24 Giugno 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 19/04/2017, 14.13

    CINA-VATICANO

    L’abbraccio fra Zhan Silu e Ma Daqin: segno di resurrezione?

    Shan Ren Shen Fu

    La notizia del loro incontro a Mindong è apparsa per poco tempo sul web; dopo è stata cancellata. Per Zhan Silu il suo abbraccio a mons. Ma è una specie di “vendetta” per l’abbraccio ricevuto a Shanghai cinque anni prima, all’ordinazione di Ma. Un segno premonitore dei rapporti Cina-Santa Sede, in cui si mescolano e si abbracciano tutti… Mentre mons. Guo Xijin viene portato via.

    Pechino (AsiaNews) – La domenica di Pasqua (il 16 aprile scorso), mons. Taddeo Ma Daqin, vescovo di Shanghai, ha concelebrato con mons. Vincenzo Zhan Silu, vescovo illecito di Mindong.

    Mons. Ma è riconosciuto dalla Santa Sede, ma è stato rifiutato dal governo dopo che alla sua ordinazione egli si è dimesso dall’Associazione patriottica (Ap). In seguito mons. Ma ha ritrattato le sue posizioni, elogiando l’Ap, ma la sua situazione non è cambiata e in alcuni incontri avuti con l’Ap egli veniva definito “padre Ma”. Ma alla messa di Pasqua in cui egli ha concelebrato col vescovo illecito, vice-presidente del Consiglio dei vescovi cinesi (organismo non riconosciuto dalla Santa Sede), egli è stato presentato come “vescovo Ma”. Non si sa se questo gesto gli permetterà di essere più libero e lo riporterà ad esercitare il suo ministero a Shanghai. Mons. Ma è ancora agli arresti domiciliari a Sheshan.

    Va ricordato che il giorno della sua ordinazione, il 6 luglio 2012, mons. Ma aveva fatto di tutto perché alla celebrazione non partecipasse nessun vescovo illecito. Ma mons. Zhan era riuscito a entrare in chiesa e celebrare. Al momento dell’imposizione delle mani sul candidato episcopale, mons. Ma è sfuggito all’imposizione da parte di mons. Zhan, abbracciandolo con forza. Queste note sono necessarie per capire tutta l’ironia presente nella piccola riflessione che qui presentiamo, inviataci da un sacerdote blogger molto noto, che si firma con lo pseudonimo “Shan Ren Shen Fu (Prete della montagna).

     

    Appena finita la messa di Pasqua, ho acceso il mio cellulare e ho ricevuto l’immagine inviatami dal maestro Wang. Il mondo intero è inquieto e in attesa di vedere se Kim Jong-un mantiene la promessa di attuare un nuovo esperimento nucleare, proprio oggi, mentre si confronta con un formidabile nemico. Fatto ovvio, molti spettatori che non conoscono la situazione, sono preoccupati.

    Torno a casa dopo aver pranzato con un fedele. Ricevo il messaggio da una suora e lo leggo subito al ritorno a casa. Il messaggio rivelava che mons. Ma Daqin era andato nella diocesi di Mindong e aveva concelebrato la messa di Pasqua con mons. Zhan Silu.

    Mentre stavo riflettendo su questo, ho cercato di aprire di nuovo il messaggio, ma l’articolo era stato cancellato. Come è possibile che un tale messaggio di “energia positiva” possa essere pubblicato via e-mail e poi essere cancellato di colpo? Davvero non lo capisco!

    Quando ho letto la notizia, il mio primo pensiero è stato che “Un gruppo, un’associazione” [lo slogan che indica il Consiglio dei vescovi e l’Associazione patriottica – ndr] si era “vendicato”: tutto ciò che tu hai perso prima, poi lo ritrovi oggi; tutto ciò che hai guadagnato prima, lo perdi oggi”.

    Mons. Ma aveva con decisione abbracciato mons. Zhan durante la sua ordinazione. Oggi mons. Ma ha visitato mons. Zha Silu, il quale ha abbracciato mons. Ma, senza insigne episcopali, comunicando il rilascio di colui che prima era sospettato.

    Quando mons. Ma ha consumato l’eucarestia, mons. Zhan era rivolto a dire qualcosa ai sacerdoti [che concelebravano], il tutto in un’atmosfera piena di armonia.

    Durante la Settimana santa sono successe molte cose nella diocesi di Mindong. Mons. Guo Xijin [vescovo ordinario di Mindong, sotterraneo, non riconosciuto dal governo- ndr] è stato portato via “in vacanza”. Mons. Zhan Silu ha potuto presiedere la messa crismale del Giovedì Santo, coronando il suo sogno. Egli ha anche accolto mons. Ma Daqin e lo ha perfino abbracciato durante la messa, mostrando la sua anima di gentleman.

