10 Dicembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 30/09/2009, 00.00

    COREA DEL NORD

    Kim Jong-il vara la nuova Costituzione: dal comunismo allo “Stato militarizzato”



    La Carta fondamentale, diffusa il 27 settembre, rafforza il potere dell’esercito, “quarto potere” dello Stato, sotto la guida del “Caro leader”. Fonti di AsiaNews: il testo ribadisce il potere assoluto di Kim Jong-il e prepara la successione al potere del terzogenito. Nella Costituzione si parla per la prima volta di diritti umani, ma il popolo resta vittima di soprusi e violenze.
    Pyongyang (AsiaNews) – Fine del comunismo, sostituito dal “socialismo”; rafforzamento della “politica militare”, linea guida del Paese; concentrazione dei poteri nelle mani del presidente della Commissione nazionale di difesa, presieduta da Kim Jong-il; i soldati si aggiungono a operai, contadini e intellettuali a costituire i “quattro pilastri” su cui si basa la nazione. Sono i punti salienti della nuova Costituzione nord-coreana, che per la prima volta menziona la questione dei “diritti umani”.
     
    Il 27 settembre scorso Pyongyang ha diffuso la nuova Carta, che analisti ed esperti di politica nord-coreana definiscono “la Costituzione di Kim Jing-il”. La parola comunismo è stata cancellata dall’art. 1 ed è stata rimpiazzata dall’ideologia “militare”, emersa già a metà degli anni ’90 durante la terribile carestia che ha colpito il Paese. Essa intende rafforzare il ruolo dell’esercito, chiamato a fronteggiare le sfide “interne ed esterne” che pesano sulla Corea del Nord. E il presidente della Commissione nazionale di difesa – ruolo ricoperto dal “Caro Leader" – viene definito “leader supremo dello Stato”, al quale spetta dirigere la politica nazionale e presiedere a tutti i poteri dello Stato.
     
    Fonti di AsiaNews in Corea del Nord – anonime per motivi di sicurezza – spiegano che il nuovo testo serve a “ribadire nel dettato costituzionale il potere assoluto di Kim Jong-il” e preparare il terreno “per la nuova generazione al potere, ovvero l’erede designato Kim Jong-un”, terzogenito del leader nord-coreano. L’accenno ai diritti umani, invece, intende garantire un senso di “normalità” agli occhi della comunità internazionale, ma restano le numerose violazioni. “Pyongyang non è interessata ai diritti umani – spiega la fonte – e i campi di lavoro tuttora attivi ne sono la riprova. La popolazione vive in condizioni di estrema povertà; le carestie si ripetono a cicli; il 15% è affetto da tubercolosi. Solo l’elite del partito e i militari usufruiscono delle ricchezze; il popolo è abbandonato a se stesso. Per questo cerchiamo di lavorare a stretto contatto con la popolazione, portando aiuti e intervenendo nelle situazioni di maggiore emergenza sociale”.
     
    La nuova Costituzione rafforza il ruolo dell’esercito: una mossa che si spiega con le tensioni dei mesi scorsi, durante la malattia che ha colpito Kim Jong-il, che ha scatenato una guerra interna per il potere, sedata solo dal progressivo miglioramento dello stato di salute del leader nord-coreano. “La Corea del Nord – racconta la fonte di AsiaNews – ha la bomba atomica come arma di ‘dialogo’ con comunità internazionale. Gli esperimenti nucleari e le esercitazioni militari della primavera scorsa sono servite per accontentare la leadership militare da un lato e, dall’altro, per attirare l’attenzione dell’Occidente, perchè distribuisca aiuti e incentivi economici per risollevare le finanze nord-coreane”.
     
    Nessuna menzione, infine, per quanto concerne la libertà religiosa in Corea del Nord. “Nel Paese – conclude la fonte – vige sempre il culto personale di Kim Jong-il, considerato al pari di una divinità. A Pyongyang vi è un edificio cristiano, le cui attività sono sotto il controllo del governo; anche la religione, e i pochi spazi concessi, vengono sfruttati dalla propaganda governativa”.
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    23/01/2009 CINA – COREA DEL NORD
    Kim Jong-il incontra un diplomatico cinese
    È il primo vertice ufficiale con un dignitario straniero dall’agosto scorso, quando il “Caro Leader” è stato colpito da ictus. Nelle ultime settimane si sono moltiplicate le voci sulla successione al potere in Corea del Nord. Analisti associano l’incontro all’insediamento del neo-presidente Usa Obama.

    08/02/2011 COREA
    Gli incontri fra le due Coree, un segno della disperazione di Pyongyang
    I colonnelli dei due eserciti si sono incontrati oggi nella zona demilitarizzata per mettere a punto un incontro a livello ministeriale. Una fonte dice ad AsiaNews: “Pyongyang è sull’orlo del collasso, abbiamo paura che il ‘terzo Kim’ voglia imporsi con altra violenza”.

    06/11/2008 COREA DEL NORD
    Il fantasma della salute di Kim Jong-Il aleggia sulla Corea del Nord
    L’agenzia ufficiale Kcna moltiplica foto e proclami che attestano la presenza del dittatore comunista a eventi pubblici o impegni di Stato. Analisti sottolineano che si tratta di propaganda interna per fermare la ridda di voci sul suo stato di salute. Dal Giappone la conferma che un esperto neurochirurgo è andato a Pyongyang nei giorni scorsi.

    24/01/2005 COREA DEL NORD
    Documentata per la prima volta manifestazione contro Kim Jong-il

    Ridotta a 250 grammi al giorno la razione quotidiana di cibo: è la metà del minimo necessario.



    16/02/2009 COREA
    Festa per il compleanno di Kim Jong-il
    Oggi il “caro Leader” nord-coreano compie 67 anni. Il Paese celebra l’avvenimento con spettacoli e distribuzione gratuita di cibo e bevande, ma non si hanno notizie di una sua presenza a eventi pubblici. Pyongyang anticipa il lancio di un vettore, ma non specifica se si tratta un missile o un satellite.



    In evidenza

    IRAQ
    Parroco di Amadiya: profughi cristiani di Mosul, fra l’emergenza aiuti e l’attesa del rientro

    P. Samir Youssef

    In una lettera p. Samir Youssef racconta la situazione dei rifugiati, da oltre due anni lontani dalle loro case. Si segue con attenzione l’offensiva, anche se case e chiese “sono in gran parte” bruciate o distrutte. Con l’arrivo dell’inverno servono cherosene, vestiti, cibo e denaro per pagare il trasporto degli studenti. Un appello per continuare a sostenere la campagna di AsiaNews.


    IRAQ
    “Adotta un cristiano di Mosul”: il dono di Natale per attraversare l’inverno

    Bernardo Cervellera

    Le nuove ondate di profughi, con l’avanzata dell’esercito verso la Piana di Ninive e Mosul rischiano di far dimenticare i rifugiati che da due anni hanno trovato ospitalità nel Kurdistan. C’è bisogno di cherosene, vestiti per l’inverno, aiuti per i bambini, soldi per gli affitti. La campagna lanciata da AsiaNews due anni fa è più urgente che mai. Rinunciare a un dono superfluo per offrire loro un dono essenziale per vivere.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®