16 Gennaio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  •    - Kazakistan
  •    - Kyrgyzstan
  •    - Tagikistan
  •    - Turkmenistan
  •    - Uzbekistan
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 28/10/2006, 00.00

    KAZAKISTAN

    Kazakistan, modifiche alle leggi sulla libertà religiosa



    Anche se le autorità dicono che non ci saranno peggioramenti, molti gruppi protestanti temono maggiori limitazioni per la loro attività. Le piccole comunità sono spesso vessate con multe e tempi lunghi per ottenere le necessarie autorizzazioni. 

    Astana (AsiaNews/Forum18) – Il Comitato per la sicurezza nazionale del Kazakistan (Knb) vuole modificare entro l'anno la legge sulla libertà religiosa. C'è preoccupazione in molte comunità religiose, anche se Askar Amerkhanov, vice presidente operativo del Centro antiterrorismo del Knb assicura che "i cambiamenti non danneggeranno i fedeli".

    L'agenzia Forum 18 ha ricordato ad Amerkharov che il 15 settembre ha annunciato la volontà di contrastare i gruppi religiosi ritenuti avere "effetti distruttivi sulle persone". Il funzionario ha risposto, il 23 ottobre, che le sue parole sono state "riportate in modo distorto".

    Amanbek Mukhashev, vice presidente del Comitato per gli affari religiosi del ministero della  Giustizia, ha detto che tra i gruppi ritenuti "dannosi" "non ci sono organizzazioni cristiane. Il Kazakistan è uno Stato di diritto e solo il tribunale può stabilire se un'organizzazione sia dannosa".

    I gruppi religiosi temono possibili restrizioni all'attività missionaria e divieti per i contributi dei fedeli. Aleksandr Klyushev, presidente dell'Associazione delle organizzazioni religiose, teme che le modifiche "causeranno grandi difficoltà alla chiese protestanti".

    Lo Stato ha introdotto nel 2005 drastiche limitazioni alla libertà religiosa, rendendo obbligatoria la registrazione e l'approvazione statale per ogni attività e materiale religioso, al dichiarato fine di tutelare la "sicurezza nazionale" e di "combattere l'estremismo".

    Ma la legge non chiarisce cosa siano "l'estremismo" e "la sicurezza nazionale", per cui c'è sempre il pericolo che sia utilizzata per colpire associazioni religiose non gradite. Molti piccoli gruppi protestanti incontrano difficoltà ad ottenere la necessaria registrazione e i fedeli subiscono pesanti multe per "attività illegale", spesso consistente in funzioni religiose tenute senza autorizzazione.

    Franz Tiessen, capo dell'Unione dei cristiani battisti kazaki, racconta che molte comunità "aspettano da oltre un anno" la chiesta registrazione, specie nelle regioni meridionali come Jambyl e Chimkent. Intanto diversi fedeli sono stati multati da 13 mila a 20 mila tenges (tra 80 e 125 euro) per attività religiosa illegale. Uno stipendio mensile medio è di circa 31.500 tenge (200 euro).

    Fonti locali riferiscono che a Chimkent un gruppo pentecostale è stato registrato come affiliato di una chiesta di Almaty dopo 2 anni e mezzo dalla richiesta. "Se loro [le autorità] vedono che il pastore ha un nome kazako – riferisce la fonte a Forum 18 – ci sono sempre difficoltà". "Chi si converte al cristianesimo incontra molte pressioni, sia dai parenti che da funzionari pubblici".

    Su una popolazione di 14, 29 milioni di abitanti, il 42,7% dei kazaki è musulmano; i cristiani sono il 16%; i cattolici sono circa 200 mila. In generale l'Islam kazako è moderato, ma ci sono spinte fondamentaliste provenienti da Afghanistan, Pakistan e Uzbekistan. (PB)

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    23/09/2011 KAZAKISTAN
    Il parlamento kazako approva a tempo di record le leggi sulla libertà religiosa
    Registrazione obbligatoria per tutte le comunità religiose, censura dei testi giudicati pericolosi per lo Stato e limiti alla costruzione di edifici di culto. Le modifiche erano state proposte lo scorso 5 settembre. Il senato inizierà la votazione entro due settimane.

    27/11/2008 KAZAKISTAN
    Il parlamento kazako approva grandi restrizioni alla libertà religiosa
    Proibita qualsiasi attività non autorizzata, anche solo riunirsi per pregare o fare attività di carità. Severe pene per i trasgressori. “Disappunto” nell’Ocse, che aveva chiesto ulteriori consultazioni. I commenti e le preoccupazioni di vari gruppi religiosi.

    29/07/2011 KAZAKISTAN
    Libertà religiosa in Kazakistan: “Una nazione, una religione”
    Così dice l'agenzia che controlla i gruppi religiosi. Il presidente Nazarbaev invoca stretti controlli contro l’estremismo religioso. Ma i gruppi religiosi minoritari temono una maggiore repressione, molti di loro sono stati cacciati dai loro luoghi di riunione.

    26/05/2012 KAZAKISTAN
    Con prove inventate, le autorità kazake condannano un cristiano battista
    Vasily Stakhnev dovrà pagare una forte multa per aver “distribuito illegalmente” materiale religioso. Egli ha già annunciato il ricorso in appello contro la sentenza. I battisti bersaglio delle autorità perché rifiutano la registrazione. In pochi mesi la legge sulle religioni ha portato alla cancellazione di circa 600 fra chiese e confessioni.

    26/07/2007 KAZAKISTAN
    Cristiani cacciati di casa per impedire gli incontri di preghiera
    Da anni le autorità colpiscono con carcere e pesanti multe gli incontri dei gruppi religiosi non registrati, specie i cristiani battisti. Ora sequestrano le case per impedire gli incontri o per costringerli a pagare le multe.



    In evidenza

    COREA
    La Corea del Nord invierà una delegazione olimpica di alto livello a Pyeongchang



    Dopo due anni di tensioni, il primo incontro fra delegazioni di Nord e Sud Corea. Seoul propone che gli atleti di Nord e Sud marcino fianco a fianco nelle cerimonie di apertura e chiusura dei Giochi (9-25 febbraio 2018).


    VATICANO
    Papa: il rispetto dei diritti di persone e nazioni essenziale per la pace



    Nel discorso ai diplomatici Francesco ha chiesto la soluzione di conflitti – a partire dalla Siria – e tensioni – dalla Corea a Ucraina, Yemen , Sud Sudan e Venezuela – e auspicato accoglienza per i migranti e per gli “scartati”, come i bambini non nati o gli anziani e rispetto per i diritti alla libertà religiosa e di opinione, al lavoro.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®