    Con il dialogo sino-vaticano che va avanti, chissà che questa Settimana santa non sia una specie di prova di una nuova situazione delle relazioni fra Cina e Santa Sede, in cui Pechino  Roma si abbracciano insieme, in cui ufficiali e sotterranei si abbracciano insieme.

    Mons. Ma è andato a Jiaocheng (Mindong) per concelebrare la messa di Pasqua e ha ricevuto un grande abbraccio… perché Cristo è risorto.

    Kim Jong-un ha premuto il bottone e il lancio del missile è fallito… perché Cristo è risorto.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    16/04/2017 11:42:00 CINA-VATICANO
    La vittoria dell’Associazione Patriottica: il vescovo illecito Zhan Silu concelebra con mons. Ma Daqin di Shanghai

    Zhan Silu è stato ordinato nel 2000. Ma Daqin, ancora agli arresti domiciliari, ma ha potuto “visitare la diocesi di Mindong”, dove è scomparso nelle mani della polizia il vescovo ordinario, mons. Guo Xijin. Nella cerimonia, Ma Daqin è stato chiamato “vescovo” e non più “padre” come in precedenza. L’Associazione patriottica padrona incontrastata della Chiesa in Cina. “Una presa in giro per il Vaticano”. L’Ap tenta di distruggere i dialoghi fra S. Sede e governo.



    13/04/2017 15:48:00 CINA-VATICANO
    Sequestrato mons. Pietro Shao Zhumin, vescovo (sotterraneo) di Wenzhou

    La pubblica sicurezza non comunica il luogo in cui è stato portato. Ma hanno permesso ai fedeli di consegnare alcuni vestiti per il loro pastore. Il vescovo non potrà celebrare Pasqua coi suoi fedeli. Pressioni sul prelato per farlo aderire all’Associazione patriottica. Un destino simile a quello di mons. Guo Xijin. Pressioni anche sulla Santa Sede.



    12/12/2012 VATICANO - CINA
    Mons. Savio Hon: Un sopruso la destituzione del vescovo di Shanghai. Tutte le Chiese del mondo preghino per lui
    Il segretario della Congregazione vaticana per l'evangelizzazione dei popoli commenta ad AsiaNews la notizia "triste" dell'accanimento del Consiglio episcopale cinese contro mons. Taddeo Ma Daqin, esautorato per aver obbedito al papa. L'invito a tutte le Chiese a pregare per la Chiesa perseguitata in Cina, da mons. Ma ai vescovi e sacerdoti in prigione. Una preghiera anche per la nuova leadership cinese, dopo il Congresso del partito comunista, perché non usino più "i metodi del passato".

    14/12/2012 CINA - VATICANO
    Card. Zen: Il caso del vescovo di Shanghai, una vergogna per la Chiesa e per i nuovi dirigenti cinesi
    Nel togliere a mons. Ma Daqin il titolo di vescovo di Shanghai, i vescovi "opportunisti" hanno obbedito ai padroni dell'Associazione patriottica, che non vogliono perdere il controllo sulla Chiesa. Ma in tal modo gettano fango anche sulla leadership di Pechino. Il Vaticano troppo lento nel giudicare come "scismatici" questi vescovi.

    05/10/2012 CINA - VATICANO
    Shanghai, preti e suore sottoposti a lavaggio del cervello, dopo il "grande schiaffo" di Ma Daqin
    Tre giornate di lezioni, di 12 ore al giorno, all'Istituto per il socialismo di Shanghai. A tema i doveri verso la nazione, i regolamenti religiosi, i principi di una Chiesa indipendente dal papa. Come ai tempi del maoismo, sacerdoti e suore hanno subito un esame finale e "confessato" quanto hanno imparato.



    In evidenza

    VATICANO
    Papa: le Chiese d’Oriente, vivaci malgrado persecuzioni e terrorismo



    Ricevendo i partecipanti all’assemblea della “Riunione delle Opere per l’Aiuto alle Chiese Orientali” Francesco raccomanda la formazione del clero. “Non dimentichiamo che in Oriente anche ai giorni nostri, i cristiani – non importa se cattolici, ortodossi o protestanti – versano il loro sangue come sigillo della loro testimonianza”.


    CINA-GERMANIA
    L’ambasciatore tedesco chiede alla Cina la liberazione di mons. Shao Zhumin



    In una dichiarazione ufficiale sul sito dell’ambasciata, Michael Clauss chiede che al vescovo di Wenzhou, sequestrato, sia data piena libertà di movimento. Preoccupazioni espresse anche per le bozze dei nuovi regolamenti sulle attività religiose, che decretano la fine delle comunità sotterranee. E’ la prima volta dopo un decennio che un ambasciatore europeo chiede la liberazione di un vescovo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®