22 Agosto 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 04/05/2005, 00.00

    KUWAIT

    Kuwait al voto senza le donne



    Il parlamento ha bocciato il testo di legge per il suffragio universale.

    Kuwait City (AsiaNews/Agenzie) – Il Kuwait voterà per le elezioni municipali il prossimo mese, ma le donne non potranno prendere parte alla consultazione popolare.

    Ieri il parlamento del Kuwait - esclusivamente maschile - ha bloccato l'iter di una legge a favore del suffragio universale, ancora non previsto nello stato del Golfo. "Gli elettori sono chiamati a votare i membri del Consiglio municipale in 10 distretti elettorali…il 2 giugno", è quanto si legge nel decreto emesso ieri sera dall'emiro del Kuwait Sheikh Jaber al-Ahmad al-Sabah.

    Il testo della legge per il suffragio universale era già stato approvato in prima lettura il 19 aprile di quest'anno e si dava per scontato il via libera definitivo. Un primo no all'approvazione della legge è arrivato – a sorpresa - lunedì 2 maggio. In parlamento - data l'astensione dei gruppi radicali islamici - è mancato il quorum di 33 deputati, cifra minima per dare validità al voto: il regolamento parlamentare del Kuwait equipara infatti gli astenuti agli assenti.

    Il governo aveva deciso di rimettere in discussione la legge il giorno dopo, martedì 3 maggio. I gruppi parlamentari contrari alla legge hanno però dichiarato che un ulteriore voto sulla questione sarebbe stato "incostituzionale" in quanto "la legge era già stata respinta".

    Il primo ministro Sheik Sabah al-Jaber al-Sabah ha quindi deciso di rimandare la questione a 2  settimane. Le elezioni di giugno rientrano però nella legge attuale: anche in caso di riforma, nel 2005 le donne del Kuwait non voteranno.

    Conferire alle donne il diritto di partecipare alle elezioni è visto come un primo passo fondamentale, al quale dovrebbe seguire la possibilità di concorrere alle poltrone parlamentari. Nel 1999 era stata presentata una proposta di legge a questo scopo, ma musulmani e tribali, molto influenti nell'attuale parlamento, l'avevano bocciata.
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    27/06/2006 KUWAIT
    Il primo voto delle donne incognita nelle elezioni per il Parlamento del Kuwait

    Prevista una vittoria dei candidati islamici. I candidati dicono di voler combattere la diffusa corruzione del Paese ricco di petrolio.



    20/05/2008 KUWAIT
    Vinte le elezioni, i radicali islamici kuwaitiani chiedono un nuovo governo
    Sono islamisti sia i gruppi sunniti della maggioranza, sia quelli che esprime la minoranza sciita; timori di nuove tensioni tra le due comunità. A perdere sono i moderati, ora in netta minoranza. Anche questa volta, nessuna donna è stata eletta.

    16/05/2008 KUWAIT
    Domani si vota in un Kuwait alla ricerca di stabilità
    Negli ultimi due anni il governo è stato sciolto due volte. A dividere gli elettori, motivi religiosi, sociali e tribali, ma soprattutto la fedeltà ai diversi rami dela famiglia regnante. In corsa 274 candidati, tra loro 27 donne, ma in passato nessuna è stata eletta.

    18/05/2009 KUWAIT
    Svolta “rosa” in Kuwait, quattro donne elette in parlamento
    Crisi economica e frequenti casi di corruzione segnano la svolta nell’emirato. L’ala fondamentalista perde consensi. Alla tornata elettorale ha partecipato solo il 10% della popolazione, gli stranieri e i discendenti non possono votare. La popolazione chiede “stabilità” e politiche finanziarie efficaci.

    30/06/2006 kuwait
    "Storico" voto delle donne in Kuwait, ma nessuna è eletta e vincono gli islamici

    Pur essendo in maggioranza, le donne ritengono ancora "verde" l'esperienza politica femminile e  hanno votato per candidati uomini. All'opposizione, la cui componente maggiore è formata dagli islamici, sono andati 33 dei 50 seggi.





    In evidenza

    RUSSIA-VATICANO
    Il card. Parolin a Mosca: l’Ostpolitik che vince le diffidenze

    Vladimir Rozanskij

    A tema un incontro fra papa Francesco e il patriarca Kirill, non a Mosca, ma in qualche luogo santo dell’Oriente cristiano, o a Bari. Una conferenza internazionale sul futuro di Ucraina e Crimea. L’impegno per i cristiani e la pace in Medio oriente.


    LIBANO-M. ORIENTE-VATICANO
    Patriarchi cattolici d’Oriente: Il genocidio dei cristiani, un affronto contro tutta l’umanità

    Fady Noun

    Colpite da guerre, emigrazione e insicurezza, le comunità cristiane si sono ridotte ormai a un “piccolo gregge” nell’indifferenza internazionale. Un appello a papa Francesco e alla comunità internazionale. Cattolici e ortodossi condividono gli stessi problemi. La fine dei cristiani in Oriente sarebbe “uno stigma di vergogna per tutto il XXI secolo”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®