17 Agosto 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 15/04/2008, 00.00

    IRAQ

    L’Iraq apre i suoi giacimenti a 35 compagnie straniere



    Pubblicato l’elenco delle ditte ammesse a partecipare a gare d’appalto per i contratti di servizio e d'estrazione di petrolio; tra le major: Exxon, Chevron e Total. Escluse le compagnie che avevano già stretto accordi separati con il governo del Kurdistan.
    Baghdad (AsiaNews/Agenzie) – L’Iraq apre le porte a 35 compagnie straniere per lo sfruttamento di gas e petrolio nei suoi ricchi giacimenti. Ieri il ministero iracheno del Petrolio ha dato l’annuncio della lista di compagnie qualificatesi per partecipare alle gare d’appalto per i contratti nel settore. In tutto erano 120 che avevano fatto richiesta.
     
    I giacimenti di petrolio dell’Iraq sono per vastità i terzi al mondo. Per essere sviluppati e portare al massimo la produzione di greggio hanno bisogno di miliardi di dollari di investimenti, dopo anni di embargo e a causa dei danni della guerra.
     
    Fra i qualificati compaiono major del calibro di BP, Chevron, Exxon Mobil, Royal Dutch Shell, e Total, che da mesi stanno negoziando con il governo di Baghdad. Altre che compaiono nell’elenco pubblicato sul sito del ministero sono: la Conoco Phillips, la russa LUKOIL, la spagnola Repsol, l’australiana BHP Billiton, l’italiana Gruppo Edison e la Korea Gas Corp.
     
    Escluse le compagnie che hanno stretto accordi con il governo della regione semiautonoma del Kurdistan. Baghdad ritiene tali contratti illegali. Gli attriti politici tra Erbil e Baghdad hanno ritardato di oltre un anno la presentazione in parlamento della fondamentale legge sul petrolio. Come misura temporanea l’Iraq ha intenzione di assegnare contratti a breve scadenza per l’estrazione di greggio e contratti di servizio per aumentarne la produzione.
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    07/02/2005 iraq - onu
    Oil-for-food: ecco le prove della corruzione all'Onu
    Tra i corrotti si fa il nome del figlio di Kofi Annan. Ricostruiti i percorsi e le connivenze fra grandi e piccole compagnie.

    14/05/2010 CINA
    La “Lunga marcia” delle compagnie cinesi del petrolio
    Soltanto dieci anni fa, le compagnie petrolifere controllate dal governo erano considerate delle novizie nel campo delle acquisizioni e delle fusioni internazionali. Dopo alcuni duri colpi, sono divenuti attori di primo piano.

    15/07/2017 08:20:00 IRAN
    Teheran lancia la prima asta dell’era post-sanzioni per 14 campi di petrolio e gas

    Ad annunciarlo la Compagnia nazionale per il petrolio (Nioc), che prevede tempi di “due o tre mesi” per l’assegnazione. Prezzi base dell’asta da 14 a 80 milioni di euro a seconda del giacimento. Un bando che l’interesse dei giganti occidentali (e russi) del settore. Diplomatico iraniano: Vogliamo allentare “i timori” degli europei e occidentali.



    17/06/2008 RUSSIA – ASIA
    Direttore Gazprom: a breve, il petrolio a 250 dollari il barile
    Secondo Alexei Miller, capo della compagnia leader mondiale nell’estrazione di gas naturale, non è lontano il giorno in cui il petrolio toccherà questa cifra. Analisti discordi, ma il greggio non accenna a fermarsi: ieri il picco, con 139,89 dollari il barile.

    29/08/2005 ASIA
    Petrolio record: danni per le economie dell'Asia

    Il greggio oltre i 70 dollari al barile. Il timore per l'uragano Katrina non giustifica l'aumento, per gli esperti. La corsa del petrolio rende meno competitivi i prodotti dei Paesi emergenti dell'Asia e ne rallenta la crescita.





    In evidenza

    LIBANO-M. ORIENTE-VATICANO
    Patriarchi cattolici d’Oriente: Il genocidio dei cristiani, un affronto contro tutta l’umanità

    Fady Noun

    Colpite da guerre, emigrazione e insicurezza, le comunità cristiane si sono ridotte ormai a un “piccolo gregge” nell’indifferenza internazionale. Un appello a papa Francesco e alla comunità internazionale. Cattolici e ortodossi condividono gli stessi problemi. La fine dei cristiani in Oriente sarebbe “uno stigma di vergogna per tutto il XXI secolo”.


    COREA
    Vescovi coreani: No alle ‘provocazioni imprudenti’. Fermiamo l’escalation nucleare lavorando per la ‘coesistenza dell’umanità’



    I vescovi coreani hanno diffuso oggi un’Esortazione sulle tensioni crescenti attorno alla penisola coreana. La Corea del Nord, ma anche i “Paesi limitrofi” rischiano di compiere “azioni precipitose, senza freni”, che potrebbero portare alla “morte di innumerevoli persone” e a “piaghe profonde per l’intera l’umanità”. Ridurre le spese militari e potenziare le spese per lo sviluppo umano e culturale. L’appello a usare “la coscienza, l’intelligenza, la solidarietà, la pietà e il mutuo rispetto”. La preghiera nel giorno dell’Assunta, festa dell’indipendenza coreana.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®