17 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 15/03/2017, 08.52

    MYANMAR

    Ko Ni aveva trovato una “scappatoia” per abolire la Costituzione. I militari lo hanno ucciso



    È quanto afferma un collaboratore dell’avvocato musulmano, assassinato a fine gennaio. Sarebbe bastato un unico voto in Parlamento, a maggioranza semplice, per “abolire” la Carta e “adottarne una nuova”. La morte un “segnale” dell’esercito a chi opera per una riforma. “Clima di paura” all’interno della Nld. 

     

    Yangon (AsiaNews) - Ko Ni - costituzionalista di primo piano e consulente della Lega nazionale per la democrazia (Nld), partito di Aung San Suu Ky al potere in Myanmar - ucciso a fine gennaio, lavorava a una riforma volta a ridurre il potere dei militari. È quanto afferma uno stretto collaboratore dell’avvocato musulmano, freddato a colpi di pistola all’aeroporto internazionale di Yangon. Una rivelazione destinata ad alimentare i sospetti - più volte negati in via ufficiale - di coinvolgimento delle alte sfere dell’esercito nell’omicidio. 

    Il 63enne Ko Ni, era un avvocato musulmano conosciuto nel Paese per il suo attivismo in ambito giuridico. Una delle sue molte battaglie, forse quella più importante e che gli è costata la vita, era dedicata ai tentativi di riforma della Costituzione imposta nel 2008 con un referendum farsa dai militari. 

    Egli rientrava in Myanmar dopo aver partecipato in Indonesia a un forum interreligioso sulla tolleranza e la riconciliazione. Lo scorso anno, in un’intervista incentrata sulla riforma costituzionale, aveva sottolineato che “è impossibile” modificare la Carta vista la “persistente” opposizione dei militari. Ecco perché, ha aggiunto, “scriverne una nuova è la soluzione migliore per dare al Paese una Carta democratica”.

    Sebbene l’odierno Myanmar sia retto da un governo civile, l’esercito birmano - il famigerato Tatmadaw, che ha guidato per oltre 50 anni la nazione attraverso un manipolo di generali - resta sempre il vero potere forte del Paese. Il 25% dei seggi in Parlamento è riservato ai miliari e la Costituzione prevede che ogni tentativo di riforma debba essere approvato da oltre il 75% dei deputati. Ai militari sono inoltre affidati in via esclusiva alcuni ruoli chiave a livello governativo, fra cui i dicasteri della Difesa, degli Interni e dei Confini. Condizioni che, di fatto, rendono impossibile la modifica della Carta senza il benestare di generali e colonnelli. 

    Secondo quanto riferisce Bertil Lintner, uno stretto collaboratore di Ko Ni, il costituzionalista birmano avrebbe scoperto di recente una “scappatoia” per aggirare il veto militare in un tentativo di riforma. In un’intervista a Voice of America (Voa) il giornalista svedese sottolinea: “[Ko Ni] diceva che non vi è alcun punto nella Costituzione del 2008 secondo cui la Costituzione stessa non può essere abolita mediante un singolo voto in Parlamento”. Ecco perché basterebbe una sola votazione a maggioranza semplice “per abolire la Costituzione e adottarne una nuova. Stava lavorando su questo”. 

    Lintner parla anche di divergenze di opinioni fra Ko Ni e Aung San Suu Kyi: la leader della Nld, oggi ministro degli Esteri, predilige una riforma “graduale” della Carta; diverso il parere del costituzionalista, che chiedeva una prova di forza in aula. Da qui la decisione delle alte sfere militari di ordire l’omicidio del legale, un segnale di “avvertimento” degli uomini in divisa rivolto a quanti operano per ridurne il potere e l’influenza. 

    La morte di Ko Ni, conclude Lintner, ha creato un “clima di paura” all’interno della Nld. Giudizio respinto da Win Thein, portavoce dei democratici, secondo cui non si tratta di paura ma di dolore “per una grande perdita”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    17/02/2017 12:22:00 MYANMAR
    Un ex militare dietro l’omicidio dell’avvocato musulmano. I dubbi sulla versione ufficiale

    Per l’ufficio di presidenza il mandante dell’assassinio di Ko Ni è Aung Win Khaing, ex alto ufficiale dell’esercito. Egli avrebbe colpito per “destabilizzare” la nazione in un periodo di forti tensioni etniche e confessionali. Fonte di AsiaNews: “La gente si chiede chi sia il vero mandante”. Anomale promozioni post delitto.

     



    02/02/2017 11:57:00 MYANMAR
    Yangon, arrestato il mandante dell'uccisione di Ko Ni, l’avvocato musulmano amico di Aung San Suu Kyi

    Myint Swe, il mandante dell'assassinio, bloccato vicino al confine con la Thailandia. La Nld parla di omicidio politico e “attacco terroristico” al Paese. Per l’Onu è un “atto di rappresagli”. Condoglianze anche dal movimento radicale buddista Ma Ba Tha. Fonti di AsiaNews: “Si era impegnato nella riscrittura della Costituzione, per questo è stato ucciso”. 

     



    27/02/2017 10:56:00 MYANMAR
    Aung San Suu Kyi: la morte dell’avvocato musulmano “grande perdita” per il Myanmar

    Dopo quasi un mese di silenzio la Nobel per la pace e ministro degli Esteri parla dell’assassinio di Ko Ni. Per la leader Nld è un “martire” che ha speso la vita per migliorare il Paese. Tuttavia, nell’ultimo periodo egli non aveva risparmiato critiche nemmeno al partito di governo per la crescente “islamofobia”.

     



    30/01/2017 08:47:00 MYANMAR
    Yangon: ucciso Ko Ni, avvocato musulmano birmano pro diritti umani e consulente della Nld

    E' stato freddato all’aeroporto cittadino, con colpi di pistola alla testa.A sparare sarebbe stato il 53enne Kyi Lin, originario di Mandalay. Ignote, al momento, le ragioni dell’omicidio. Esperto di diritto costituzionale, era finito in carcere durante le proteste del 1988. Di recente si era schierato contro le violenze sui Rohingya. 

     



    14/10/2010 THAILANDIA – MYANMAR
    Immigrati birmani: vittime di sfruttamento e abusi, per la crescita dell'economia thai
    Da oltre un mese 500 lavoratori protestano perché vittime di proteste e intimidazioni. Essi non ricevono lo stipendio e hanno subito la confisca dei documenti. Alla regolarizzazione, si aggiunge il problema legato all’educazione dei figli, spesso costretti a tornare nel Paese d’origine. L’opera della Chiesa cattolica con gli immigrati della provincia di Samut-Sakom.



    In evidenza

    IRAQ
    Parroco di Amadiya: Avvento fra i profughi di Mosul, la solidarietà più forte delle difficoltà (Foto)



    P. Samir racconta un clima di gioia e di speranza, nonostante la mancanza di risorse e il calo negli aiuti. La lotta per sopravvivenza ha accresciuto il legame di unione fra cristiani e con musulmani e yazidi. Ancora oggi il centro ospita 150 rifugiati, il 70% dipende dalle risorse stanziate dalla Chiesa. Centinaia di giovani all’incontro di preghiera in preparazione al Natale.


    VATICANO-ASIA
    Xenofobia e populismo. Il caso dell’Asia

    Bernardo Cervellera

    Il simposio sul tema, voluto dal Consiglio mondiale delle Chiese (Wcc) e dal Dicastero vaticano per il servizio dello sviluppo umano integrale. Nella crescente ostilità verso gli altri, considerati come nemici e stranieri, tracciare le piste per l’impegno delle Chiese. I “migranti” tema politico importante in Germania e nella Brexit del Regno Unito. Testimonianze dall’America latina e dall’Africa. Esperienze asiatiche affidate al direttore di AsiaNews.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®