06/03/2014, 00.00
NEPAL - CINA
Invia ad un amico

Kathmandu vieta ai tibetani di celebrare i moti per l'indipendenza dalla Cina

di Christopher Sharma
Il nuovo governo, guidato dal Congress, avvisa la comunità: "Niente proteste, neanche pacifiche. Altrimenti sarete arrestati". L'insurrezione del 1959 è un evento ancora molto sentito dai tibetani di tutto il mondo: dopo la repressione iniziò la diaspora, e il Dalai Lama fuggì in India. Attivista per i diritti umani: "Questa non è democrazia".

Kathmandu (AsiaNews) - Il governo nepalese ha intimato alla comunità tibetana residente nel Paese di non celebrare, neanche in forma pacifica, la fallita insurrezione anti-cinese del 10 marzo 1959. La data è molto sentita dai tibetani di tutto il mondo, che ricordano i moti popolari contro la dominazione dell'esercito maoista. Quella protesta venne schiacciata dal governo cinese e costrinse il Dalai Lama a lasciare il Paese per rifugiarsi in India.

Il nuovo governo nepalese, guidato dal presidente del Congress Shusil Koirala, ha emanato a tutte le stazioni di polizia un avviso che impone l'arresto dei manifestanti e la dispersione di ogni forma di attività condotta dai tibetani residenti in Nepal. Ganesh KV, ufficiale di polizia di Kathmandu, conferma: "A seguito delle direttive dell'esecutivo, abbiamo diramato l'allerta. I tibetani non devono riunirsi: abbiamo l'ordine di arrestare e intraprendere altre azioni legali qualora qualcuno dovesse protestare contro la Cina".

A seguito proprio della fallita insurrezione anti-cinese, un grande numero di tibetani ha lasciato il proprio Paese per stabilirsi in India e in Nepal. Qui vivono circa 20mila tibetani, che il governo tiene sotto stretto controllo per evitare problemi con Pechino. Il Nepal e la Cina hanno iniziato da circa un decennio un percorso di ri-avvicinamento economico, politico e diplomatico: Kathmandu teme di perdere le ricche commesse dell'imprenditoria cinese e quindi cerca in ogni modo di evitare tensioni.

Il nuovo governo aveva acceso le speranze della comunità tibetana, ma questa direttiva ha confermato che tutto resta com'è. Gyalbo Lama, attivista per i diritti dei tibetani in Nepal, dice: "Il partito del Congress dice di essere democratico, ma non è in grado di garantire i valori democratici e il diritto alla protesta pacifica dei suoi cittadini. Abbiamo il diritto di riunirci, se non commettiamo reati, e dovremmo essere liberi di pregare dove vogliamo. Invece, gli agenti del governo ci seguono e violano i nostri diritti anche quando preghiamo. Questa non può essere democrazia".

 

 

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Tibet, "irriconoscibile" il Buddha vivente arrestato e torturato dopo le proteste del 2008
04/09/2014
Tibetani in Nepal nel mirino delle autorità: raid e arresti sommari
12/03/2014
In Cina diventa una festa il ricordo della repressione del Tibet nel 1959
19/01/2009
Rappresentante del Dalai Lama: Lo spirito dei tibetani resta forte, Pechino ci ascolti
10/03/2014
Il ritiro del Dalai Lama, “atto d’amore per il Tibet”
11/03/2011