18 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 02/10/2017, 08.56

    IRAQ

    Kerbala, sciiti irakeni celebrano l’Ashura in salsa anti-curda



    Le celebrazioni si sono svolte ieri nella città santa, per ricordare l’uccisione del nipote di Maometto. Oltre 25mila agenti stanziati a sicurezza dei fedeli. I partecipanti hanno promosso slogan e canti contro il leader curdo Barzani. Nel mirino la ““cospirazione separatista nel nord dell’Iraq”.

     

    Baghdad (AsiaNews/Agenzie) - Centinaia di migliaia di pellegrini musulmani sciiti hanno visitato ieri la città santa di Kerbala, in Iraq, per celebrare in salsa “anti-curda” la  festa dell’Ashura. Le autorità di Baghdad hanno stanziato oltre 25mila agenti, per tutelare l’incolumità dei fedeli che hanno partecipato alla ricorrenza che ricorda l’uccisione, sette secoli fa, del nipote del profeta Maometto.

    Nel recente passato gruppi sunniti e movimenti jihadisti - fra cui lo Stato islamico (SI) - hanno approfittato della giornata per sferrare attacchi sanguinari. 

    Quest’anno non si sono registrati incidenti di rilievo; tuttavia, le cerimonie sono state contraddistinte da canti e slogan contro il leader curdo Massud Barzani. Fra questi, “Barzani sei l’artefice della divisione del Paese” e “Non credere che ti lasceremo Kirkuk”. 

    Il 25 settembre scorso la regione autonoma nel nord dell’Iraq ha tenuto un referendum per l’indipendenza, che si è chiuso con una schiacciante vittoria dei favorevoli (oltre 90% di sì). Il voto si è svolto anche nel territorio conteso di Kirkuk. 

    Hamed al-Obays, uno degli organizzatori della processione, afferma che i canti intendono contrastare la “cospirazione separatista nel nord dell’Iraq”. I pellegrini in marcia, fra lacrime e colpi al petto, hanno espresso il loro duplice lutto per tutta la durata della cerimonia. Alcuni di essi hanno anche brandito spade, dalle quali colavano gocce di sangue che macchiavano i vestiti. 

    La festa annuale dell’Ashura celebra l’uccisione dell’imam Hussein da parte delle forze del Califfo Yazid nel 680 d.C., uno degli eventi centrali dell’islam sciita. La sua morte si inserisce nel contesto della disputa sulla successione al profeta Maometto, che si è poi conclusa con la divisione fra sunniti e sciiti. 

    Fra i pellegrini, molti erano quelli provenienti dal vicino Iran e da altre nazioni della regione, che si sono riuniti nella città santa distante circa 80 km in direzione sud-ovest dalla capitale. Milioni in tutto il mondo sciita, dal Libano alle nazioni dell’Asia del sud, hanno organizzato delle processioni nelle rispettive città di origine, accompagnate da rituali tradizionali fra cui la flagellazione. (DS)

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    25/10/2017 08:48:00 IRAQ
    Erbil offre a Baghdad il ‘congelamento’ dei risultati del referendum sull’indipendenza

    Le autorità curde propongono il cessate il fuoco per “prevenire ulteriori violenze e scontri”. Da Erbil anche la proposta di un “dialogo aperto” fra le due parti. Il Parlamento curdo posticipa le elezioni legislative e presidenziali del Primo novembre. L’offerta di una mediazione Onu per “superare la crisi”. 

     



    17/10/2017 12:33:00 IRAQ
    L’esercito irakeno strappa ai curdi due centri petroliferi alla periferia di Kirkuk

    Presi i centri di Bay Hassan e Havana, dal 2014 in mano a Erbil. Ogni giorno producono 250mila barili e garantivano il 40% delle esportazioni della regione autonoma. Il sostegno turco a Baghdad e l’appello alla calma e al dialogo degli Stati Uniti. Intellettuali curdi: gli elettori al referendum “imbrogliati da false promesse”. 

     



    16/10/2017 08:59:00 IRAQ
    Kirkuk, scontri fra esercito irakeno e curdi. Timori per un nuovo conflitto

    Scambi di artiglieria e razzi fra i due fronti nella mattinata di oggi alla periferia sud della città. Baghdad vuole riassumere il controllo di importanti pozzi petroliferi, di una base militare e dell’aeroporto. Dall’area proviene il 40% del petrolio esportato dalla regione autonoma del Kurdistan. 

     



    27/09/2017 14:13:00 IRAQ
    Referendum curdo: alta e libera la partecipazione dei cristiani. Tutti temono la risposta turca

    La popolazione, anche cristiana, si è espressa con un alto grado di partecipazione e senza forzature o pressioni. Fonte di AsiaNews: un voto che chiede di ridisegnare gli equilibri nell’area, dopo Saddam, le violenze estremiste e l’Isis. Il “dialogo coraggioso” chiesto dal patriarcato caldeo per una soluzione politica. Paura per le “gravissime” minacce di Erdogan. 

     



    12/10/2017 08:55:00 IRAQ
    Tribunale irakeno ordina l’arresto di funzionari curdi pro indipendenza

    Il provvedimento riguarda un gruppo di ufficiali coinvolti nelle operazioni di supervisione del voto. Il referendum è “contrario alle direttive dell’Alta corte federale”. Per i curdi la vittoria del “sì” conferisce il mandato pre trattare la secessione. Per Baghdad è un voto senza valore e in contrasto con la Costituzione. 

     





    In evidenza

    IRAQ
    Parroco di Amadiya: Avvento fra i profughi di Mosul, la solidarietà più forte delle difficoltà (Foto)



    P. Samir racconta un clima di gioia e di speranza, nonostante la mancanza di risorse e il calo negli aiuti. La lotta per sopravvivenza ha accresciuto il legame di unione fra cristiani e con musulmani e yazidi. Ancora oggi il centro ospita 150 rifugiati, il 70% dipende dalle risorse stanziate dalla Chiesa. Centinaia di giovani all’incontro di preghiera in preparazione al Natale.


    VATICANO-ASIA
    Xenofobia e populismo. Il caso dell’Asia

    Bernardo Cervellera

    Il simposio sul tema, voluto dal Consiglio mondiale delle Chiese (Wcc) e dal Dicastero vaticano per il servizio dello sviluppo umano integrale. Nella crescente ostilità verso gli altri, considerati come nemici e stranieri, tracciare le piste per l’impegno delle Chiese. I “migranti” tema politico importante in Germania e nella Brexit del Regno Unito. Testimonianze dall’America latina e dall’Africa. Esperienze asiatiche affidate al direttore di AsiaNews.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®