24 Gennaio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 12/01/2018, 08.55

    IRAN - UE - USA

    L’Europa contro Trump, cerca di salvare l’accordo sul nucleare iraniano



    Londra, Parigi e Berlino lavorano per preservare un patto essenziale per la sicurezza internazionale. Il Jcpoa va mantenuto, pur imponendo nuove “linee rosse” alla Repubblica islamica. Ma sull’operazione pesa l’imprevedibilità del presidente Usa. Attesa per oggi la decisione della Casa Bianca sull’estensione dei termini. 

     

    Teheran (AsiaNews/Agenzie) - In attesa della decisione di Donald Trump sull’estensione (o meno) dei termini dell’accordo sul nucleare iraniano (il Jcpoa), i vertici dell’Europa rilanciano la loro volontà di preservare un patto essenziale per la pace e la sicurezza internazionale. Al termine dell’incontro di ieri con il capo della diplomazia di Teheran Mohammad Javad Zarif, i leader europei hanno inviato un messaggio chiaro a Washington: l’accordo va “preservato”, pur imponendo nuove “linee rosse” alla Repubblica islamica. 

    Analisti ed esperti parlano dunque di una “terza via” tentata dall’Europa per difendere il Jcpoa, siglato nel 2015 fra le potenze del 5+1 e la Repubblica islamica, di fronte alle critiche del presidente statunitense che ha più volte minacciato di cancellare “il peggior accordo di sempre”. Essa permetterebbe di salvare l’accordo evitando un confronto aperto con l’Iran, pur imponendo dei limiti alle attività “destabilizzanti” di Teheran in Medio oriente.  

    Dalle principali cancellerie dell’Europa - su tutte Londra, Parigi e Berlino - si riafferma dunque l’intenzione di trovare (e difendere) una posizione comune sul dossier iraniano, a differenza di quanti avvenuto nel 2003 con l’Iran. All’epoca le divisioni fra inglesi (sostenitori dell’invasione Usa) e l’asse franco-tedesco avevano favorito l’escalation delle operazioni militari. 

    Oggi l’Europa sembra ritrovare la strada della diplomazia e del dialogo nella regione, allineandosi dietro una posizione comune con l’obiettivo di scongiurare una nuova guerra a fronte dei discorsi bellicosi della Casa Bianca che considera Teheran parte del famigerato “asse del male”. Una posizione che non esime però i leader europei dal criticare la politica della Repubblica islamica in Medio oriente. 

    Tuttavia, il perseguimento di questa “terza via” da parte dell’Europa si scontra con le parole - e le politiche - bellicose dell’amministrazione Trump verso l’Iran. Una linea politica che si unisce all’imprevedibilità del presidente americano, cui fa da contraltare la rigidità dei vertici della Repubblica islamica che non sembra disposta a fare concessioni sul programma dei missili balistici. 

    In giornata è attesa la decisione ufficiale del presidente Trump sull’accordo nucleare. Dalle ultime informazioni emerge che il leader della Casa Bianca sarebbe intenzionato a mantenere immutati i termini dello stesso, pur imponendo agli alleati europei e al Congresso un ultimatum: migliorare l’accordo o gli Stati Uniti si ritireranno. 

    Fonti ufficiali del governo Usa, dietro anonimato, riferiscono che Trump è pronto a estendere l’allentamento delle sanzioni a Teheran per altri 120 giorni. Al contempo egli dovrebbe imporre sanzioni mirate contro uomini d’affari o personalità coinvolte nello sviluppo del programma missilistico, sospettate di attività terroristiche o colpevoli di violazioni ai diritti umani.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    11/11/2017 09:23:00 IRAN - USA - ONU
    Nucleare iraniano, l’Aiea risponde ai timori Usa: Teheran rispetta tutti gli impegni

    Il direttore generale Yukiya Amano ha incontrato l’ambasciatrice Usa all’Onu Haley. Teheran segue i dettami dell’accordo e permetto l’accesso a tutti i siti. Una risposta a Washington che aveva parlato di visite e controlli “insufficienti”. L’Ue rilancia il sostegno totale a “uno dei più importanti risultati della diplomazia internazionale”.



    18/10/2017 11:22:00 IRAN - UE - STATI UNITI
    Nucleare, l’Ue sconfessa Trump: l’accordo con l’Iran un ‘pilastro essenziale’

    In un periodo caratterizzato dalla crescente “minaccia nucleare” i leader europei intendono “preservare” il patto sottoscritto con Teheran. Ma il presidente Usa minaccia la “cessazione totale”. Aiea: fondamentale per la sicurezza degli Usa, degli alleati e della regione. Anche l’Fmi contro la Casa Bianca che chiedeva di tagliare i fondi all’Iran.

     



    22/02/2012 IRAN – ONU
    Aiea: fallite le trattative sul nucleare iraniano
    Teheran ha negato l’autorizzazione ai tecnici dell’agenzia Onu, chiamati a ispezionare un sito a sud della capitale. Il direttore generale manifesta “disappunto” ed esclude nuovi colloqui a breve. L’inviato iraniano parla di incontri “intensi” che continueranno in futuro. Pochi i progressi ottenuti sinora.

    07/11/2009 IRAN
    Teheran: no all’invio all’estero di uranio arricchito
    Lo ha affermato Alaeddin Borujerdi, presidente della commissione parlamentare per gli affari esteri. Il parlamentare aggiunge che si stanno cercando “soluzioni alternative" e che l’Occidente “non può imporre scadenze”. Crescono i timori che l’Iran stia fabbricando in segreto la bomba atomica.

    10/10/2017 12:16:00 ISRAELE - IRAN - USA
    Israele, ex capo intelligence: Trump mantenga l’accordo sul nucleare iraniano

    Amos Yadlin invita la Casa Bianca a non mettere fine al Jcpoa e riservare la “minaccia” di un ritiro in un momento “più strategico”. Per esercitare maggiori pressioni su Teheran serve il sostegno dell’Europa. Direttore generale Aiea: l’Iran rispetta “tutti gli impegni presi”. Premier britannica: ha “neutralizzato” la ambizioni nucleari della Repubblica islamica.

     





    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Il Vaticano domanda ai vescovi legittimi di farsi da parte per lasciare spazio a quelli illegittimi

    John Baptist Lin

    Lo scorso dicembre mons. Pietro Zhuang Jianjian di Shantou (Guangdong) è stato obbligato ad andare a Pechino dove “un prelato straniero” del Vaticano gli ha chiesto di lasciare la cattedra al vescovo illecito Giuseppe Huang Bingzhang. La stessa richiesta gli è stata fatta lo scorso ottobre. Mons. Giuseppe Guo Xijin, vescovo ordinario di Mindong dovrebbe diventare l’ausiliare o il coadiutore del vescovo illecito Vincenzo Zhan Silu. Sinicizzare la Chiesa cinese: sostenere il principio dell’indipendenza e seguire la leadership del Partito comunista.


    VATICANO – PERU'
    Papa in Perù: Giovani, il cuore non si può ‘fotoshoppare’, perché è lì che si gioca l’amore vero



    All’Angelus nella Plaza de Armas, papa Francesco ai giovani di seguire Gesù con tutto se stessi, senza scoraggiarsi, su esempio di san Martino di Porres, il santo meticcio. La preghiera silenziosa per la pace nella Repubblica del Congo. Ai vescovi, l’esempio di san Toribio di Mogrovejo, un infaticabile evangelizzatore: “Oggi lo chiameremmo un vescovo ‘di strada’”. Alle religiose contemplative l’invito a pregare per l’unità della Chiesa peruviana.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®