21 Ottobre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 28/05/2011, 00.00

    EGITTO – PALESTINA – ISRAELE

    L’Egitto apre i confini con Gaza. Proteste di Israele



    Tolto il blocco al valico di Rafah, chiuso dal 2007 all’indomani della presa di potere di Hamas a Gaza. Libero transito dalle 9 del mattino alle 9 di sera per donne, bambini, uomini over 40. Contraria Israele, che teme un traffico di armi. Nella notte un razzo lanciato da Gaza avrebbe colpito il sud del Paese.
    Il Cairo (AsiaNews/Agenzie) – Da stamane l’Egitto ha allentato le restrizioni lungo il confine con la Striscia di Gaza, consentendo il transito a numerosi palestinesi per la prima volta in quattro anni. Donne, bambini e uomini oltre i 40 anni hanno potuto attraversare il varco in modo libero. Invece, i maschi tra i 18 a i 40 anni devono chiedere un permesso; resta proibito il commercio attraverso la frontiera. La decisione giunge a tre mesi di distanza dalla cacciata dell’ex presidente egiziano Hosni Mubarak e registra la netta opposizione di Israele. Intanto l’esercito di Tel Aviv denuncia il lancio di un razzo dalla Striscia, che ha colpito il sud del Paese senza però causare vittime o danni.
     
    Questa mattina, fra i primi mezzi a varcare il confine sono state due ambulanze, con a bordo feriti che verranno curati in Egitto. Poi è stata la volta di un minibus, che trasportava un gruppo di turisti. Fonti locali riferiscono che vi erano almeno 400 cittadini di Gaza ad aspettare di poter attraversare la frontiera.
     
    Egitto e Israele hanno chiuso il valico di Rafah e i confini lungo la Striscia nel 2007, all’indomani della presa di potere di Hamas. Israele è contrario alla decisione del Cairo, perché teme l’importazione di armi attraverso la frontiera egiziana. Tuttavia, dal Paese delle piramidi arrivano rassicurazioni: le autorità promettono controlli per bloccare il contrabbando.
     
    Analisti sottolineano che la decisione del Cairo assume un valore “importante a livello simbolico” ed è un segnale preciso inviato dalla nuova leadership egiziana, che potrebbe modificare le dinamiche del Medio oriente. Con le elezioni all’orizzonte, la classe politica potrebbe prestare maggiore interesse e partecipazione alla causa palestinese. Una mossa che spinge Israele a innalzare il livello di allerta.
     
    Le frontiere saranno aperte dalle 9 del mattino alle 9 di sera ogni giorno, eccettuati i venerdì e in occasione delle principali festività. La decisione giunge a un mese di distanza dall’accordo fra le due principali fazioni palestinesi, Fatah che comanda in Cisgiordania e Hamas che governa Gaza.Lo scorso anno lo Stto israeliano ha allentato le restrizioni all’ingresso dei beni di prima necessità nella Striscia, ma permane una situazione di crisi. Le Nazioni Unite hanno dichiarato “illegale” il blocco imposto dal governo israeliano, condannato pure dalla Croce rossa internazionale.
     
    Intanto l’esercito israeliano denuncia il lancio di un razzo dalla Striscia, che ha colpito il sud del Paese senza però causare vittime o danni. Un portavoce militare ha spiegato che “un razzo lanciato da Gaza è atterrato la scorsa notte nella regione di Eshkol, ma non ha causato danni o feriti”. Se confermato, sarebbe il primo lancio verso obiettivi israeliani dalla Striscia nell’ultimo mese e mezzo.
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    21/11/2012 ISRAELE - PALESTINA
    Si cerca una tregua per Gaza, ma continuano i razzi e i raid aerei
    Ban Ki-moon, Hillary Clinton, Nabil al-Arabi, Mohamed Morsi sono impegnati in visite e dialoghi. Stanotte l'esercito israeliano ha colpito "100 sedi terroriste". Dalla Striscia sono stati sparati oltre 160 missili. Cresce il bilancio delle vittime: 130 palestinesi (fra cui 31 bambini); cinque israeliani. Più dell'80% degli israeliani appoggia l'operazione; ma vi sono giovani che rifiutano il servizio militare. Le difficili condizioni richieste per la tregua.

    16/11/2012 ISRAELE - PALESTINA
    Israele accetta una breve tregua su Gaza mentre ammassa truppe al confine
    In corso la visita del primo ministro egiziano. Israele ha accettato il cessate-il-fuoco fino a che i militanti di Hamas lo rispettano. Richiamati 30mila riservisti; camion e autobus pieni di militari si dirigono al confine con Gaza.

    17/01/2009 ISRAELE – PALESTINA
    Gaza: Israele vota la tregua, mentre si continua a morire
    Stasera a Gerusalemme il governo vota la sospensione unilaterale dell’attacco, a condizione che cessino i lanci di razzi e sia rilasciato il caporale Gilad Shalit. Ma Hamas: la guerra continua. Colpita anche una scuola gestita dall’Onu: sei morti, tra cui una donna e due bambini.

    19/11/2008 PALESTINA -ISRAELE
    Resta chiusa la frontiera di Gaza. A rischio anche gli aiuti umanitari
    Dopo il parziale allentamento del blocco e l’ingresso di alcuni carichi di medicinali e generi alimentari, Israele torna a chiudere i valichi verso la Striscia. La comunità internazionale preme su Tel Aviv per evitare l’acuirsi della crisi umanitaria, ma continuano i lanci di razzi da parte di Hamas.

    18/09/2017 08:59:00 PALESTINA - GAZA
    Hamas verso la riconciliazione con Fatah. Dai vertici palestinesi invito alla cautela

    Il movimento che controlla la Striscia disponibile a sciogliere il comitato amministrativo e a indire elezioni generali. Apertura a nuovi negoziati e a un “governo di unità”. Ma il numero due di Fatah predica prudenza: Valutare “cosa succede sul terreno prima di compiere ulteriori passi”. 

     





    In evidenza

    MYANMAR
    Non solo Rohingya: la persecuzione delle minoranze cristiane in Myanmar



    La sofferenza di Kachin, Chin e Naga. La discriminazione su basi religiose è in certi casi addirittura istituzionalizzata. I cristiani sono visti come espressione di una fede straniera ed in contrasto con la visione nazionalista. Per anni il regime militare ha introdotto feroci misure discriminatorie.


    VATICANO - ASIA
    Il mondo ha urgenza della missione della Chiesa

    Bernardo Cervellera

    Ottobre è un mese consacrato al risveglio della missione fra i cristiani. Nel mondo c’è indifferenza o inimicizia verso Dio e la Chiesa. Le religioni sono considerate la fonte di tutte le guerre. Il cristianesimo è l’incontro con una Persona, che cambia la vita del fedele e lo mette al servizio delle ferite del mondo, lacerato da frustrazioni e guerre fratricide. L’esempio del patriarca di Baghdad e del presidente della Corea del Sud.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®