22 Gennaio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 21/07/2012, 00.00

    SIRIA

    L’Onu rinnova la missione degli osservatori in Siria



    Il Consiglio di Sicurezza ha esteso il mandato degli osservatori per altri 30 giorni. A Damasco, l’esercito libera un distretto dalle forze ribelli, che però lanciano nuovi attacchi in alte zone.

    Damasco (AsiaNews/Agenzie) - Il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite ha rinnovato la missione degli osservatori di pace in Siria per altri 30 giorni. La decisione arriva a un giorno di distanza dal veto posto da Russia e Cina sulla risoluzione che minacciava nuove sanzioni per il regime siriano. Secondo Mark Lyall Grant, ambasciatore britannico per l'Onu, estendere il mandato degli osservatori "è stata la cosa giusta da fare", ma avverte che "senza un cessate il fuoco delle armi pesanti, gli osservatori non potranno portare avanti il loro mandato, come già accaduto negli ultimi 35 giorni".

    La missione degli Unismis (i 300 osservatori delle Nazioni Unite, ndr) rientra nel piano di pace di Kofi Annan, inviato dell'Onu e della Lega araba. In origine, il piano di Annan esigeva il cessate il fuoco dell'esercito e dei ribelli entro il 10 aprile scorso; permettere l'arrivo di aiuti umanitari nelle zone colpite dal conflitto; aprire un dialogo politico fra il regime e gli oppositori; rilasciare tutti i prigionieri detenuti in modo arbitrario; permettere l'entrata e il lavoro di giornalisti; garantire libertà di associazione e di dimostrare in modo pacifico.

    Intanto, a Damasco l'esercito siriano ha ricacciato indietro parte delle truppe ribelli, liberando il distretto di Midan, nella parte meridionale della città. Tuttavia, i ribelli hanno lanciato nuovi attacchi in altre zone della capitale. Attivisti locali denunciano che ormai i carri armati, gli elicotteri e i combattenti di entrambe le parti hanno trasformato Damasco in "un campo di battaglia". Negli scontri di due giorni fa sono morte 302 persone: il bilancio più sanguinoso dall'inizio della rivolta.  

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    03/01/2017 08:50:00 SIRIA
    Siria: a rischio la “fragile” tregua, i ribelli pronti a boicottare i colloqui di pace

    Il fronte anti-Assad minaccia di sospendere la partecipazione ai preparativi dei colloqui. Le milizie ribelli parlano di “molte e gravi violazioni” al cessate il fuoco. Accuse respinte dai governativi che dicono di rispettare tutti i punti dell’accordo. Fra le aree contese il bastione ribelle di Wadi Barada, essenziale per il rifornimento idrico di Damasco.

     



    31/12/2016 08:59:00 SIRIA-VATICANO
    Card. Zenari: la tregua un passo “positivo” che porta “sollievo”. A Damasco emergenza acqua

    Il nunzio apostolico mostra cauto ottimismo per il cessate il fuoco raggiunto da governo e ribelli, con la mediazione di Russia e Turchia. Lo “scopo immediato” è favorire “la distribuzione di aiuti umanitari”. Necessario inoltre “rilanciare il tavolo dei negoziati”. “Grande partecipazione” dei cristiani alle celebrazioni per il Natale, una festa nazionale in Siria.



    21/11/2017 08:58:00 SIRIA - RUSSIA
    Conflitto siriano, Putin e Assad celebrano i successi nella lotta al terrorismo

    Il leader del Cremlino si è congratulato per i “risultati” ottenuti. Per Mosca è ormai prossima la sconfitta “definitiva” dei gruppi ribelli ed è tempo di “spostare” l’attenzione sul “processo politico”. Nell’agenda di Putin consultazioni con il leader Usa Trump e l’emiro del Qatar.



    17/11/2017 09:00:00 SIRIA - RUSSIA - ONU
    Mosca blocca il prolungamento delle inchieste Onu sulle armi chimiche di Damasco

    La Russia ha esercitato il diritto di veto in sede di Consiglio di sicurezza. La risoluzione avanzata dagli Stati Uniti chiedeva il prolungamento di 12 mesi dei lavori della commissione congiunta. Oggi al voto una mozione del Giappone che propone l’estensione di 30 giorni. Sale la tensione fra Mosca e Washington. 

     



    29/09/2016 14:09:00 SIRIA - RUSSIA - STATI UNITI
    Conflitto siriano: sale la tensione fra Usa e Russia. Offensiva dell’esercito ad Aleppo

    Kerry minaccia di interrompere le relazioni se la Russia non ferma i raid. Mosca accusa Washington di promuovere una politica di “minacce e ricatti”. Ma un think tank vicino al Cremlino invita a prendere le distanze da Damasco. Ad Aleppo l’esercito siriano strappa un quartiere ai ribelli. I miliziani usano i civili come scudi umani. 





    In evidenza

    EGITTO-LIBANO
    Al Cairo, musulmani e cristiani si incontrano per Gerusalemme, ‘la causa delle cause’

    Fady Noun

    Si è tenuta il 16 e 17 gennaio all’istituto sunnita al-Azhar. Hanno preso parte molte personalità del Libano, fra cui il patriarca maronita Bechara Raï. I mondo arabo diviso fra “complice passività” e “discorsi rumorosi ma inefficaci”. Ex-premier libanese: coordinare le azioni per una maggiore efficienza al servizio di una “identità pluralistica di Gerusalemme” e della “libertà religiosa”. Card. Raï: serve preghiera congiunta, la solidarietà interreligiosa islamico-cristiana in tutto il mondo arabo e sostenere i palestinesi.


    CINA
    Yunnan: fino a 13 anni di prigione per i cristiani accusati di appartenere a una setta apocalittica



    Le setta in questione è quella dei Tre gradi del Servizio, un gruppo pseudo-protestante sotterraneo fondato nell’Henan e diffuso soprattutto nelle campagne. I condannati rivendicano di essere solo cristiani e di non sapere nulla della setta. Gli avvocati difensori minacciati della revoca della loro licenza.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®