Skin ADV
10 Febbraio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 30/09/2009, 00.00

    COREA DEL NORD

    Kim Jong-il vara la nuova Costituzione: dal comunismo allo “Stato militarizzato”



    La Carta fondamentale, diffusa il 27 settembre, rafforza il potere dell’esercito, “quarto potere” dello Stato, sotto la guida del “Caro leader”. Fonti di AsiaNews: il testo ribadisce il potere assoluto di Kim Jong-il e prepara la successione al potere del terzogenito. Nella Costituzione si parla per la prima volta di diritti umani, ma il popolo resta vittima di soprusi e violenze.
    Pyongyang (AsiaNews) – Fine del comunismo, sostituito dal “socialismo”; rafforzamento della “politica militare”, linea guida del Paese; concentrazione dei poteri nelle mani del presidente della Commissione nazionale di difesa, presieduta da Kim Jong-il; i soldati si aggiungono a operai, contadini e intellettuali a costituire i “quattro pilastri” su cui si basa la nazione. Sono i punti salienti della nuova Costituzione nord-coreana, che per la prima volta menziona la questione dei “diritti umani”.
     
    Il 27 settembre scorso Pyongyang ha diffuso la nuova Carta, che analisti ed esperti di politica nord-coreana definiscono “la Costituzione di Kim Jing-il”. La parola comunismo è stata cancellata dall’art. 1 ed è stata rimpiazzata dall’ideologia “militare”, emersa già a metà degli anni ’90 durante la terribile carestia che ha colpito il Paese. Essa intende rafforzare il ruolo dell’esercito, chiamato a fronteggiare le sfide “interne ed esterne” che pesano sulla Corea del Nord. E il presidente della Commissione nazionale di difesa – ruolo ricoperto dal “Caro Leader" – viene definito “leader supremo dello Stato”, al quale spetta dirigere la politica nazionale e presiedere a tutti i poteri dello Stato.
     
    Fonti di AsiaNews in Corea del Nord – anonime per motivi di sicurezza – spiegano che il nuovo testo serve a “ribadire nel dettato costituzionale il potere assoluto di Kim Jong-il” e preparare il terreno “per la nuova generazione al potere, ovvero l’erede designato Kim Jong-un”, terzogenito del leader nord-coreano. L’accenno ai diritti umani, invece, intende garantire un senso di “normalità” agli occhi della comunità internazionale, ma restano le numerose violazioni. “Pyongyang non è interessata ai diritti umani – spiega la fonte – e i campi di lavoro tuttora attivi ne sono la riprova. La popolazione vive in condizioni di estrema povertà; le carestie si ripetono a cicli; il 15% è affetto da tubercolosi. Solo l’elite del partito e i militari usufruiscono delle ricchezze; il popolo è abbandonato a se stesso. Per questo cerchiamo di lavorare a stretto contatto con la popolazione, portando aiuti e intervenendo nelle situazioni di maggiore emergenza sociale”.
     
    La nuova Costituzione rafforza il ruolo dell’esercito: una mossa che si spiega con le tensioni dei mesi scorsi, durante la malattia che ha colpito Kim Jong-il, che ha scatenato una guerra interna per il potere, sedata solo dal progressivo miglioramento dello stato di salute del leader nord-coreano. “La Corea del Nord – racconta la fonte di AsiaNews – ha la bomba atomica come arma di ‘dialogo’ con comunità internazionale. Gli esperimenti nucleari e le esercitazioni militari della primavera scorsa sono servite per accontentare la leadership militare da un lato e, dall’altro, per attirare l’attenzione dell’Occidente, perchè distribuisca aiuti e incentivi economici per risollevare le finanze nord-coreane”.
     
    Nessuna menzione, infine, per quanto concerne la libertà religiosa in Corea del Nord. “Nel Paese – conclude la fonte – vige sempre il culto personale di Kim Jong-il, considerato al pari di una divinità. A Pyongyang vi è un edificio cristiano, le cui attività sono sotto il controllo del governo; anche la religione, e i pochi spazi concessi, vengono sfruttati dalla propaganda governativa”.
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    23/01/2009 CINA – COREA DEL NORD
    Kim Jong-il incontra un diplomatico cinese
    È il primo vertice ufficiale con un dignitario straniero dall’agosto scorso, quando il “Caro Leader” è stato colpito da ictus. Nelle ultime settimane si sono moltiplicate le voci sulla successione al potere in Corea del Nord. Analisti associano l’incontro all’insediamento del neo-presidente Usa Obama.

    08/02/2011 COREA
    Gli incontri fra le due Coree, un segno della disperazione di Pyongyang
    I colonnelli dei due eserciti si sono incontrati oggi nella zona demilitarizzata per mettere a punto un incontro a livello ministeriale. Una fonte dice ad AsiaNews: “Pyongyang è sull’orlo del collasso, abbiamo paura che il ‘terzo Kim’ voglia imporsi con altra violenza”.

    06/11/2008 COREA DEL NORD
    Il fantasma della salute di Kim Jong-Il aleggia sulla Corea del Nord
    L’agenzia ufficiale Kcna moltiplica foto e proclami che attestano la presenza del dittatore comunista a eventi pubblici o impegni di Stato. Analisti sottolineano che si tratta di propaganda interna per fermare la ridda di voci sul suo stato di salute. Dal Giappone la conferma che un esperto neurochirurgo è andato a Pyongyang nei giorni scorsi.

    24/01/2005 COREA DEL NORD
    Documentata per la prima volta manifestazione contro Kim Jong-il

    Ridotta a 250 grammi al giorno la razione quotidiana di cibo: è la metà del minimo necessario.



    16/02/2009 COREA
    Festa per il compleanno di Kim Jong-il
    Oggi il “caro Leader” nord-coreano compie 67 anni. Il Paese celebra l’avvenimento con spettacoli e distribuzione gratuita di cibo e bevande, ma non si hanno notizie di una sua presenza a eventi pubblici. Pyongyang anticipa il lancio di un vettore, ma non specifica se si tratta un missile o un satellite.



    In evidenza

    RUSSIA - VATICANO
    Il Patriarca Kirill e la Chiesa russa che papa Francesco incontrerà

    Ieromonaco Ioann

    Il capo della Chiesa russo-ortodossa, che incontrerà il pontefice a Cuba il 12 febbraio prossimo, sta trasformando le sue comunità offrendo vescovi sempre più giovani e una curia funzionale. L’ispirazione del modello cattolico e l'eredità di Nikodim. Il rischio della burocratizzazione e del ripiegamento su se stessi.


    RUSSIA-VATICANO
    Francesco e Kirill, una Santa Alleanza per il futuro dei cristiani e del mondo

    Vladimir Rozanskij

    L’incontro fra il papa e il patriarca di Mosca era desiderato da Kirill da molto tempo. Atteso ai tempi di Giovanni Paolo II; sperato ai tempi di Benedetto XVI, si compie ora. Cattolici e ortodossi di fronte alle stesse sfide della persecuzione e del relativismo. Il freno del nazionalismo ortodosso, sostenuto da Putin. La crisi in Medio oriente e il rischio di isolamento della Russia spingono alla collaborazione.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    Terra Santa Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®