23 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 03/02/2012, 00.00

    GIAPPONE

    Koshu Hirao, monaca buddista al servizio dei senzatetto

    Pino Cazzaniga

    Scacciata dal monastero perché impegnata contro l’energia nucleare, ha deciso di accogliere malati, anziani, senzatetto, rifugiati, persone rifiutate da tutti. La testimonianza di una compassione fattiva, nel Giappone del dopo-tsunami.
    Tokyo (AsiaNews) - Koshu Hirao (58 anni) non è una monaca buddista comune. Anzi, non è nemmeno una monaca, anche se porta la testa rasata e il tipico vestito delle bonze. Ella è divenuta famosa per il suo servizio ai rifiutati.

    Il suo interesse al buddismo risale al tempo delle elementari quando leggendo in un libro di storia la vicenda del monaco itinerante Ippen (1234-1289), fondatore della setta Jishu, è stata affascinata dalla sua attività missionaria.

    A 26 anni ha deciso di diventare monaca nel tempio Jishu, dove ha incontrato il prete buddista Ryogen Takada, che prima della guerra (1940-45) era stato imprigionato per aver distribuito volantini contro la guerra.

    Sotto la sua guida, Hirao si è coinvolta nel movimento di protesta contro l’energia nucleare che ha determinato il suo allontanamento dalla setta Jishu . Ciononostante ella ha continuato a seguire gli insegnamenti del “jishu seikai”, una raccolta dei sermoni di Ippen, perche’, ha detto, “vi cerco ammonimenti contro me stessa. Quando ci impegnamo nel lavoro sociale tendiamo a indulgere nell’autocompiacimento”.

    Pur non appartenendo ad alcun setta, continua a vivere e comportarsi come una fervente monaca , anche esteriormente, con la testa rasata e la tunica buddista.

    La monaca, poco ortodossa, ha trovato la sua missione nell’aiutare i bisognosi, procurare ricoveri ai senzatetto e ai profughi e provvedere assistenza a quanti sono colpiti da gravi malattie. Le attività di Hirao, che durano da anni, sono note alla gente comune e hanno contribuito a rafforzare la consapevolezza dell’importanza dei legami sociali, specialmente dopo il disastro del terremoto e dello tsunami dell’ 11 marzo nel nord est- del Giappone.

    Come parte delle sue attività, Hirao ha creato la Street Workers Co-op Potalaka , una organizzazione non-profit a sostegno dei senzatetto. “Potalaka” e’ una parola dell’antica lingua dravidica (India) che significa “utopia”.

    All’inizio di gennaio, nel tempio buddista Myoshi (prefettura di Ibaraki), Hirao ha partecipato allo “shijukunichi” (memoriale funebre nel 49mo giorno della morte) per un uomo morto di cancro all’eta’ di 61 anni. Questi, nativo dell’isola dell’Hokkaido, dopo essersi spostato da un ricovero all’altro, ha trascorso gli ultimi tre mesi della sua vita in un’ istituzione del gruppo Potalaka prima di essere ricoverato in ospedale. Pochi giorni prima di morire ha espresso il desiderio di ritornare a Potalaka, dove è spirato in pace il mattino seguente. “Da parte mia – ha detto Hirao - volevo dagli (l’ultimo) saluto in modo appropriato. Potalaka e’ una casa per coloro che non hanno casa, e il personale è la loro famiglia.”

    Nel Potalaka di Tokyo, un ex magazzino di materiale edile trasformato in ricovero, vivono 18 uomini molto anziani, e poco distante c’è un’altra struttura riservata alle donne. Alcuni soffrono per malattie serie come la demenza senile o la schizofrenia. Poichè Potalaka accetta persone che sono rifiutate altrove, a Hirao giunge un flusso continuo di domande di ammissione. Shoko Tokumoto, una delle responsabili del ricovero, ha espresso la sua ammirazione per la volontà di ferro di Hirao nella sua missione di assistenza come fervente buddista.

