04 Dicembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 29/02/2012, 00.00

    CINA

    Kashgar, scontri fra uiguri e polizia: 12 morti



    La Xinhua non dice nemmeno i motivi degli scontri. Il World Uyghur Congress afferma che alla base vi è la frustrazione degli uiguri, colonizzati e oppressi dalla etnia cinese han. Per la Cina i gruppi sono "terroristi" e per questo frena la diffusione della religione islamica fra i giovani. Gli uiguri accusano Pechino di voler distruggere la loro cultura e fede.

    Pechino (AsiaNews/Agenzie) - Dodici persone sono state uccise in uno scontro fra manifestanti uiguri e polizia a Yecheng, 250 km a sud-est di Kashgar (Xinjiang). Lo scontro è avvenuto ieri verso le 18 (ora locale). La Xinhua non dice i motivi della rivolta e afferma solo che gli uiguri erano "violenti" e "armati di coltelli"; un giornale locale li definisce "terroristi".

    Il World Uyghur Congress, con base in Germania, afferma che in base a fonti locali, il gruppo ha ucciso sette poliziotti e tre civili; due degli assalitori sono stati colpiti dal fuoco della polizia. Secondo l'organizzazione i motivi sembrano pescare nella frustrazione degli uiguri ai quali è proibita ogni manifestazione e ogni critica alla politica del governo.

    Gli uiguri sono un gruppo musulmano di origine turco, che costituisce il 45% della popolazione dello Xinjiang; il 40% è composto da cinesi han, giunti col tempo con un progetto di colonizzazione della regione, dopo un breve periodo di indipendenza del Turkestan orientale. La Cina vuole evitare che la popolazione crei uno Stato indipendente, il cui territorio è ricco di petrolio e di gas. Gli uiguri invece chiedono maggiore autonomia nei confronti degli han che dominano l'economia e la politica dello Xinjiang.

    Nel luglio 2009 una serie di manifestazioni inizialmente pacifiche a Urumqi, si sono tramutate in scontri con la polizia e in conflitto fra uiguri e han, facendo centinaia di morti.

    L'estate scorsa sono avvenuti ancora scontri nella città di Hotan, dove gruppi di uiguri hanno razziato una sede della polizia.

    La Cina accusa gli uiguri di terrorismo e controlla con pugno di ferro la situazione. Ed essendo gli uiguri musulmani, controlla le moschee, le scuole coraniche e frena la diffusione della fede islamica fra i giovani. Gli uiguri accusano Pechino di voler distruggere la loro cultura e la fede.

    È probabile che questo nuovo scontro giustificherà un accrescimento dei controlli e della sicurezza nella regione, proprio mentre a Pechino fervono i preparativi per l'Assemblea nazionale del popolo, il parlamento cinese che si raduna una volta all'anno.

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    15/10/2009 CINA
    Altri sei condannati a morte per gli scontri nello Xinjiang
    Sale a 12 il numero delle pene capitali comminate. Ogni anno Pechino condanna centinaia di uiguri all’esecuzione capitale. Il World Uygur Congress: Fermate la repressione sanguinosa della Cina contro il popolo uiguri.

    29/07/2009 CINA
    Rebiya Kadeer: 10 mila scomparsi in una notte a Urumqi. Il silenzio degli Usa
    La leader uiguri, accusata da Pechino di essere dietro alle violenze nello Xinjiang, domanda un’inchiesta internazionale sui morti e gli scontri di Urumqi. Cina: Gli Usa sono d’accordo con noi che lo Xinjiang è un problema interno. Critiche di Pechino a Giappone e Australia per l’ospitalità alla Kadeer.

    04/08/2009 CINA
    Rebiya Kadeer: Pechino non ha potere sull’amore creato da Dio fra me e i miei figli
    La leader uiguri denuncia la manipolazione della Cina contro la sua famiglia e bolla come falsa la lettera di alcuni suoi figli, che l’accusano di aver creato gli incidenti nello Xinjiang. Molti figli della Kadeer sono in prigione. I metodi cinesi sono gli stessi del tempo della Rivoluzione culturale e simili a quelli contro il Dalai Lama.

    06/08/2009 CINA
    Rebiya Kadeer: Pechino fa tortura psicologica sui miei figli
    Due figli e un fratello della leader uiguri sono apparsi alla televisione cinese recitando le critiche che la Cina fa contro di lei: fomentatrice delle rivolte a Urumqi; separatista dello Xinjiang. Pechino ha criticato tutti i Paesi che simpatizzano con lei: Stati Uniti, Giappone, Australia, Turchia. “Pechino vuole imporre il suo autoritarismo su tutto il mondo”.

    24/03/2011 CINA
    Rebiya Kadeer: “Pechino ha lanciato una nuova repressione contro gli uiguri”
    Secondo la leader della minoranza etnica dello Xinjiang, l’ondata democratica che attraversa Africa e Medio Oriente “terrorizza la Cina, che vuole a tutti i costi distruggere ogni cosa che non sia uguale alle altre”.



    In evidenza

    IRAQ
    Parroco di Amadiya: profughi cristiani di Mosul, fra l’emergenza aiuti e l’attesa del rientro

    P. Samir Youssef

    In una lettera p. Samir Youssef racconta la situazione dei rifugiati, da oltre due anni lontani dalle loro case. Si segue con attenzione l’offensiva, anche se case e chiese “sono in gran parte” bruciate o distrutte. Con l’arrivo dell’inverno servono cherosene, vestiti, cibo e denaro per pagare il trasporto degli studenti. Un appello per continuare a sostenere la campagna di AsiaNews.


    IRAQ
    “Adotta un cristiano di Mosul”: il dono di Natale per attraversare l’inverno

    Bernardo Cervellera

    Le nuove ondate di profughi, con l’avanzata dell’esercito verso la Piana di Ninive e Mosul rischiano di far dimenticare i rifugiati che da due anni hanno trovato ospitalità nel Kurdistan. C’è bisogno di cherosene, vestiti per l’inverno, aiuti per i bambini, soldi per gli affitti. La campagna lanciata da AsiaNews due anni fa è più urgente che mai. Rinunciare a un dono superfluo per offrire loro un dono essenziale per vivere.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®