17 Febbraio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 15/04/2008, 00.00

    IRAQ

    L’Iraq apre i suoi giacimenti a 35 compagnie straniere



    Pubblicato l’elenco delle ditte ammesse a partecipare a gare d’appalto per i contratti di servizio e d'estrazione di petrolio; tra le major: Exxon, Chevron e Total. Escluse le compagnie che avevano già stretto accordi separati con il governo del Kurdistan.
    Baghdad (AsiaNews/Agenzie) – L’Iraq apre le porte a 35 compagnie straniere per lo sfruttamento di gas e petrolio nei suoi ricchi giacimenti. Ieri il ministero iracheno del Petrolio ha dato l’annuncio della lista di compagnie qualificatesi per partecipare alle gare d’appalto per i contratti nel settore. In tutto erano 120 che avevano fatto richiesta.
     
    I giacimenti di petrolio dell’Iraq sono per vastità i terzi al mondo. Per essere sviluppati e portare al massimo la produzione di greggio hanno bisogno di miliardi di dollari di investimenti, dopo anni di embargo e a causa dei danni della guerra.
     
    Fra i qualificati compaiono major del calibro di BP, Chevron, Exxon Mobil, Royal Dutch Shell, e Total, che da mesi stanno negoziando con il governo di Baghdad. Altre che compaiono nell’elenco pubblicato sul sito del ministero sono: la Conoco Phillips, la russa LUKOIL, la spagnola Repsol, l’australiana BHP Billiton, l’italiana Gruppo Edison e la Korea Gas Corp.
     
    Escluse le compagnie che hanno stretto accordi con il governo della regione semiautonoma del Kurdistan. Baghdad ritiene tali contratti illegali. Gli attriti politici tra Erbil e Baghdad hanno ritardato di oltre un anno la presentazione in parlamento della fondamentale legge sul petrolio. Come misura temporanea l’Iraq ha intenzione di assegnare contratti a breve scadenza per l’estrazione di greggio e contratti di servizio per aumentarne la produzione.
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    07/02/2005 iraq - onu
    Oil-for-food: ecco le prove della corruzione all'Onu
    Tra i corrotti si fa il nome del figlio di Kofi Annan. Ricostruiti i percorsi e le connivenze fra grandi e piccole compagnie.

    14/05/2010 CINA
    La “Lunga marcia” delle compagnie cinesi del petrolio
    Soltanto dieci anni fa, le compagnie petrolifere controllate dal governo erano considerate delle novizie nel campo delle acquisizioni e delle fusioni internazionali. Dopo alcuni duri colpi, sono divenuti attori di primo piano.

    15/07/2017 08:20:00 IRAN
    Teheran lancia la prima asta dell’era post-sanzioni per 14 campi di petrolio e gas

    Ad annunciarlo la Compagnia nazionale per il petrolio (Nioc), che prevede tempi di “due o tre mesi” per l’assegnazione. Prezzi base dell’asta da 14 a 80 milioni di euro a seconda del giacimento. Un bando che l’interesse dei giganti occidentali (e russi) del settore. Diplomatico iraniano: Vogliamo allentare “i timori” degli europei e occidentali.



    17/06/2008 RUSSIA – ASIA
    Direttore Gazprom: a breve, il petrolio a 250 dollari il barile
    Secondo Alexei Miller, capo della compagnia leader mondiale nell’estrazione di gas naturale, non è lontano il giorno in cui il petrolio toccherà questa cifra. Analisti discordi, ma il greggio non accenna a fermarsi: ieri il picco, con 139,89 dollari il barile.

    29/08/2005 ASIA
    Petrolio record: danni per le economie dell'Asia

    Il greggio oltre i 70 dollari al barile. Il timore per l'uragano Katrina non giustifica l'aumento, per gli esperti. La corsa del petrolio rende meno competitivi i prodotti dei Paesi emergenti dell'Asia e ne rallenta la crescita.





    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Le lacrime dei vescovi cinesi. Un ritratto di mons. Zhuang, vescovo di Shantou

    Padre Pietro

    Un sacerdote della Chiesa ufficiale, ricorda il vescovo 88enne che il Vaticano vuole sostituire con un vescovo illecito, gradito al regime. Mons. Zhuang Jianjian è diventato vescovo sotterraneo per volere del Vaticano nel 2006. Il card. Zen e mons. Zhuang, immagine della Chiesa fedele, “che fa provare un’immensa tristezza e un senso di impotenza”. Le speranze del card. Parolin di consolare “le sofferenze passate e presenti dei cattolici cinesi”.


    CINA-VATICANO-HONG KONG
    Il card. Zen sui vescovi di Shantou e Mindong

    Card. Joseph Zen

    Il vescovo emerito di Hong Kong conferma le informazioni pubblicate nei giorni scorsi da AsiaNews e rivela particolari del suo colloquio con papa Francesco su questi argomenti: “Non creare un altro caso Mindszenty”, il primate d’Ungheria che il Vaticano obbligò a lasciare il Paese, nominando un successore a Budapest, a piacimento del governo comunista del tempo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®