    Per Hirao “sentire compassione per i bisognosi non è sufficiente”. Ricordando gli insegnamenti dell’antico monaco Ippen, continua: “Dobbiamo stare con loro, lamentarci con loro, piangere con loro”.
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    08/03/2012 GIAPPONE
    A un anno dal "grande terremoto" che ha sconvolto il Giappone
    È stato il sisma più potente nella storia del Paese. L'energia sviluppata è pari a 600 milioni di volte quella della bomba di Hiroshima. Cifre apocalittiche su morti, dispersi e distruzioni. Ancora aperto il problema dello smaltimento dei detriti: tutti temono siano contaminati da scorie nucleari. Parlamento e impiegati pubblici si riducono il salario del 30% per trovare i fondi della ricostruzione.

    03/06/2011 GIAPPONE
    La diocesi di Sendai affronta l’emergenza in Giappone: “Nuova creazione”
    I cristiani giapponesi sono impegnati in un lavoro profondo di appoggio alle persone colpite dallo tsunami e dal terremoto, senza distinzione di fede religiosa. La diocesi di Sendai concentra il suo sforzo per raggiungere persone e luoghi più isolati.

    17/03/2011 GIAPPONE
    Chiesa giapponese: Centro di aiuti e ospitalità per le vittime dello tsunami
    Il centro è basato a Sendai, nella zona colpita dal maremoto. Messaggio del vescovo di Sendai. La diocesi ha avuto anche bambini morti negli asili, chiese distrutte e danneggiate. Famiglie offrono ospitalità agli anziani sfollati. Nei centri di accoglienza manca acqua, elettricità, combustibile, medicine, provocando stanchezza fisica e mentale degli sfollati.

    19/03/2011 GIAPPONE
    Vescovo di Sendai: Grazie per le vostre preghiere e assistenza
    Varato il Centro di aiuto per “testimoniare l’amore di Dio” verso i colpiti e i sofferenti. Numero speciale del settimanale cattolico sul disastro, distribuito solo su internet perché impossibile la stampa e la spedizione. Il 24 marzo incontro straordinario dei vescovi per l’emergenza. Continua la battaglia per raffreddare i reattori di Fukushima. Entro oggi ricollegata l’elettricità ai reattori 1 e 2.

    24/02/2014 GIAPPONE
    Vescovi del Giappone: una messa solenne a Sendai per le vittime del terremoto e dello tsunami
    L'Assemblea generale della Conferenza episcopale nipponica ha deciso continuare a destinare tutti i fondi a disposizione per la ricostruzione delle aree devastate dal sisma dell'11 marzo 2011. Una preghiera speciale per le vittime e i sopravvissuti sarà letta in tutte le chiese del Paese a ridosso dell'anniversario.



    In evidenza

    HONG KONG - CINA - VATICANO
    Messa per un sacerdote sotterraneo defunto. Il card. Zen chiede a Dio la grazia di salvare la Chiesa in Cina e la Santa Sede ‘dal precipizio’

    Li Yuan

    P. Wei Heping, 41 anni, è morto in circostanze misteriose, buttato in un fiume a Taiyuan (Shanxi). Per la polizia egli si è suicidato. Ai familiari non è stato permesso nemmeno di vedere il rapporto dell’autopsia. Per il card. Zen la Santa Sede (che “non è necessariamente il papa”) cerca un compromesso a tutti i costi col governo cinese, rischiando di “svendere la Chiesa fedele”. Giustizia e pace pubblica un libretto su p. Wei, per non dimenticare.


    VATICANO - ITALIA - USA
    Papa: non più la guerra, che ha per frutto la morte, 'la distruzione di noi stessi'



    Francesco nel giorno della Commemorazione dei defunti ha celebrato messa al Cimitero americano di Nettuno. “Quando tante volte nella storia gli uomini pensano di fare una guerra, sono convinti di portare un mondo nuovo, sono convinti di fare una ‘primavera’. E finisce in un inverno, brutto, crudele, con il regno del terrore e la morte”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®