13 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan


  • » 28/06/2012, 00.00

    GIAPPONE

    Kashiwazaki, la Tepco vuole riattivare la più grande centrale nucleare del mondo



    Il Giappone è in ginocchio per la chiusura delle centrali atomiche, imposta sull’onda dell’emozione popolare dopo il disastro di Fukushima. Ora la società, che ha pagato miliardi di yen di danni al Paese, cerca di far ripartire il settore. E il governo stanzia mille miliardi per aiutarli. Uno scienziato di Singapore: “Con i giusti controlli, l’atomica è molto più sicura dei combustibili fossili”.

    Tokyo (AsiaNews) - La Tokyo Electric Power Co. (Tepco) si sta preparando per riattivare entro il prossimo anno la più grande centrale atomica del mondo, danneggiata e chiusa per riparazioni dopo il terremoto che nel 2007 ha colpito il Giappone. La Tepco, proprietaria anche della centrale di Fukushima, lavora in stretta collaborazione con il governo: nonostante le proteste politiche e popolari, il primo ministro nipponico Noda ha infatti dato il via alla ripresa delle produzione di energia nucleare.

    Naomi Hirose, 59enne presidente della Tepco, ha spiegato in un'intervista che riattivare la stazione Kashiwazaki Kariwa "fa parte del nostro piano A per salvare il Paese dal crack energetico. E non abbiamo un piano B". Nei fatti, anche la compagnia si trova in una situazione disastrata: il terremoto e lo tsunami che un anno fa colpirono la zona di Fukushima, provocando la parziale fusione del nocciolo della centrale, sono costati alla compagnia miliardi di yen.

    Ora però il governo spera di ripartire, anche perché i prezzi dell'energia e della produzione industriale stanno mettendo in ginocchio l'economia nazionale. Tokyo ha stanziato mille miliardi di yen - quasi 12,6 miliardi di dollari - per abbassare il costo dell'elettricità e riparare le centrali. Ma i test di sicurezza imposti dal ministero dell'Energia alle 50 centrali nucleari del Paese sono talmente rigidi che soltanto 2 hanno ottenuto il permesso di riattivarsi. Secondo Tomoko Murakami, analista dell'Istituto energetico ed economico della capitale, "pensare di riattivare la Kashiwazaki entro un anno è solo un pio desiderio".

    Prima della crisi di Fukushima, in Giappone il 30 % dell'energia per uso civile era generata dalle centrali nucleari. I programmi del governo prevedono nel lungo termine una riduzione della dipendenza dal nucleare, impraticabile al momento, a favore delle energie rinnovabili: ieri il Parlamento ha approvato uno stanziamento di fondi per sostenere questo campo energetico, ma ha sottolineato che vi vorrà "molto tempo" prima che possa competere con l'energia atomica.

    Il settore industriale nipponico ha premuto sin dai primi giorni dopo il disastro per riattivare le centrali e ha ottenuto il ritorno del nucleare grazie a dati oggettivi, tra cui il serio rischio di blackout, che indicano che il fabbisogno energetico della popolazione non può essere soddisfatto senza ricorrere al nucleare o ridurre sensibilmente il tenore di vita degli abitanti. Un esempio su tutti il ricco Kansai (Giappone centrale), dove le stime rimarcano un calo produttivo del 15 % sul picco della domanda estiva.

    Secondo il professor Augustin Boey, ricercatore nel campo dell'energia atomica presso l'Università di Singapore, "le energie rinnovabili come quella nucleare sono la chiave per lo sviluppo delle nazioni industrializzate, che devono tenere conto di una richiesta sempre maggiore di energia. Con un serio controllo internazionale e nazionale, teso a garantire la sicurezza, questo campo non è causa di allarme. Mentre lo è sicuramente continuare a basarsi sull'energia che deriva dai carburanti fossili".

