23 Gennaio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 22/02/2017, 12.56

    INDIA

    Kerala, facoltà cattolica di Giurisprudenza propone una modifica del codice civile

    Nirmala Carvalho

    A tema la discussione sull’uniformazione delle leggi in tema di matrimonio. Nel Paese tutte le comunità religiose seguono regole diverse. Le più contestate solo quelle che legittimano il divorzio breve islamico. “La Chiesa cattolica appoggia tutte le proposte che sostengono uguaglianza, fraternità e libertà”.

    Thiruvananthapuram (AsiaNews) – Una facoltà cattolica di Giurisprudenza ha inviato a Delhi una proposta di modifica del codice civile indiano. Si tratta della Mar Gregorios College of Law di Thiruvananthapuram, in Kerala. I suoi studenti hanno partecipato ad una competizione nazionale, lanciata dalla Commissione legislativa. Il governo di Delhi ha formulato un questionario tramite il quale ha invitato la popolazione a presentare suggerimenti su uno dei temi più discussi degli ultimi tempi: l’uniformazione del codice civile, in particolare delle norme che regolano matrimonio, divorzio, eredità, mantenimento ed adozione. Ad AsiaNews p. Paul Thelakat, direttore di “Light of Truth” ed ex portavoce del Sinodo siro-malabarese, tiene a sottolineare che “si tratta di una semplice competizione studentesca, che non riguarda le posizioni della Chiesa”.

    Il sacerdote aggiunge che le autorità ecclesiastiche sono sì “interessate a definire una politica ben precisa, ma il compito di stipularla spetta al dibattito in sede accademica. Di certo la Chiesa darà la sua opinione, ma la cosa più importante è che nel Paese ci sia unità sui principi di base. Essi sono uguaglianza, fraternità e libertà, così come affermati nella Costituzione”.

    Il dibattito su un codice civile uniforme va avanti da mesi. L’aspetto del diritto matrimoniale in India è molto complesso e regolato da varie norme. La Costituzione prevede l’esistenza di codici civili diversi, in modo da tutelare al meglio le varie comunità religiose presenti nel Paese. L’articolo 44 della Costituzione è menzionato tra i “principi direttivi” (cioè linee guida, non norme obbligatorie) e invita all’attuazione di un codice civile uniforme, ma poi lascia ampia libertà di autodeterminazione tra le comunità.

    Le discussioni vertono sulla modifica di questo articolo e una maggiore tutela delle donne musulmane. Nel Paese il diritto matrimoniale islamico è regolato dal Muslim Personal Law (Shariat) Application Act 1937, una legge approvata sotto il dominio coloniale britannico. Siglata con l’intento di garantire il rispetto della tradizione culturale islamica, con gli anni la legge ha consentito di “giustificare” pratiche discriminatorie. Le donne più volte hanno denunciato un vero e proprio abuso del divorzio verbale (triplo talaq), che spesso è attuato anche “a distanza” con l’invio di messaggi sul cellulare o per posta.

    Secondo p. Thelakat, “ciò che deve regnare è l’approccio umano e il rispetto di tutti i cittadini. La Chiesa cattolica sosterrà con entusiasmo ogni iniziativa in questo senso”. Egli riporta che in alcuni contesti le leggi sono già uniformi, il particolare in ambito criminale, dove “non esistono distinzioni di casta, religione, lingua o provenienza regionale. Solo in materia civile non c’è uniformità”.

    Tale uniformità però, avverte, “non può essere raggiunta con imposizioni dall’esterno da parte di uno Stato che vuole interferire negli affari religiosi creando una tirannia del monologo. L’uniformità si ottiene solo portando tutte le comunità interessate ad avere fiducia nel dialogo”. “Il nostro desiderio – conclude – è che qualche riforma avvenga anche dall’interno delle stesse comunità, come rinnovamento e ripensamento di se stesse”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    03/06/2016 13:45:00 INDIA
    India, 50mila musulmane sfidano il “divorzio breve” islamico

    Il matrimonio religioso è regolato da una norma del 1937, approvata sotto il regime coloniale. La legge si applica in tema di matrimonio, divorzio, eredità, proprietà. Le donne sono discriminate e vittime di sfruttamento. La Costituzione indiana “invita” ad uniformare i codici civili, ma la legislazione spetta al Parlamento.



    29/12/2017 11:47:00 INDIA
    Delhi, fuori legge il ‘divorzio breve’ islamico

    La norma approvata ieri dalla Lok Sabha, ora l’ultima parola spetta alla Camera alta. Previste pene fino a tre anni di reclusione. Mons. Theodore Mascarenhas: “Sosteniamo i diritti e la dignità delle donne”. Ogni comunità religiosa “responsabile dei propri affari religiosi”.



    23/08/2017 13:09:00 INDIA
    Musulmane dell’India: il bando del ‘divorzio breve’, una vittoria solo a metà

    Ieri la Corte suprema ha sospeso la pratica e invitato il Parlamento a formulare una legge in materia. La nuova norma sul diritto matrimoniale islamico deve essere approvata entro sei mesi. Attivista: “Finalmente anche le donne musulmane potranno godere dei propri diritti”.



    17/06/2005 INDIA
    India, donna costretta a sposare il violentatore divide i musulmani
    Il Consiglio islamico di zona vuole che sposi il suocero che l'ha stuprta, ma secondo l'All India Muslim Personal Law Board: "Per la Sharia questa decisione è ingiusta".

    06/11/2015 INDIA
    Alta corte del Gujarat: Bisogna abolire la poligamia in tutta l’India
    Secondo il tribunale si deve uniformare il codice civile indiano su tutto il territorio. La legge personale islamica permette fino a quattro matrimoni ma la Costituzione indiana punisce la poligamia. Giudice: “Il Corano concede agli uomini di risposarsi solo in alcune condizioni, per il bene dei bambini per esempio, e non per soddisfare i loro desideri sessuali”. Il divorzio unilaterale discrimina la donna; è compito dei dottori della legge islamica assicurare che gli uomini non abusino della legge coranica.



    In evidenza

    EGITTO-LIBANO
    Al Cairo, musulmani e cristiani si incontrano per Gerusalemme, ‘la causa delle cause’

    Fady Noun

    Si è tenuta il 16 e 17 gennaio all’istituto sunnita al-Azhar. Hanno preso parte molte personalità del Libano, fra cui il patriarca maronita Bechara Raï. I mondo arabo diviso fra “complice passività” e “discorsi rumorosi ma inefficaci”. Ex-premier libanese: coordinare le azioni per una maggiore efficienza al servizio di una “identità pluralistica di Gerusalemme” e della “libertà religiosa”. Card. Raï: serve preghiera congiunta, la solidarietà interreligiosa islamico-cristiana in tutto il mondo arabo e sostenere i palestinesi.


    CINA
    Yunnan: fino a 13 anni di prigione per i cristiani accusati di appartenere a una setta apocalittica



    Le setta in questione è quella dei Tre gradi del Servizio, un gruppo pseudo-protestante sotterraneo fondato nell’Henan e diffuso soprattutto nelle campagne. I condannati rivendicano di essere solo cristiani e di non sapere nulla della setta. Gli avvocati difensori minacciati della revoca della loro licenza.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®