24 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 15/07/2017, 09.00

    MALAYSIA

    Kuala Lumpur, lavoratori stranieri arrestati. La preoccupazione dei parlamentari Asean



    Detenuti oltre 3.300 lavoratori senza regolari documenti. La Malaysia ha dato il via alla politica di tolleranza zero un giorno dopo la scadenza del termine per la registrazione. Mu Sochua, dell’Assemblea cambogiana: “Non colpire ulteriormente delle persone vulnerabili”. Nel Paese vi sono due milioni di lavoratori migranti registrati e almeno altri due milioni illegali. Dall'inizio di quest'anno, più di 30mila lavoratori senza documenti sono stati rimandati nei loro Paesi d'origine.

    Kuala Lumpur (AsiaNews/Agenzie) – I parlamentari del sud-est asiatico hanno invitato la Malaysia a trattare in modo equo i lavoratori senza documenti e a rispettare i loro diritti umani. Kuala Lumpur è impegnata in una campagna contro l’immigrazione che, secondo le statistiche del governo, questo mese ha portato all’arresto di oltre 3.300 stranieri. Il Dipartimento per l’immigrazione della Malaysia afferma infatti che, alle 22.00 dello scorso 12 luglio, durante le operazioni iniziate il 1 luglio, gli agenti delle forze dell’ordine avevano arrestato 3.323 lavoratori senza regolari documenti.

    I detenuti sono per lo più provenienti da Paesi del sud-est e dell'Asia meridionale. Essi comprendono 1.230 bangladeshi, 825 indonesiani, 273 cittadini di Myanmar, 119 vietnamiti, 123 thailandesi e 95 filippini. A riferirlo sono i funzionari del dipartimento. La Malaysia ha dato il via alla sua politica di tolleranza zero un giorno dopo la scadenza del termine, fissato dal governo, per la registrazione dei lavoratori con le autorità dell’immigrazione.

    I parlamentari dell’Associazione delle nazioni del sud-est asiatico per i diritti umani (Asean - Aphr) hanno rilasciato una dichiarazione che esprime preoccupazione per il giro di vite in corso in Malesia. “Il desiderio di ridurre il numero di lavoratori illegali nel Paese non può mai essere una scusa per colpire ulteriormente delle persone vulnerabili”, ha dichiarato Mu Sochua, membro del consiglio di amministrazione e dell'Assemblea nazionale cambogiana. Il gruppo si descrive come un collettivo di parlamentari regionali costituito da deputati in carica, ex ed in pensione, appartenenti alle 10 nazioni del blocco Asean.

    Secondo i parlamentari regionali, il governo malaysiano aveva registrato solo 161mila migranti senza documenti attraverso il proprio Programma di carte elettroniche temporanee per lavoratori stranieri. Si tratta di un'iniziativa per dare l'opportunità a tutti i datori di lavoro, che hanno assunto lavoratori stranieri senza permessi di lavoro per la mancanza di manodopera in alcuni settori dell’economia, di registrare i propri dipendenti. Mustafar Ali, il direttore generale del dipartimento immigrazione, ha dichiarato lo scorso 12 giugno che, a causa delle assunzioni illegali, sono stati arrestati anche 63 impresari. Ali ha affermato che, dall'inizio di quest'anno, più di 30mila lavoratori senza documenti sono stati rimandati nei loro Paesi d'origine.

    Secondo le organizzazioni non governative, in Malesia, Paese con 32 milioni di abitanti, risiedono due milioni di lavoratori migranti legalmente registrati e almeno altri due milioni illegali. La maggior parte degli immigrati senza documenti è impiegata nel settore delle costruzioni, nelle piantagioni di olio di palma, nelle fabbriche e nei servizi di pulizia, lavori che i malaysiani descrivono come “pericolosi, difficili e sporchi”. Dopo che la sua economia ha registrato una forte crescita negli ultimi anni, la Malaysia, una federazione di 13 stati e tre territori federali, ha subito un aumento del numero di lavoratori a basso reddito, provenienti soprattutto da Vietnam, Indonesia, Nepal, Myanmar e Bangladesh.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    01/03/2016 11:17:00 EMIRATI ARABI UNITI
    L’uccisione di una domestica ricorda il dramma dei lavoratori stranieri negli Emirati

    Una "padrona" 35enne ha torturato per mesi con bastoni di bambù e fili elettrici una donna originaria delle Comore. Al processo si dichiara innocente, ma i vicini confermano: la picchiava di continuo. Su 42 milioni di persone nel Golfo vi sono 18 milioni di lavoratori immigrati. Almeno 2,4 milioni sono ridotti in condizioni di schiavitù.



    05/10/2007 BAHREIN
    Manama vuole che dopo sei anni i lavoratori stranieri siano espulsi
    L’idea illustrata dal ministro del lavoro del piccolo Stato, motivata dal gran numeo di immigrati e dai diritti alla salute, all’educazione, alla casa e soprattutto alla cittadinanza che le convenzioni internazionali chiedono di garantire.

    14/07/2017 12:50:00 CAMBOGIA
    Thailandia, l’esodo di migliaia di migranti cambogiani senza documenti

    Dal 28 giugno scorso, in 8.328 hanno fatto ritorno in Cambogia. Rischiano multe tra i 1.000 e i 2.000 euro e pene fino a cinque anni di reclusione. La mancanza di denaro è il fattore principale che incentiva i migranti a restare senza documenti. I rimpatriati decidono di rimanere nel Paese d’origine o di ritornare in Thailandia senza documentazione.



    03/02/2005 malaysia - indonesia
    Badawi sotto accusa: troppo morbido con gli immigrati clandestini


    14/12/2005 ASEAN - MALAYSIA
    In Malaysia i leader dei Paesi dell'East Asia convengono di incontrarsi ogni anno

    Si vogliono ammettere Cina, Giappone e Corea del Sud come membri effettivi e creare un mercato comune tra gli Stati della regione. Presente anche il presidente russo Putin. Stretta di mano tra Koizumi e Wen.





    In evidenza

    MYANMAR-VATICANO
    Yangon, ‘ore frenetiche’ per l’arrivo del papa. L’impegno dei cattolici per i pellegrini

    Paolo Fossati

    Attese 200mila persone per la messa solenne al Kyaikkasan Ground. Tra loro anche leader buddisti e musulmani. In arrivo 6mila ragazzi per la messa dei giovani del giorno seguente. Anche filippini, australiani e thailandesi per lo storico viaggio apostolico di papa Francesco. Dal nostro inviato.


    YEMEN
    Il genocidio dello Yemen: dopo le bombe, la fame, la sete e il colera

    Pierre Balanian

    La coalizione guidata da Riyadh blocca l’arrivo di carburante necessario per far funzionare i pozzi. Oltre un milione di persone senza acqua a Taiz, Saada, Hodeida, Sana’a e Al Bayda. Secondo l’Unicef, 1,7 milioni di bambini soffrono di malnutrizione acuta”; 150mila bambini rischiano di morire di stenti nelle prossime settimane. Il silenzio e l’incuria della comunità internazionale. La minaccia di colpire le navi-cargo del greggio. Ieri l’Arabia saudita ha permesso la riapertura dell’aeroporto di Sana’a e del porto di Hudayda, ma solo per gli aiuti umanitari. Una misura insufficiente.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®