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    26/10/2016 08:56:00 GIAPPONE
    Enormi costi per smantellare l’impianto nucleare di Fukushima

    Governo e Tepco (la compagnia che gestiva l’impianto) calcolano che occorreranno circa 30 anni e 2mila miliardi di yen. Lo smantellamento include la rimozione delle scorie nucleari, la costruzione di strutture per rendere stabile il reattore; la decontaminazione dell’area con la rimozione del suolo, degli edifici e degli alberi contaminati.



    05/07/2012 GIAPPONE
    Fukushima “è stato un disastro causato dall’uomo”
    La Commissione parlamentare indipendente presenta alla Dieta i risultati dell’inchiesta sulla tragedia dell’11 marzo 2011: “Non è stata colpa del terremoto o dello tsunami, ma dell’inadeguatezza dei sistemi di prevenzione. La colpa è del governo e della Tepco, che hanno sottovalutato quanto stava avvenendo”.

    11/08/2015 GIAPPONE
    Giappone, a quattro anni da Fukushima, riattivata una centrale nucleare
    Il disastro avvenuto nel 2011 spinse il governo a mettere un bando ai reattori, spenti del tutto nel settembre 2013. Il costo dell’energia e la necessità di far ripartire la produzione industriale dietro la decisione dell’esecutivo. In vigore “regole nuove e più severe”, che secondo il premier Abe “eviteranno che avvenga una nuova tragedia”. La Chiesa cattolica contraria: “Guardiamo in faccia i limiti, nostri e della scienza”.

    30/06/2011 GIAPPONE
    Sisma in Giappone, 7 feriti. Il Paese ripensa le politiche energetiche
    L’epicentro è nella zona centrale, nella prefettura di Nagano. Dopo Fukushima il Paese si domanda con angoscia come ricostruire la zona colpita dal sisma e dallo tsunami, facendo a meno dell’energia atomica. Già da domani la fornitura alle industrie diminuirà del 15%. Per i privati si tratta di una cambiamento del sistema di vita. Il governo distribuisce “denaro di condoglianze” a coloro che hanno perduto un loro parente. Ma non tutti lo accettano.

    01/07/2014 GIAPPONE
    Vescovo di Niigata: Non dimentichiamo le sofferenze di Fukushima, basta con il nucleare
    Il presule ha partecipato all'incontro dedicato alla ricostruzione e al sostegno ai sopravvissuti del Grande terremoto del 2011. La zona di Sendai "è devastata. Alla gente è stata tolta la vita ordinaria, e per molti di loro sarà impossibile riaverla indietro. La maggioranza della popolazione non si cura più delle difficoltà quotidiane della gente di Fukushima. Ma anche se non siamo responsabili diretti del disastro, abbiamo la responsabilità di prendere nuove scelte sull'argomento".



    In evidenza

    MEDIO ORIENTE - USA
    Gerusalemme capitale, cristiani in Medio oriente contro Trump: distrugge le speranze di pace



    Il patriarcato caldeo critica una scelta che “complica” la situazione e alimenta “conflitti e guerre”. Il card. Raï parla di “decisione distruttiva” che viola le risoluzioni internazionali. Il papa copto Tawadros II cancella l’incontro col vice-presidente Usa Pence. Continua la protesta “rassegnata” dei palestinesi. Attivisti israeliani: gli Usa hanno abdicato al ruolo di mediatori nella regione. 

     


    CINA
    Le false promesse di Xi Jinping e la cacciata della ‘popolazione più bassa’ da Pechino

    Willy Wo-Lap Lam

    Decine di migliaia di migranti e le loro famiglie sono stati espulsi e mandati via dalla capitale. Eppure al recente Congresso del Partito, il presidente Xi ha promesso sostegno e aiuti contro la povertà. Nessuna ricompensa e nessun aiuto legale o caritativo per gli sfollati. Esiste nel Paese un “darwinismo sociale”, che condanna all’emarginazione le classi rurali e fa godere di privilegi e aiuti le classi cittadine. Per gentile concessione della Jamestown Foundation.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®