28 Aprile 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 30/09/2009
COREA DEL NORD
Kim Jong-il vara la nuova Costituzione: dal comunismo allo “Stato militarizzato”
La Carta fondamentale, diffusa il 27 settembre, rafforza il potere dell’esercito, “quarto potere” dello Stato, sotto la guida del “Caro leader”. Fonti di AsiaNews: il testo ribadisce il potere assoluto di Kim Jong-il e prepara la successione al potere del terzogenito. Nella Costituzione si parla per la prima volta di diritti umani, ma il popolo resta vittima di soprusi e violenze.

Pyongyang (AsiaNews) – Fine del comunismo, sostituito dal “socialismo”; rafforzamento della “politica militare”, linea guida del Paese; concentrazione dei poteri nelle mani del presidente della Commissione nazionale di difesa, presieduta da Kim Jong-il; i soldati si aggiungono a operai, contadini e intellettuali a costituire i “quattro pilastri” su cui si basa la nazione. Sono i punti salienti della nuova Costituzione nord-coreana, che per la prima volta menziona la questione dei “diritti umani”.
 
Il 27 settembre scorso Pyongyang ha diffuso la nuova Carta, che analisti ed esperti di politica nord-coreana definiscono “la Costituzione di Kim Jing-il”. La parola comunismo è stata cancellata dall’art. 1 ed è stata rimpiazzata dall’ideologia “militare”, emersa già a metà degli anni ’90 durante la terribile carestia che ha colpito il Paese. Essa intende rafforzare il ruolo dell’esercito, chiamato a fronteggiare le sfide “interne ed esterne” che pesano sulla Corea del Nord. E il presidente della Commissione nazionale di difesa – ruolo ricoperto dal “Caro Leader" – viene definito “leader supremo dello Stato”, al quale spetta dirigere la politica nazionale e presiedere a tutti i poteri dello Stato.
 
Fonti di AsiaNews in Corea del Nord – anonime per motivi di sicurezza – spiegano che il nuovo testo serve a “ribadire nel dettato costituzionale il potere assoluto di Kim Jong-il” e preparare il terreno “per la nuova generazione al potere, ovvero l’erede designato Kim Jong-un”, terzogenito del leader nord-coreano. L’accenno ai diritti umani, invece, intende garantire un senso di “normalità” agli occhi della comunità internazionale, ma restano le numerose violazioni. “Pyongyang non è interessata ai diritti umani – spiega la fonte – e i campi di lavoro tuttora attivi ne sono la riprova. La popolazione vive in condizioni di estrema povertà; le carestie si ripetono a cicli; il 15% è affetto da tubercolosi. Solo l’elite del partito e i militari usufruiscono delle ricchezze; il popolo è abbandonato a se stesso. Per questo cerchiamo di lavorare a stretto contatto con la popolazione, portando aiuti e intervenendo nelle situazioni di maggiore emergenza sociale”.
 
La nuova Costituzione rafforza il ruolo dell’esercito: una mossa che si spiega con le tensioni dei mesi scorsi, durante la malattia che ha colpito Kim Jong-il, che ha scatenato una guerra interna per il potere, sedata solo dal progressivo miglioramento dello stato di salute del leader nord-coreano. “La Corea del Nord – racconta la fonte di AsiaNews – ha la bomba atomica come arma di ‘dialogo’ con comunità internazionale. Gli esperimenti nucleari e le esercitazioni militari della primavera scorsa sono servite per accontentare la leadership militare da un lato e, dall’altro, per attirare l’attenzione dell’Occidente, perchè distribuisca aiuti e incentivi economici per risollevare le finanze nord-coreane”.
 
Nessuna menzione, infine, per quanto concerne la libertà religiosa in Corea del Nord. “Nel Paese – conclude la fonte – vige sempre il culto personale di Kim Jong-il, considerato al pari di una divinità. A Pyongyang vi è un edificio cristiano, le cui attività sono sotto il controllo del governo; anche la religione, e i pochi spazi concessi, vengono sfruttati dalla propaganda governativa”.

invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
23/01/2009 CINA – COREA DEL NORD
Kim Jong-il incontra un diplomatico cinese
08/02/2011 COREA
Gli incontri fra le due Coree, un segno della disperazione di Pyongyang
di Joseph Yun Li-sun
06/11/2008 COREA DEL NORD
Il fantasma della salute di Kim Jong-Il aleggia sulla Corea del Nord
24/01/2005 COREA DEL NORD
Documentata per la prima volta manifestazione contro Kim Jong-il
di Pino Cazzaniga
16/02/2009 COREA
Festa per il compleanno di Kim Jong-il

In evidenza
VATICANO
Papa: Il ricordo e la preghiera per una “nuova tragedia” dei migranti, “fratelli nostri” che “cercavano la felicità”Al Regina Caeli, papa Francesco fa pregare per le centinaia di vittime del barcone affondato al largo della Libia. Un appello alla comunità internazionale perché “agisca con decisione e prontezza”. “Ogni battezzato è chiamato a testimoniare, con le parole e con la vita, che Gesù è risorto, che è vivo e presente in mezzo a noi”. Il messaggio cristiano “non è una teoria, un’ideologia o un complesso sistema di precetti e divieti, oppure un moralismo, ma un messaggio di salvezza, un evento concreto, anzi una Persona: è Cristo risorto, vivente e unico Salvatore di tutti”. Il papa sarà a Torino il 21 giugno per onorare la Sindone, la cui ostensione comincia oggi.
ARABIA SAUDITA - YEMEN
Con la guerra in Yemen, l’Arabia Saudita maschera le tensioni interne
di Afshin ShahiIl conflitto in Yemen serve all’Arabia Saudita per coprire i suoi problemi interni, primo tra tutti la disuguaglianza tra le classi e il settarismo religioso. La famiglia reale ostenta lo sfarzo più assoluto mentre il 20% della popolazione vive in povertà. Molti giovani sauditi scontenti alimentano l’esercito dei “foreign fighters” dello Stato islamico (IS). Il 15% della popolazione è di religione sciita e subisce pesanti restrizioni dallo Stato sunnita. La lucida analisi di Afshin Shahi, Direttore del Centro di studi di politica islamica e Professore di Relazioni Internazionali e di Politica del Medio Oriente all’università di Bradford.
VATICANO
Papa: Sulle persecuzioni dei cristiani, la comunità internazionale “non assista muta e inerte”, non “rivolga il suo sguardo da un’altra parte”Al Regina Caeli (la preghiera mariana nel tempo di Pasqua), per la sesta volta in una settimana, papa Francesco ricorda il martirio dei cristiani e denuncia l’indifferenza della comunità internazionale verso questa “preoccupante deriva dei diritti umani più elementari”. I martiri di oggi “sono tanti e possiamo dire che siano più numerosi che nei primi secoli”. “La fede nella risurrezione di Gesù - ha continuato - e la speranza che Egli ci ha portato è il dono più bello che il cristiano può e deve offrire ai fratelli. A tutti e a ciascuno, dunque, non stanchiamoci di ripetere: Cristo è risorto!”

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate