17 Agosto 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 12/09/2014, 00.00

    TURCHIA - USA - IRAQ

    Kerry vola in Turchia per chiedere sostegno contro lo Stato islamico



    Il governo di Erdogan non ha firmato il comunicato di Jeddah, siglato dagli Usa e da 10 Paesi arabi, e ha negato l'uso delle basi aeree del sud del Paese per attacchi contro gli estremisti. Mosca e Damasco rispondono a Obama: "Attacchi aerei americani sulla Siria senza il permesso Onu saranno giudicati atti ostili contro il governo".

    Ankara (AsiaNews) - Il Segretario di Stato americano John Kerry è arrivato in Turchia per cercare di ottenere sostegno militare da parte di Ankara contro i militanti dello Stato islamico (Is) in Iraq e Siria. Il governo guidato da Erdogan si è infatti rifiutato di firmare il "Comunicato di Jeddah", siglato ieri in Arabia Saudita dagli americani e dai rappresentanti di 10 Paesi arabi. Inoltre, al momento attuale rifiuta di concedere le basi aeree della zona meridionale per attacchi contro gli islamisti.

    L'accordo è stato sottoscritto da Stati del Golfo, Egitto, Iraq, Giordania, Libano e Stati Uniti. La Turchia, presente al meeting e membro della Nato, ha dichiarato la propria contrarietà: alcune fonti ufficiali, anonime, spiegano che il governo "teme per la vita di 50 connazionali" al momento nelle mani dei terroristi dell'Is, fra cui i membri del consolato turco di Mosul.

    Nel testo dell'accordo si legge che gli Stati firmatari "faranno ognuno la propria parte" per combattere gli estremisti. Fra le misure previste c'è il blocco degli stranieri in transito verso Siria e Iraq; una "manovra finanziaria" per bloccare i fondi destinati agli estremisti; il netto "rifiuto della loro ideologia dell'odio"; la ricostruzione e la riabilitazione delle comunità brutalizzate dai militanti islamici.

    Lo scorso 10 settembre, il presidente americano Barack Obama ha chiarito che "è pronto ad autorizzare un piano per trovare e distruggere" lo Stato islamico, così come a dare "maggiori strumenti militari" alle forze impegnate nella lotta contro questo gruppo. E per la prima volta ha autorizzato in maniera esplicita e ufficiale l'uso di attacchi aerei contro i terroristi presenti in Siria.

    Sull'argomento sono intervenuti sia i siriani che i russi. Ali Haidar, ministro siriano per la Riconciliazione nazionale, ha dichiarato: "Ogni azione di tipo militare o di qualunque altro tipo, effettuata senza il consenso del governo di Damasco, rappresenta un attacco alla Siria". Per Alexander Lukashevich, portavoce del ministero russo degli Esteri, "senza una decisione appropriata da parte del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, un passo del genere sarebbe un atto di aggressione e una flagrante violazione delle norme del diritto internazionale".

    La situazione è destinata a rimanere tesa, dato che Washington riconosce l'esercito ribelle siriano che combatte contro il presidente Assad. Tuttavia, alcuni analisti definiscono la minacce di Damasco "esagerate". Riad Kahwaji, capo dell'Istituto per gli Affari militari del Golfo e del Vicino Oriente, spiega alla France Press che il governo di Assad "può fare rumore e lamentarsi, ma dal punto di vista militare non possono fare nulla" in caso di attacchi aerei americani. Anche perché il regime è quasi del tutto scomparso dalle province in mano allo Stato islamico, quelle di Raqa e di Deir Ezzor. 

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    20/10/2014 TURCHIA - SIRIA - USA
    Ankara: I curdi iracheni possono entrare, se vanno a combattere lo Stato islamico
    Il governo turco fa marcia indietro sul blocco dei curdi: "Potranno combattere a Kobane con i siriani". Gli Stati Uniti sganciano aiuti militari e farmaceutici per i guerriglieri impegnati contro i fondamentalisti islamici.

    11/09/2015 SIRIA - IRAQ - STATI UNITI
    Washington: lo Stato islamico "produce e usa armi chimiche" in Siria e Iraq
    Nel governo statunitense si fa più concreta l’ipotesi che i jihadisti stiano utilizzando gas mostarda e altri agenti chimici rudimentali. Almeno quattro gli attacchi lungo il confine fra i due Paesi in cui è emerso l’uso. Sarebbero gli stessi combattenti a produrre in modo artigianale le armi. Le Nazioni Unite hanno aperto un’inchiesta.

    23/06/2015 SIRIA
    Raqqa, curdi strappano una base militare allo Stato islamico
    L’avanzata curda sostenuta dai raid aerei Usa e dal sostegno sul campo di altri gruppi ribelli. I curdi avanzano verso la capitale del “Califfato”. Esperti: “Lo Stato islamico sta collassando all’interno delle sue stesse roccaforti”.

    04/08/2015 SIRIA - TURCHIA - STATI UNITI
    Primi raid aerei Usa in Siria, per “difendere” i ribelli in lotta contro i jihadisti (e Assad)
    Gli Stati Uniti hanno lanciato per la prima volta una serie di attacchi per difendere la “Nuova Siria”. Si tratta di un gruppo ribelle locale, addestrato ed equipaggiato da Washington nella guerra contro lo Stato islamico (e Damasco). Si rafforza l’asse Stati Uniti-Turchia nel conflitto siriano.

    03/12/2014 IRAN-IRAQ-USA
    Aerei iraniani bombardano postazioni dell'Isis in Iraq
    Teheran lavora da tempo affianco a Baghdad, unite dallo sciismo e dal timore di vedere diffondersi il radicalismo dello Stato islamico anche in Iran. La coalizione a guida Usa esclude l'Iran (come pure la Russia, la Cina e la Siria), ma esso sarebbe un alleato di fatto contro il terrorismo.



    In evidenza

    LIBANO-M. ORIENTE-VATICANO
    Patriarchi cattolici d’Oriente: Il genocidio dei cristiani, un affronto contro tutta l’umanità

    Fady Noun

    Colpite da guerre, emigrazione e insicurezza, le comunità cristiane si sono ridotte ormai a un “piccolo gregge” nell’indifferenza internazionale. Un appello a papa Francesco e alla comunità internazionale. Cattolici e ortodossi condividono gli stessi problemi. La fine dei cristiani in Oriente sarebbe “uno stigma di vergogna per tutto il XXI secolo”.


    COREA
    Vescovi coreani: No alle ‘provocazioni imprudenti’. Fermiamo l’escalation nucleare lavorando per la ‘coesistenza dell’umanità’



    I vescovi coreani hanno diffuso oggi un’Esortazione sulle tensioni crescenti attorno alla penisola coreana. La Corea del Nord, ma anche i “Paesi limitrofi” rischiano di compiere “azioni precipitose, senza freni”, che potrebbero portare alla “morte di innumerevoli persone” e a “piaghe profonde per l’intera l’umanità”. Ridurre le spese militari e potenziare le spese per lo sviluppo umano e culturale. L’appello a usare “la coscienza, l’intelligenza, la solidarietà, la pietà e il mutuo rispetto”. La preghiera nel giorno dell’Assunta, festa dell’indipendenza coreana.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®