19 Settembre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 09/12/2010
CINA - VATICANO
L’Assemblea patriottica cinese vota la sua leadership. Un grave danno per la Chiesa
di Zhen Yuan
Ma Yinglin, vescovo illecito, è presidente del Consiglio dei vescovi; Fang Xinyao (un vescovo in comunione col papa) è presidente dell’Associazione patriottica. Nella leadership vi sono tre vescovi illeciti. In futuro vi potranno essere molte più ordinazioni senza mandato papale. Un sacerdote: “Il governo ha creato il caos in modo deliberato”.

Pechino (AsiaNews) –All’Ottava Assemblea dei rappresentanti cattolici si è giunti alla votazione della nuova leadership. Questa mattina sono stati eletti: Giuseppe Ma Yinglin, vescovo (illecito) di Kunming (v. foto), come nuovo presidente del Consiglio dei vescovi cinesi; mons. Johan Fang Xinyao di Linyi è invece il nuovo capo dell’Associazione patriottica. L’Assemblea, il Consiglio e l’Associazione sono organismi i cui scopi rimangono inconciliabili con la fede cattolica.
 
La vicepresidenza del Consiglio dei vescovi è affidata a: Fang Xinyao di Linyi; Zhan Silu di Mindong (illecito); Fang Jianping di Tangshan; Li Shan di Pechino; Pei Junmin di Liaoning; Yang Xiaoting di Yanan.
 
Il segretario generale del Consiglio dei vescovi è Guo Jincai, il vescovo ordinato in modo illecito a Chengde lo scorso 20 novembre. In precedenza il posto era tenuto da Ma Yinglin.
 
I vicepresidenti dell’Ap sono: I vescovi Ma Yinglin, Guo Jincai, Shen Bin di Haimen, Meng Qinglu di Hohhot; i sacerdoti Lei Shiyin di Leshan, Huang Bingzhang di Shantou, Yue Fusheng di Harbin; suor Wu Lin (dell’Hubei) e il laico Shu Nanwu di Nanchang.
 
L’ex vice-presidente dell’Ap, Antonio Liu Bainian – il regista dell’Assemblea e delle ordinazioni illecite di questi anni – è stato eletto presidente onorario di entrambi gli organismi, assieme all’anziano mons. Jin Luxian di Shanghai.
 
Fra i consiglieri dell’Ap e del Consiglio dei vescovi vi sono: i prelati Tu Shihua, Liu Jinghe di Tangshan, Li Mingshu di Qingdao, Yu Runchen di Hanzhong; i laici Yu Jiadi di Anhui, Lu Guocun del Guangdong, Zhou Xiaowu di Shanghai, Liu Deshen di Chongqing.
 
Nella nuova leadership, due dei membri sono vescovi ordinati quest’anno con mandato papale; uno ordinato in modo illecito.
 
Nel suo discorso di chiusura, Ma Yinglin ha affermato che la nuova leadership dell’Ap e del Consiglio unirà i cattolici nel seguire i principi di indipendenza, auto-organizzazione e democrazia per guidare la Chiesa e per camminare con la Chiesa universale per essere testimoni di Dio. I cattolici, ha aggiunto, “potranno scrivere un nuovo capitolo sul lavoro patriottico della Chiesa cinese”.
 
Davanti a una leadership intrecciata di vescovi illegittimi, alcuni cattolici hanno espresso ad AsiaNews i loro timori: poiché adesso il presidente, un vicepresidente e il segretario generale sono vescovi illeciti, c’è il pericolo che in futuro vi saranno molte ordinazioni episcopali illegittime.
Un sacerdote fa notare che la Chiesa è sempre stata controllata dall’Ap; con gli eventi ultimi [ordinazione illecita e Assemblea –ndr] e la nuova leadership, in modo deliberato, il governo sembra aver voluto creare un certo caos nella Chiesa.
 
Questa situazione – ha detto un’altra fonte di AsiaNews – può rendere ancora più difficile per il Vaticano di nominare ed eleggere nuovi vescovi in comunione col papa.
 
Un altro sacerdote ha detto che per la Chiesa sembra di tornare al passato, quando il governo la controllava con pugno di ferro e si domanda come mai il governo non osa far guidare il Consiglio dei vescovi da questi vescovi in comunione col pontefice.
 
Secondo il sito web dell’Ufficio affari religiosi, l’Assemblea ha revisionato gli scorsi sei anni di lavoro della Chiesa e ha prospettato gli scopi e gli obbiettivi dei prossimi cinque anni, studiando anche le revisioni alle costituzioni dell’Ap e del Consiglio dei vescovi.

invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
06/12/2010 CINA - VATICANO
Ritorna la Rivoluzione Culturale: vescovi cinesi imprigionati o ricercati come criminali
di Bernardo Cervellera
17/12/2010 VATICANO - CINA
Coraggio e profezia: il Davide-Vaticano e il Golia-Cina
di Bernardo Cervellera
07/12/2010 CINA - VATICANO
Vescovi cinesi deportati per partecipare all’Assemblea patriottica
di W. Zhicheng - Z. Yuan
07/12/2010 CINA - VATICANO
Al via l'Assemblea patriottica cinese: per una Chiesa indipendente, che resista al Vaticano
di Zhen Yuan
22/11/2010 VATICANO - CINA
Card. Zen: In Cina non c’è libertà religiosa
di Card. Joseph Zen Zekiun

In evidenza
IRAQ-VATICANO
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del vescovo per i primi aiuti
di Amel NonaMons. Amel Nona, vescovo caldeo di Mosul, anch'egli rifugiato, ringrazia tutti i donatori della campagna lanciata da AsiaNews. La situazione è sempre più difficile per il numero enorme di profughi e per l'arrivo dell'inverno e della neve, che rendono impossibile alloggiare nelle tende o all'aperto. La crisi, un'occasione che rende attiva la fede dei cristiani.
ITALIA - IRAQ
Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul". Già raccolti oltre 350mila euro
di Bernardo CervelleraInviate al patriarca di Baghdad e ai vescovi del Kurdistan le donazioni ricevute fino al 31 agosto. La campagna serve a nutrire, alloggiare, vestire, consolare oltre 150mila profughi cristiani, yazidi, turkmeni, sciiti e sunniti, fuggiti dalla violenza dell'esercito del Califfato islamico. Una generosa partecipazione dall'Italia e da tutte le parti del mondo. Donazioni anche da chi è povero e senza lavoro. Una speranza per il mondo, per chi soffre e per chi dona.
IRAQ-ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del Patriarca Louis Sako; le preoccupazioni del vescovo del Kurdistan
di Bernardo CervelleraIl capo della Chiesa caldea ringrazia per la campagna di AsiaNews e spera che "questa catena di solidarietà si allunghi". Aiutare i profughi a rimanere in Iraq. Ma molti vogliono fuggire all'estero. Il vescovo di Amadiyah, che ha accolto migliaia di sfollati nelle chiese e nelle case: Aiutiamo anche arabi (musulmani) e yazidi, in modo gratuito e senza guardare alle differenze confessionali.

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate