28 Maggio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 23/01/2009, 00.00

    TAIWAN - CINA

    L’Organizzazione mondiale della sanità apre la porta a Taiwan



    In precedenza l’Oms non ha avuto rapporti diretti con l’isola, per il veto di Pechino e la mancanza di riconoscimento internazionale. Ma i migliori rapporti tra i 2 Paesi permetteranno ora la presenza di un delegato Oms a Taipei e scambi diretti di notizie.

    Taipei (AsiaNews/Agenzie) – L’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) ha mandato il 13 gennaio una lettera a Taiwan invitandola a “mettersi in contatto” con riguardo a problemi epidemici generali come l’influenza aviaria e la Sars. Esperti ritengono che questa prima apertura ufficiale dell’Ente verso l’isola sia conseguenza dei migliori rapporti instaurati con Pechino dal presidente di Taiwan Ma Ying-jeou.

    Henry Chen, portavoce del ministro taiwanese degli Esteri, sottolinea la “grande importanza” di questo invito formale, ricordando come in passato, in emergenze come l’epidemia di Sars nel 2003, “non avevamo alcun canale per chiedere aiuto” all’Oms, nonostante la Sars abbia ucciso circa 350 persone in Cina e almeno 37 a Taiwan (nella foto: come si circolava a Taipei nella primavera 2003). Aggiunge che “le migliori relazioni con la Cina sono state un grande aiuto per ottenere questo”.

    Infatti Pechino considera l’isola come una provincia ribelle e ha sempre lottato per impedirne qualsiasi riconoscimento negli enti internazionali, forte dell’appoggio di 170 Paesi contro i 23 Stati che riconoscono Taiwan come Nazione indipendente. Nel 2005 l’allora presidente Chen Shui-bian, convinto indipendentista e antagonista di Pechino, ha chiesto l’ammissione nell’Oms, senza riuscirci.

    In genere Pechino proibisce l’uso del termine “Taiwan”, come pure del nome formale “Repubblica di Cina”, nelle organizzazioni cui appartengono entrambi i Paesi. Per cui si attende con curiosità di vedere come l’isola sarà chiamata.

    Esperti commentano che questo potrebbe essere solo un primo passo. Ora che ci saranno rapporti diretti tra l’Oms e Taiwan, Taipei potrebbe avere dall’Ente riconoscimenti ancora maggiori.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    25/05/2009 ASIA
    Influenza suina: nuovi casi in Cina. Scende la paura in Giappone
    Gli infetti in Cina salgono a nove. Tutti hanno preso l’influenza con viaggi all’estero. Riaprono le scuole in Giappone e si toglie il divieto per incontri di massa. L’influenza suina è paragonabile a un’influenza stagionale.

    21/10/2005 CINA
    Pechino ammette "situazione grave" per l'influenza aviaria

    Aumentati i controlli dopo il nuovo contagio nella lontana Mongolia Interna. L'Organizzazione mondiale della sanità chiede piena collaborazione.



    28/01/2009 CINA
    Influenza aviaria: l'Oms esclude che in Cina sia in atto un’epidemia
    Il 5° morto in meno di un mese ha suscitato allarme. Ma l’Organizzazione Mondiale per la Sanità dice che ciò rientra nelle previsioni e non ci sono indizi d’epidemia.

    10/01/2008 CINA
    Influenza aviaria nel Jiangsu: contagio diretto da un ragazzo al padre
    Il figlio è morto, ora il padre è in cura. Ma il ministero degli Esteri rassicura che non ci sono prove di una mutazione del virus che lo renda trasmissibile tra esseri umani. Con il più grande allevamento d’uccelli mondiale e milioni di pollai domestici, la Cina è un’incubatrice ideale del morbo.

    24/01/2006 ASIA
    Oms: non è esagerato il rischio di una pandemia d'influenza aviaria

    Decimo contagio umano in Cina. L'Oms ripete che il rischio di pandemia è reale, specie se c'è poca attenzione a quanto accade tra gli animali.





    In evidenza

    CINA - VATICANO
    La persecuzione dei cattolici durante la Rivoluzione culturale

    Sergio Ticozzi

    La documentazione di quel violento periodo è stata bruciata o è sepolta negli archivi. Solo alcuni sopravvissuti ne parlano. I persecutori tacciono nella paura. I roghi degli oggetti religiosi e arredi nell’Hebei. Vescovi umiliati e arrestati nell’Henan; suore battute e uccise con bastoni, o sepolte vive. La persecuzione “non è ancora finita”; oggi è forse solo più sottile.


    CINA
    Il silenzio sui 50 anni della Rivoluzione Culturale in Cina e in occidente

    Bernardo Cervellera

    La sanguinosa campagna lanciata da Mao Zedong ha ucciso quasi 2 milioni di persone e mandato nei lager altri 4 milioni. Ogni cinese è stato segnato dalla paura. Ma oggi, nessuna cerimonia in memoria è stata prevista e non è apparso nessun articolo di giornale. Le lotte interne del Partito e il timore di Xi Jinping di finire come l’Urss. Anche oggi, come allora, in Europa c’è chi tace e osanna il mito della Cina. Molti predicono un ritorno al “grande caos”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®