1 Settembre 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato

invia ad un amico visualizza per la stampa


» 21/07/2012
SIRIA
L’Onu rinnova la missione degli osservatori in Siria
Il Consiglio di Sicurezza ha esteso il mandato degli osservatori per altri 30 giorni. A Damasco, l’esercito libera un distretto dalle forze ribelli, che però lanciano nuovi attacchi in alte zone.

Damasco (AsiaNews/Agenzie) - Il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite ha rinnovato la missione degli osservatori di pace in Siria per altri 30 giorni. La decisione arriva a un giorno di distanza dal veto posto da Russia e Cina sulla risoluzione che minacciava nuove sanzioni per il regime siriano. Secondo Mark Lyall Grant, ambasciatore britannico per l'Onu, estendere il mandato degli osservatori "è stata la cosa giusta da fare", ma avverte che "senza un cessate il fuoco delle armi pesanti, gli osservatori non potranno portare avanti il loro mandato, come già accaduto negli ultimi 35 giorni".

La missione degli Unismis (i 300 osservatori delle Nazioni Unite, ndr) rientra nel piano di pace di Kofi Annan, inviato dell'Onu e della Lega araba. In origine, il piano di Annan esigeva il cessate il fuoco dell'esercito e dei ribelli entro il 10 aprile scorso; permettere l'arrivo di aiuti umanitari nelle zone colpite dal conflitto; aprire un dialogo politico fra il regime e gli oppositori; rilasciare tutti i prigionieri detenuti in modo arbitrario; permettere l'entrata e il lavoro di giornalisti; garantire libertà di associazione e di dimostrare in modo pacifico.

Intanto, a Damasco l'esercito siriano ha ricacciato indietro parte delle truppe ribelli, liberando il distretto di Midan, nella parte meridionale della città. Tuttavia, i ribelli hanno lanciato nuovi attacchi in altre zone della capitale. Attivisti locali denunciano che ormai i carri armati, gli elicotteri e i combattenti di entrambe le parti hanno trasformato Damasco in "un campo di battaglia". Negli scontri di due giorni fa sono morte 302 persone: il bilancio più sanguinoso dall'inizio della rivolta.  

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
16/07/2013 SIRIA
Siria, i ribelli pagano in dollari e la lira locale crolla
08/01/2014 SIRIA - ONU
Siria, parte da Latakia la prima nave carica di armi chimiche
07/05/2013 SIRIA - ONU
L'Onu frena sull'uso di armi chimiche da parte dei ribelli
06/05/2013 SIRIA - ONU
Un rapporto Onu accusa i ribelli siriani di aver usato armi chimiche
16/09/2013 ONU-SIRIA-USA-RUSSIA
L'Onu conferma: Usate armi chimiche in Siria

In evidenza
INDIA
Card. Toppo: Imparare dai tribali dell’India ad avere cura della terra e dei suoi abitanti
di Nirmala CarvalhoL’arcivescovo di Ranchi parla ad AsiaNews in occasione della Giornata mondiale di preghiera per la cura del creato (1 settembre). Nel Paese “più di un milione di tribali è cattolico, e nella nostra cultura noi rispettiamo la natura e ne celebriamo i doni”. Oggi “per essere veri testimoni di Cristo dobbiamo rispondere alla crisi ecologica attraverso una profonda conversione spirituale”.
VATICANO-IRAQ
P. Samir di Amadiya: Il Papa è la voce dei profughi irakeni
di Bernardo CervelleraIl sacerdote caldeo ha incontrato papa Francesco chiedendogli di tenere alta l’attenzione del mondo sui profughi cristiani di Mosul e della Piana di Ninive. Nella sua diocesi vivono 3500 famiglie cristiane e quasi mezzo milione di yazidi fuggiti davanti alle violenze dello Stato islamico. L’Isis non è tutto l’islam e vi sono musulmani che vogliono un Iraq della convivenza. I cristiani potrebbero emigrare, ma rimangono nella loro terra. I progetti di aiuto ai rifugiati: la scuola per i bambini, lavoro per gli adulti, una casa per ogni famiglia. L’appello di AsiaNews.
LIBANO
La Dichiarazione di Beirut: i musulmani in difesa della libertà dei cristianiLibertà di fede, di educazione e di opinione difese citando il Corano. Esse sono alla base dello Stato di diritto, che non deve essere uno Stato religioso. L’organo di riferimento dei sunniti del Libano condanna senza appello la violenza in nome di Dio. Il testo integrale del messaggio.

Dossier

Terra Santa Banner


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate