04 Dicembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 21/07/2012, 00.00

    SIRIA

    L’Onu rinnova la missione degli osservatori in Siria



    Il Consiglio di Sicurezza ha esteso il mandato degli osservatori per altri 30 giorni. A Damasco, l’esercito libera un distretto dalle forze ribelli, che però lanciano nuovi attacchi in alte zone.

    Damasco (AsiaNews/Agenzie) - Il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite ha rinnovato la missione degli osservatori di pace in Siria per altri 30 giorni. La decisione arriva a un giorno di distanza dal veto posto da Russia e Cina sulla risoluzione che minacciava nuove sanzioni per il regime siriano. Secondo Mark Lyall Grant, ambasciatore britannico per l'Onu, estendere il mandato degli osservatori "è stata la cosa giusta da fare", ma avverte che "senza un cessate il fuoco delle armi pesanti, gli osservatori non potranno portare avanti il loro mandato, come già accaduto negli ultimi 35 giorni".

    La missione degli Unismis (i 300 osservatori delle Nazioni Unite, ndr) rientra nel piano di pace di Kofi Annan, inviato dell'Onu e della Lega araba. In origine, il piano di Annan esigeva il cessate il fuoco dell'esercito e dei ribelli entro il 10 aprile scorso; permettere l'arrivo di aiuti umanitari nelle zone colpite dal conflitto; aprire un dialogo politico fra il regime e gli oppositori; rilasciare tutti i prigionieri detenuti in modo arbitrario; permettere l'entrata e il lavoro di giornalisti; garantire libertà di associazione e di dimostrare in modo pacifico.

    Intanto, a Damasco l'esercito siriano ha ricacciato indietro parte delle truppe ribelli, liberando il distretto di Midan, nella parte meridionale della città. Tuttavia, i ribelli hanno lanciato nuovi attacchi in altre zone della capitale. Attivisti locali denunciano che ormai i carri armati, gli elicotteri e i combattenti di entrambe le parti hanno trasformato Damasco in "un campo di battaglia". Negli scontri di due giorni fa sono morte 302 persone: il bilancio più sanguinoso dall'inizio della rivolta.  

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    29/09/2016 14:09:00 SIRIA - RUSSIA - STATI UNITI
    Conflitto siriano: sale la tensione fra Usa e Russia. Offensiva dell’esercito ad Aleppo

    Kerry minaccia di interrompere le relazioni se la Russia non ferma i raid. Mosca accusa Washington di promuovere una politica di “minacce e ricatti”. Ma un think tank vicino al Cremlino invita a prendere le distanze da Damasco. Ad Aleppo l’esercito siriano strappa un quartiere ai ribelli. I miliziani usano i civili come scudi umani. 



    22/11/2016 09:57:00 SIRIA - ONU
    Conflitto siriano, Onu: un milione di persone sotto assedio, ad Aleppo condizioni terrificanti

    Il responsabile delle Nazioni Unite per le operazioni umanitarie parla di persone “isolate, affamate, bombardate e private di cure mediche e di assistenza umanitaria”. Dalle forze governative l’uso deliberato di “tattiche crudeli”. A novembre i razzi dei ribelli ad Aleppo hanno provocato oltre 60 vittime civili nel settore occidentale. L’inerzia del Consiglio di sicurezza.

     



    11/11/2015 SIRIA - ONU
    Conflitto siriano: gli incontri di Vienna "momento cruciale per la pace"
    Per Staffan de Mistura i colloqui in programma il 14 novembre sono una occasione “da non perdere” per fermare la guerra. Mosca elabora un piano di 18 mesi, cui seguiranno elezioni anticipate. Ancora incertezze sul ruolo di Assad. Colpita Lattakia, roccaforte governativa. L’esercito vince l’assedio dello Stato islamico all’aeroporto di Kweires.

    27/10/2015 SIRIA
    Siria, Papa fonte di speranza di pace: la voce delle famiglie (cristiana e musulmana) di Aleppo
    AsiaNews ha incontrato due famiglie di Aleppo che raccontano la vita sotto la guerra e le speranze per il futuro. Nel Paese si combatte una guerra economica, alimentata dalla propaganda straniera. Musulmano siriano: la rivolta delle opposizioni è il “rancore di una banda di criminali”. Leader cristiano: una guerra per il profitto delle grandi nazioni. Francesco fonte di consolazione.

    20/10/2015 SIRIA
    Vicario di Aleppo: col sostegno russo, avanza l’esercito siriano. In città migliora la sicurezza
    Almeno 70mila persone in fuga dalla periferia sud della città; cresce la presenza militare russa e iraniana. Mons. Abou Khazen: Mosca più “efficace” degli Stati Uniti nella lotta ai jihadisti. Washington e sauditi “legittimano” estremisti come al Nusra. Il prelato auspica un “processo politico” per il futuro del Paese. Cristiani e musulmani ringraziano il papa per la vicinanza.



    In evidenza

    IRAQ
    Parroco di Amadiya: profughi cristiani di Mosul, fra l’emergenza aiuti e l’attesa del rientro

    P. Samir Youssef

    In una lettera p. Samir Youssef racconta la situazione dei rifugiati, da oltre due anni lontani dalle loro case. Si segue con attenzione l’offensiva, anche se case e chiese “sono in gran parte” bruciate o distrutte. Con l’arrivo dell’inverno servono cherosene, vestiti, cibo e denaro per pagare il trasporto degli studenti. Un appello per continuare a sostenere la campagna di AsiaNews.


    IRAQ
    “Adotta un cristiano di Mosul”: il dono di Natale per attraversare l’inverno

    Bernardo Cervellera

    Le nuove ondate di profughi, con l’avanzata dell’esercito verso la Piana di Ninive e Mosul rischiano di far dimenticare i rifugiati che da due anni hanno trovato ospitalità nel Kurdistan. C’è bisogno di cherosene, vestiti per l’inverno, aiuti per i bambini, soldi per gli affitti. La campagna lanciata da AsiaNews due anni fa è più urgente che mai. Rinunciare a un dono superfluo per offrire loro un dono essenziale per vivere.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®