18 Febbraio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 11/05/2007, 00.00

    IRAQ - IRAN

    Kurdistan: 1000 peshmerga al confine iraniano



    Dopo l’attentato ad Erbil cresce il rischio sicurezza nella regione finora risparmiata dalle violenze. Il governo curdo dispiega uomini alla frontiera con l’Iran nel tentativo di bloccare possibili infiltrazioni a sostegno del famigerato gruppo terrorista, Ansar al-Islam.

    Sulaimaniyah (AsiaNews) – La regione semi-autonoma del Kurdistan, Iraq del nord, ha inviato 1000 peshmerga al confine con l’Iran nel tentativo di impedire l’ingresso di armi e uomini destinati alle fila di gruppi radicali, come il famigerato gruppo islamico Ansar al-Islam (Sostenitori dell’islam). Il generale maggiore Jabbar Yawir riferisce che una formazione alleata di Ansar, autodefinitasi “Brigade di al-Qaeda in Kurdistan”, ha più volte attaccato le forze curde nella regione, intorno alla città di confine Penjwin.

    “Le truppe inviate – spiega il militare – saranno divise in due battaglioni: uno andrà a rinforzare le unità già presenti ai checkpoint di frontiera, l’altra pattuglierà la zona e respingerà eventuali nemici”.

    I peshmerga sono gli ex guerriglieri separatisti curdi incorporati nell’esercito iracheno e del Kurdistan nel corso degli ultimi 4 anni di guerra. Ansar al-Islam, il gruppo più radicale tra quelli  operativi, ha stretti legami con i talebani ed al-Qaeda.

    Il nord Iraq è stato finora un’oasi di relativa pace, risparmiata dalle violenze che insanguinano il resto del Paese, dove si scontrano milizie sciite e sunnite in una sorta di guerra civile non dichiarata e fomentata dall’esterno. Recenti episodi, però, fanno temere un deterioramento della sicurezza anche in Kurdistan, dove tra l’altro numerosi cristiani fuggono dalle persecuzioni in atto a Baghdad e Mosul. Lo scorso 9 maggio, un’autobomba è esplosa davanti alla sede del ministero degli Interni del Kurdistan, ad Erbil, uccidendo 14 persone e ferendone 87. L’attacco è stato rivendicato dallo “Stato islamico dell’Iraq”, organizzazione fondata all’inizio del 2006 che raggruppa al-Qaeda in Iraq e 6 altre piccole formazioni ad essa affiliate. I comandanti Usa accusano il vicino Iran di soffiare sul fuoco, finanziando gruppi armati sciiti e sunniti per tenere alt ala tensione e diffondere il caos.

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    18/04/2008 TURCHIA-IRAN
    Accordo sulla sicurezza tra Ankara e Teheran, obiettivo i “terroristi” curdi
    Il memorandum tra i due Paesi non lo dice, ma appare evidente la volontà di scambiarsi informazioni e cooperazione per esorcizzare l'attrazione che il Kurdistan iracheno esercita sui milioni di curdi che vivono negli Stati confinanti.

    18/07/2005 IRAN - IRAQ
    Il premier iracheno Al Jafaari in visita di Stato in Iran
    Al centro degli incontri il sostegno commerciale e militare alla ricostruzione e alla sicurezza.

    12/11/2015 IRAQ
    Al via l’offensiva dei peshmerga curdi contro lo Stato islamico per riconquistare Sinjar
    Almeno 7.500 militari sono impegnati nell’operazione. L’attacco di terra, cui partecipano anche milizie yazide, è sostenuto dai raid aerei della coalizione Usa. L’obiettivo è tagliare ai jihadisti la principale via di comunicazione fra Mosul e la Siria. L’offensiva in programma da tempo ma rimandata per le condizioni meteo e i contrasti interni ai vari gruppi.

    31/08/2017 10:24:00 IRAQ
    Telaafar , la caduta del Califfato di Daesh in Iraq

    Conquistata l’ultima roccaforte dello Stato islamico. Almeno 500 miliziani hanno cercato di fuggire. Molti sono stati uccisi dall’esercito irakeno; altri, protetti da mafie locali o contadini, si sono nascosti o sono stati trasportati altrove. Storie raccapriccianti di bambini e bambine prigionieri dell’Isis. Una camera di tortura per donne a Saad.



    13/11/2017 08:41:00 IRAN - IRAQ
    Terremoto al confine Iran-Iraq: almeno 211 morti e migliaia di feriti

     Mezzaluna rossa: più di 70mila persone hanno bisogno di rifugio. In Iran, la maggior parte dei danni e delle vittime, a 15 km dal confine. In Iraq i maggior danni nella regione autonoma del Kurdistan.





    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Le lacrime dei vescovi cinesi. Un ritratto di mons. Zhuang, vescovo di Shantou

    Padre Pietro

    Un sacerdote della Chiesa ufficiale, ricorda il vescovo 88enne che il Vaticano vuole sostituire con un vescovo illecito, gradito al regime. Mons. Zhuang Jianjian è diventato vescovo sotterraneo per volere del Vaticano nel 2006. Il card. Zen e mons. Zhuang, immagine della Chiesa fedele, “che fa provare un’immensa tristezza e un senso di impotenza”. Le speranze del card. Parolin di consolare “le sofferenze passate e presenti dei cattolici cinesi”.


    CINA-VATICANO-HONG KONG
    Il card. Zen sui vescovi di Shantou e Mindong

    Card. Joseph Zen

    Il vescovo emerito di Hong Kong conferma le informazioni pubblicate nei giorni scorsi da AsiaNews e rivela particolari del suo colloquio con papa Francesco su questi argomenti: “Non creare un altro caso Mindszenty”, il primate d’Ungheria che il Vaticano obbligò a lasciare il Paese, nominando un successore a Budapest, a piacimento del governo comunista del tempo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®