22/11/2012, 00.00
INDIA
Invia ad un amico

Karnataka, nazionalisti indù demoliscono una chiesa pentecostale

di Nirmala Carvalho
La Blessing Youth Mission del villaggio Chippagiri Gowtown era stata costruita 15 anni fa. Gli aggressori hanno minacciato di morte i fedeli e dato fuoco al luogo di culto. Il rev. Suresh ha denunciato il fatto alla polizia che ha espresso massima collaborazione.

Mumbai (AsiaNews) - Nazionalisti indù del Sangh Parivar hanno demolito una chiesa pentecostale del Karnataka. Lo riporta ad AsiaNews il Global Council of Indian Christians (Gcic), che sta fornendo assistenza legale ai cristiani colpiti. Il fatto è avvenuto nella tarda serata del 20 novembre scorso. La chiesa era la Blessing Youth Mission del villaggio Chippagiri Gowtown (distretto di Karwar), ed esisteva da 15 anni. Il rev. Suresh Kithan Siddi ha denunciato il fatto alla stazione di polizia, e un ufficiale ha promesso che i colpevoli verranno trovati e assicurati alla giustizia.

Intorno alle 22:30 (ora locale), un gruppo di nazionalisti indù ha chiuso a chiave nelle loro case i 30 fedeli della comunità pentecostale, minacciandoli di morte se avessero tentato di uscire. Intorno alle 23, gli aggressori hanno iniziato a demolire la chiesa. Per raderla al suolo, hanno appiccato il fuoco.

Secondo le ricostruzioni del pastore, gli aggressori sono membri della fazione locale del Sangh Parivar, movimento nazionalista indù che raccoglie e raccorda sotto il suo ombrello gruppi radicali come la Rashtriya Sawayamsevak Sangh (Rss), il Vishwa Hindu Prishad (Vhp) e il Bajrang Dal.

Un mese fa, alcuni di questi attivisti indù avevano accusato il rev. Suresh di praticare conversioni forzate, minacciandolo di "gravi conseguenze" se non si fosse fermato.

"I fedeli della chiesa - sottolinea Sajan George, presidente del Gcic - sono per lo più lavoratori giornalieri. La Costituzione indiana garantisce la libertà religiosa. Eppure, con la complicità delle amministrazioni, gli estremisti del Sangh Parivar tormentano, picchiano e rivolgono false accuse di conversioni forzate contro i cristiani. E, a volte, arrivano anche a demolire le chiese". 

 

Foto: Gcic

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Orissa, estremisti indù vietano la cremazione di un morto, perché voleva farsi cristiano
30/12/2010
Orissa, minacce "maoiste" contro radicali indù. Timore per i cristiani
15/12/2009
Vescovo dell’Orissa: il governo si dichiara estraneo al pogrom anti-cristiano. Mente
17/09/2009
Orissa, arrestati 12 tribali convertiti al cristianesimo senza il permesso delle autorità
29/03/2011
Assalto a due chiese protestanti nel Karnataka. La polizia accusata di favoreggiamento
01/09/2009