28 Febbraio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 16/05/2011, 00.00

    CINA - VATICANO

    L’Associazione Patriottica minaccia 10 ordinazioni episcopali senza mandato del papa

    Paul Wang

    Lo dichiara Antonio Liu Bainian, presidente onorario dell’Ap. Lo scorso 11 maggio vi è stata un’elezione episcopale a Shantou (Guangdong) con un candidato unico, legato al Partito comunista, per spodestare il vescovo della diocesi, approvato dalla Santa Sede.
    Hong Kong (AsiaNews) – Il presidente onorario dell’Associazione patriottica, Antonio Liu Bainian esige che il Vaticano “non interferisca nel lavoro dei vescovi autoeletti e autoordinati [ossia senza mandato papale-ndr] e che riconosca e sostenga i vescovi eletti nel loro lavoro di evangelizzazione”. Liu Bainian, soprannominato “il papa della Cina” per la sua pretesa di guidare tutta la Chiesa cinese, ha detto che vi sono ancora almeno 10 candidati all’episcopato che saranno presto eletti secondo il metodo della “autoelezione” e “autoordinazione”, che è il metodo “voluto dalla Chiesa in Cina”.
     
    Le dichiarazioni di Liu Bainian sono state riportate dal Wen Wei Po, un giornale di Hong Kong vicino al Partito comunista cinese, lo scorso 14 maggio.
     
    Esperti considerano le pesanti dichiarazioni come una sfida e una minaccia lanciate al Vaticano di prossime ordinazioni episcopali senza mandato papale, dopo quella avvenuta nel novembre scorso a Chengde (v. 20/11/2010 Chengde: otto vescovi uniti al papa partecipano all’ordinazione illecita).
     
    Le parole di Liu Bainian si stanno avverando già da tempo. Giorni prima, l’11 maggio, a Shantou, con l’elezione di un vescovo da parte di preti, suore e laici, sotto minacce e pressioni, contro la volontà della Santa Sede.
     
    Il comitato elettivo composto da 15 preti, cinque suore, due seminaristi e 50 laici ha votato a larga maggioranza l’unico candidato, il p. Giuseppe Huang Bingzhang. Tale “auto elezioni” ha forti pecche:
     
    1)      anzitutto essa è stata segnata da costrizioni. Sacerdoti e laici hanno confessato di essere stati presi da casa e “accompagnati” dalla polizia; inoltre, nella sala dell’elezioni erano presenti molti membri dell’Ap e della polizia che controllavano lo scrutinio e verificavano il voto. Molti hanno dichiarato di aver subito pressioni fortissime per votare il candidato unico; altri hanno detto di essere stati costretti a votare “contro coscienza” per timore di vendette e minacce sui loro parenti. Nonostante ciò, nella votazione, vi sono stati tre voti contrari e tre astenuti. Ma il candidato unico ha presto 66 voti. Su cinque preti che non hanno voluto partecipare all’elezione manipolata, tre sono sotto la sorveglianza della polizia; uno è scomparso (forse si è nascosto); uno è stato arrestato.
     
    2)      Il candidato, il p. Huang, era desideroso di diventare vescovo da molto tempo e il Vaticano non lo ha mai visto come un candidato degno. Il p. Huang è definito dai suoi fedeli come “un ambizioso”,  “un assetato di potere” e uno troppo vicino al Partito comunista. Dal 1998 egli è membro vicario dell’Assemblea nazionale del popolo (il parlamento cinese); è presidente dell’Ap del Guangdong e dallo scorso dicembre è uno dei vicepresidenti dell’Ap a livello nazionale (v. 09/12/2010 L’Assemblea patriottica cinese vota la sua leadership. Un grave danno per la Chiesa).
     
    3)      La diocesi di Shantou ha già il vescovo, nella persona di mons. Zhuang Jianjian, ordinato segretamente con l’approvazione della Santa Sede nel 2006. Ma l’Ap non lo riconosce come vescovo e ha sempre frenato la sua opera pastorale. Da dicembre scorso egli è sempre controllato dalla polizia e la scorsa Settimana santa è stato impedito di svolgere il suo ministero
     
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    05/03/2013 VATICANO - CINA
    Xi Jinping: la politica del pendolo verso la Chiesa e il Vaticano
    Il nuovo segretario generale del Partito - che a giorni sarà confermato presidente - ha suscitato molte speranze, ma la sua politica fa un passo avanti e uno indietro: i laojiao non sono stati eliminati; la corruzione si accresce; le riforme tanto annunciate tardano; vescovi e sacerdoti rimangono in prigione. Un segno positivo, l'articolo di Global Times sul papa e un'intervista a p. Lombardi. Ma la religione rimane all'ultimo posto nelle preoccupazioni della leadership.

    22/11/2010 VATICANO - CINA
    Il dolore del card. Zen per l’ordinazione illecita di Chengde
    Sacerdoti, suore, fedeli delle comunità ufficiali e sotterranee piangono per l’avvilente ordinazione illecita avvenuta il 20 novembre scorso a Chengde (Hebei). Ad essa vi hanno partecipato 8 vescovi in comunione col papa, sequestrati e costretti a parteciparvi. Lo sfogo del vescovo emerito di Hong Kong, paladino della libertà religiosa in Cina.

    24/02/2012 CINA - VATICANO
    Mongolia Interna: Campagna di persecuzione contro la Chiesa sotterranea
    Per una serie di arresti contro sacerdoti, i 30mila fedeli non hanno possibilità di andare a messa. Il seminario è stato chiuso e gli studenti costretti ad andare a casa. Sacerdoti costretti dalla polizia a partecipare a concelebrazioni con il vescovo ufficiale, in una situazione ambigua. L'offensiva contro la Chiesa è parte anche della campagna per la sicurezza prima dell'Assemblea nazionale del popolo e per bloccare ogni possibile rivolta sociale.

    25/04/2012 CINA-VATICANO
    Cerimonia "patriottica" per il nuovo vescovo di Changsha
    All'ordinazione presenti un vescovo scomunicato (Anhui) e l'arcivescovo di Pechino in posizione ambigua. Pochi i fedeli. Presenti molti ufficiali del governo e del Fronte unito. Il giuramento del vescovo secondo i dettami dell'Associazione patriottica.

    24/08/2011 CINA - VATICANO
    Tianshui: la polizia arresta decine di sacerdoti e laici sotterranei
    Il Fronte Unito vuole prevenire l’elezione di un vescovo che provenga dalla comunità sotterranea. Tre amministratori apostolici sotterranei sono sotto il controllo della polizia. La Chiesa di Tianshui lancia una campagna di preghiere per la liberazione dei loro sacerdoti e fedeli.



    In evidenza

    LIBANO
    Trump, Marine Le Pen e il Medio oriente: il Libano contro muri e divisioni

    Fady Noun

    L’inizio della presidenza Trump ha segnato la “babelizzazione” della società americana. Ciascun Paese riversa il suo odio contro un nemico esterno. La crisi globale attuale ha radici religiose. Al cuore del caos vi è la minaccia jihadista. Laterza guerra mondiale non si vince con i droni, ma usando moderazione e promuovendo l’incontro e il confronto. 

     


    EGITTO – ISLAM
    Al Azhar sotto l’influenza dell’islamismo di Daesh

    Kamel Abderrahmani

    Le istituzioni religiose ufficiali e le università cosiddette islamiche sono la causa dell’immobilità del mondo musulmano. I programmi insegnati ad Al Azhar e la letteratura usata sono gli stessi che sono applicati sul terreno da tutti i terroristi armati. Nessun paragone possibile fra Al Azhar e il Vaticano. Il Vaticano ha ospitato musulmani irakeni e siriani che fuggivano la guerra. Al Azhar non ha fatto nulla per cristiani e Yazidi. La persecuzione verso Mohamed Nasr Abdellah, desideroso di modernizzare l’islam. Il commento di uno studente musulmano.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®