25 Luglio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  •    - Brunei
  •    - Cambogia
  •    - Filippine
  •    - Indonesia
  •    - Laos
  •    - Malaysia
  •    - Myanmar
  •    - Singapore
  •    - Tailandia
  •    - Timor Est
  •    - Vietnam
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 13/07/2017, 11.27

    MALAYSIA

    Kelantan, l’assemblea legislativa introduce la fustigazione pubblica



    Il provvedimento è stato proposto dal Partito islamico pan-malaysiano (Pas), al governo nello Stato nord-orientale. Sarà responsabilità dei tribunali della Sharia decidere se la punizione debba esser condotta in prigione o in maniera pubblica. Il Pas preme per introdurre nell’ordinamento un severo codice criminale islamico. Il partito etnico cinese: “Tendenza molto pericolosa”.

    Kota Baru (AsiaNews/Agenzie) – L'Assemblea legislativa del Kelantan, Stato del nord-est della Malaysia, ha approvato ieri il riesame delle sue leggi islamiche per consentire la fustigazione pubblica, suscitando nel Paese polemiche e accuse di incostituzionalità della norma. Il provvedimento è stato proposto dal Partito islamico pan-malaysiano (Pas), formazione al governo. Mumtaz Md Nawi, presidente della Commissione per le donne, la famiglia e la previdenza sociale ha sostenuto la proposta, che poi ha passato il vaglio dell'Assemblea statale senza alcuna disputa.

    Il Pas preme per introdurre nell’ordinamento del Kelantan un severo codice criminale islamico, noto come hudud, che include sanzioni quali le amputazioni per furti e la lapidazione a morte per adulterio. Nel 2015, l'Assemblea aveva approvato una legge che imponena l’hudud, ma non è stata attuata in quanto vietata dalla Costituzione federale malaysiana.

    Dopo il voto di ieri, il vice primo ministro Mohd Amar Nik Abdullah ha dichiarato che per ogni singolo caso, sarà responsabilità dei tribunali della Sharia decidere se la fustigazione debba esser condotta in prigione o in maniera pubblica. Datuk Mohamad Shukri Mohamad, mufti del Kelantan, ha affermato che la fustigazione non è concepita per causare lesioni fisiche, ma serve da lezione per scoraggiare gli accusati e la comunità intera a ripetere il reato.

    La flagellazione pubblica nel Kelantan si applicherebbe alle questioni decise dai tribunali islamici. La Malaysia adotta un sistema giuridico a due binari e i tribunali islamici possono deliberare su questioni religiose e familiari per i musulmani come il divorzio, la custodia e l’eredità, nonché i casi di adulterio. I reati penali sono invece trattati in base alla legge federale, che consente la fustigazione condotta all’interno delle carceri.

    L’Associazione malaysiana cinese, un partito etnico della coalizione al governo del Paese, afferma che la pubblica fustigazione è contro la Costituzione federale. Ti Lian Ker, presidente della Commissione per l’armonia religiosa del partito, ha dichiarato: “Ignorando la Carta come legge suprema della nazione, il Pas sta determinando una tendenza molto pericolosa”.

    Oltre il 60% dei 32 milioni di abitanti della multietnica Malaysia professano un islam tollerante. Tuttavia, negli ultimi anni gruppi e movimenti estremisti , che propongono una visione assolutista della religione, hanno guadagnato terreno nella scena politica del Paese.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    29/06/2016 09:18:00 MALAYSIA-ISLAM
    Kelantan, il governo vuole introdurre la sharia: critiche delle minoranze e dell’opposizione

    La proposta di legge sancirebbe la lapidazione per le adultere e il taglio della mano per i ladri. L’ex premier Mahathir: “È una mossa del governo per farsi alleato il partito islamico. La legge è ingiusta e non rispecchia l’islam”. Minoranze religiose: “Questa misura va contro la Carta e mette in pericolo la libertà religiosa”.

     



    17/10/2016 13:01:00 MALAYSIA
    Cristiani, indù e buddisti contro il super potere dei tribunali della sharia

    Oggi il parlamento discute la proposta di modifica all’Act 335, che regola la giurisdizione delle corti islamiche. Il provvedimento toglierebbe ogni limite alle punizioni hudud (comandate dalla sharia). Appello del Consiglio delle chiese della Malaysia (Ccm): “Parlamentari boccino la legge, devono difendere la Costituzione laica”.



    18/02/2010 MALAYSIA
    Kuala Lumpur applica la shariah, tre donne fustigate in carcere per adulterio
    La condanna eseguita per la prima volta. Le vittime hanno subito sei colpi di bastone ciascuna. Condannati anche quattro uomini per sesso al di fuori del matrimonio. Ministro degli interni: è un modo per riportare le persone “sulla retta via”. Attesa per l’appello a carico della modella punita per aver bevuto birra.

    24/08/2009 MALAYSIA
    Sospese le frustate alla modella, gesto di “pietà” per il Ramadan
    La donna era stata condannata a sei frustate per aver consumato birra in un locale notturno. La sentenza verrà eseguita al termine del mese sacro di digiuno e preghiera. Maggioranza e opposizione malaysiane tacciono sulla vicenda per non perdere il sostegno dell’ala fondamentalista.

    29/09/2009 MALAYSIA
    Sentenza confermata in appello, la modella malaysiana sarà frustata
    Il giudice capo ha stabilito che la decisione è conforme alla legge. Al Dipartimento religioso dello Stato di Pahang il compito di eseguire la condanna. A fine agosto la pena era stata sospesa in segno di “rispetto” per il Ramadan e il governo aveva chiesto una revisione del caso.



    In evidenza

    CINA-VATICANO
    I 60 anni dell’Associazione patriottica cinese: la Chiesa sottomessa alla politica

    Shan Ren Shen Fu (山人神父)

    Sebbene in tono basso - forse per i dialoghi col Vaticano - è risuonato ancora lo slogan per una Chiesa “autonoma” e “indipendente” (dalla Santa Sede) e sottomessa in tutto alla politica del Partito. I vescovi ufficiali muoiono come “funzionari di Stato”, lontani dai fedeli. Alcuni sono richiesti di iscriversi al Partito che obbliga i suoi membri all’ateismo. Fra i vescovi ufficiali mancano “testimoni”, ma vi sono alcuni “opportunisti”. L'opinione di un sacerdote della Chiesa ufficiale.


    VATICANO
    Papa: appello per “moderazione e dialogo” a Gerusalemme



    All’Angelus Francesco, preoccupato per le violenze in atto nella Città santa, invita a pregare  preghiera “affinché il Signore ispiri a tutti propositi di riconciliazione e di pace”. Il male e il bene sono “intrecciati” in ognuno di noi e non spetta all’uomo distinguere né giudicare.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®