzi thai parteciperanno alla Giornata mondiale della gioventù a Cracovia il prossimo luglio.



    30/01/2014 FILIPPINE
    Vescovi filippini: I laici siano in prima fila per difendere la vita
    In occasione del "Mese per la Vita", che si apre il prossimo 2 febbraio, il presidente della Commissione episcopale per la famiglia e la vita invita tutti i fedeli a "fare di più in difesa dei valori cattolici. Vita, famiglia e matrimonio non possono essere messi in discussione. Dobbiamo tenere lontana la cultura della morte dalla nostra nazione".



    In evidenza

    IRAQ
    Parroco di Amadiya: profughi cristiani di Mosul, fra l’emergenza aiuti e l’attesa del rientro

    P. Samir Youssef

    In una lettera p. Samir Youssef racconta la situazione dei rifugiati, da oltre due anni lontani dalle loro case. Si segue con attenzione l’offensiva, anche se case e chiese “sono in gran parte” bruciate o distrutte. Con l’arrivo dell’inverno servono cherosene, vestiti, cibo e denaro per pagare il trasporto degli studenti. Un appello per continuare a sostenere la campagna di AsiaNews.


    IRAQ
    “Adotta un cristiano di Mosul”: il dono di Natale per attraversare l’inverno

    Bernardo Cervellera

    Le nuove ondate di profughi, con l’avanzata dell’esercito verso la Piana di Ninive e Mosul rischiano di far dimenticare i rifugiati che da due anni hanno trovato ospitalità nel Kurdistan. C’è bisogno di cherosene, vestiti per l’inverno, aiuti per i bambini, soldi per gli affitti. La campagna lanciata da AsiaNews due anni fa è più urgente che mai. Rinunciare a un dono superfluo per offrire loro un dono essenziale per vivere.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®