21 Settembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 01/09/2017, 11.30

    ISRAELE - PALESTINA

    Jubbet al-Dhib: studiano in tenda i bambini della scuola demolita da Israele



    L’edificio era stato costruito senza i “permessi necessari”. La scuola più vicina è a molti chilometri. Preoccupazione per il clima invernale. È la terza struttura scolastica ad essere oggetto di misure da parte delle autorità militari israeliane. 

    Gerusalemme (AsiaNews) – I bambini del villaggio di Jubbet al-Dhib (dintorni di Betlemme) continuano a studiare anche se la loro scuola è stata abbattuta. Lo scorso 22 agosto l’esercito israeliano aveva demolito la struttura perché edificata senza i “permessi necessari”. La scuola si trova nell’area C, sotto il controllo israeliano, vicino ad aree militari. L’edificio era composto da sei prefabbricati ed era stato finanziato dall’Unione Europea. Alcuni volontari ed insegnanti hanno montato una tenda sulle fondamenta spoglie della scuola, dove 60 bambini continuano ad andare a lezione ogni mattina.

    Khulud Darras, responsabile delle pubbliche relazioni per il ministero dell’istruzione a Betlemme, racconta ad AsiaNews di essersi recata sul luogo con Sami Mrou, direttore per l’istruzione generale e superiore a Betlemme.

    “Da quando la scuola è stata distrutta dall’esercito israeliano la situazione è molto dolorosa”, riferisce Darras. Tuttavia, “tutti i bambini mi hanno detto di essere felici [di avere una scuola nel loro villaggio] anche se è una tenda, poiché erano abituati a camminare per molti chilometri per raggiungere la scuola ‘più vicina’”.

    “Una mamma mi ha espresso la sua preoccupazione per il futuro della scuola, su quanto potrà essere adeguata una tenda durante le fredde e piovose giornate d’inverno che verranno”, continua Darras.

    “Per i palestinesi – conclude la responsabile – l’istruzione ha un grande valore, hanno un entusiasmo continuo verso di essa, perché rappresenta uno strumento di resistenza. Il ministero dell’istruzione collabora con la comunità internazionale per aiutare le comunità palestinesi in aree remote a godere del loro diritto ad istruirsi. Tuttavia, i bambini che vivono in queste zone devono sottostare alle barriere imposte dall’occupazione che ostacola l’accesso all’istruzione in Palestina, in particolare per le comunità remote vicine agli insediamenti, alle zone militarizzate o al muro di separazione. Gli studenti subiscono spesso molestie lungo la strada verso scuola, vengo richiamati, arrestati e intimiditi”.

    Dall’inizio del mese scorso, la scuola di Jubbet al-Dhib è stata la terza struttura scolastica della Cisgiordania ad essere demolita o privata di infrastrutture: l’unico asilo della comunità beduina di Jabal al-Baba è stata confiscato, e ad una scuola nel villaggio di Abu Nuwar sono stati portati via i pannelli solari, sola fonte di energia.

    La delegazione della Ue in Cisgiordania ha espresso “forte preoccupazione”, ricordando in una dichiarazione che “tutti i bambini hanno diritto ad un sicuro accesso all’istruzione e gli Stati hanno l’obbligo di proteggere, rispettare e adempiere a questo diritto”.

    A luglio, l’Ufficio delle Nazioni Unite per gli affari umanitari (Ocha) aveva sottolineato come fosse “quasi impossibile” per i palestinesi ottenere i permessi per costruire nelle aree C dei Territori. La Cisgiordania è divisa in tre aree a seconda dell’autorità amministrativa: l’area A è sotto il controllo palestinese, la B è sotto amministrazione congiunta. L’area C corrisponde al 60% del territorio cisgiordano ed è sotto il completo controllo di Israele. Secondo l’Ocha, è a causa di questa situazione se più di un terzo delle comunità palestinesi nell’area C non hanno scuole elementari. 

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    11/09/2017 14:45:00 ISRAELE – PALESTINA
    Jubbet al-Dhib, inaugurata nuova scuola ‘illegale’, dopo quella distrutta dai soldati

    Irruzione dell’esercito israeliano con gas lacrimogeni e granate. Ministero palestinese dell’istruzione: una sfida alle politiche coloniali. Sono cinque le scuole a rischio nell’area.



    16/09/2014 PALESTINA
    Anche a Gaza si torna a scuola. Ma i bambini "hanno perso la loro umanità"
    P. Manawel Musallam, preside di una scuola cattolica nella Striscia, racconta l'impossibile ritorno alla normalità dei ragazzi palestinesi. I bombardamenti israeliani hanno distrutto 24 scuole e danneggiato altre 190 in modo parziale. Su 1,8 milioni di abitanti, quasi il 45% della popolazione ha meno di 14 anni.

    25/12/2008 VATICANO
    Papa: nella notte di Natale pensiamo ai bambini che soffrono e a Betlemme senza pace
    L’invito a rivolgere l’attenzione ai piccoli ai quali è rifiutato l’amore dei genitori, a quelli “di strada”, a quelli costretti a fare il soldato o sfruttati dalla pornografia. “Cessino l’odio e la violenza” nella terra ove è nato Gesù.

    26/10/2004 ISRAELE – PALESTINA - TERRASANTA
    Nasce una scuola materna per arabi cristiani e musulmani

    Custode di Terra Santa: "E' un segno di speranza e di coraggio".



    25/07/2016 12:07:00 ISRAELE-PALESTINA
    Nuove scoperte e splendenti mosaici nei restauri alla chiesa della Natività di Betlemme (Foto)

    Riemersi dopo secoli i mosaici dei transetti: un’Ascensione di Gesù, con Maria, gli apostoli e gli angeli; l’incredulità di san Tommaso; l’entrata di Gesù a Gerusalemme; una trasfigurazione di cui restano solo pochi frammenti. Riportata alla luce la “firma” di un mosaicista del XII secolo.





    In evidenza

    GIAPPONE-VATICANO
    Mons. Kikuchi: In sintonia col papa e il card. Filoni per la missione in Giappone

    Tarcisio Isao Kikuchi

    Il vescovo di Niigata e presidente di Caritas Japan commenta a caldo il messaggio papale inviato ieri ai vescovi del Giappone. Le tappe del viaggio del card. Filoni, che toccherà anche Fukushima. Rimane ancora “irrisolta” la questione del rapporto con il Cammino neocatecumenale.


    VATICANO-GIAPPONE
    Papa ai vescovi giapponesi: Siate sale e luce della società, anche andando contro-corrente



    In occasione della visita pastorale del card. Fernando Filoni, Prefetto di Propaganda Fide, nel Paese del Sol levante, papa Francesco spinge i vescovi e la Chiesa giapponese a rinnovare il loro impegno missionario nella società, segnata da suicidi, divorzi, formalismo religioso, povertà materiale e spirituale. La richiesta di collaborare coi movimenti ecclesiali, forse in memoria delle polemiche passate con il Cammino neocatecumenale.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®