25 Ottobre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 23/01/2009
TAIWAN - CINA
L’Organizzazione mondiale della sanità apre la porta a Taiwan
In precedenza l’Oms non ha avuto rapporti diretti con l’isola, per il veto di Pechino e la mancanza di riconoscimento internazionale. Ma i migliori rapporti tra i 2 Paesi permetteranno ora la presenza di un delegato Oms a Taipei e scambi diretti di notizie.

Taipei (AsiaNews/Agenzie) – L’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) ha mandato il 13 gennaio una lettera a Taiwan invitandola a “mettersi in contatto” con riguardo a problemi epidemici generali come l’influenza aviaria e la Sars. Esperti ritengono che questa prima apertura ufficiale dell’Ente verso l’isola sia conseguenza dei migliori rapporti instaurati con Pechino dal presidente di Taiwan Ma Ying-jeou.

Henry Chen, portavoce del ministro taiwanese degli Esteri, sottolinea la “grande importanza” di questo invito formale, ricordando come in passato, in emergenze come l’epidemia di Sars nel 2003, “non avevamo alcun canale per chiedere aiuto” all’Oms, nonostante la Sars abbia ucciso circa 350 persone in Cina e almeno 37 a Taiwan (nella foto: come si circolava a Taipei nella primavera 2003). Aggiunge che “le migliori relazioni con la Cina sono state un grande aiuto per ottenere questo”.

Infatti Pechino considera l’isola come una provincia ribelle e ha sempre lottato per impedirne qualsiasi riconoscimento negli enti internazionali, forte dell’appoggio di 170 Paesi contro i 23 Stati che riconoscono Taiwan come Nazione indipendente. Nel 2005 l’allora presidente Chen Shui-bian, convinto indipendentista e antagonista di Pechino, ha chiesto l’ammissione nell’Oms, senza riuscirci.

In genere Pechino proibisce l’uso del termine “Taiwan”, come pure del nome formale “Repubblica di Cina”, nelle organizzazioni cui appartengono entrambi i Paesi. Per cui si attende con curiosità di vedere come l’isola sarà chiamata.

Esperti commentano che questo potrebbe essere solo un primo passo. Ora che ci saranno rapporti diretti tra l’Oms e Taiwan, Taipei potrebbe avere dall’Ente riconoscimenti ancora maggiori.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
25/05/2009 ASIA
Influenza suina: nuovi casi in Cina. Scende la paura in Giappone
21/10/2005 CINA
Pechino ammette "situazione grave" per l'influenza aviaria
28/01/2009 CINA
Influenza aviaria: l'Oms esclude che in Cina sia in atto un’epidemia
10/01/2008 CINA
Influenza aviaria nel Jiangsu: contagio diretto da un ragazzo al padre
24/01/2006 ASIA
Oms: non è esagerato il rischio di una pandemia d'influenza aviaria

In evidenza
IRAQ - ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": raccolti e inviati quasi 700mila euro. La campagna continua
di Bernardo CervelleraInviata la seconda tranche di aiuti, raccolti nel mese di settembre. In Medio oriente e in Iraq si gioca il destino dei rapporti fra oriente e occidente. L'appello di papa Francesco e del Sinodo. I governi tiepidi. Gli aiuti giunti da tutto il mondo: una nuova comunità internazionale che sconfigge la "globalizzazione dell'indifferenza".
IRAQ-VATICANO
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del vescovo per i primi aiuti
di Amel NonaMons. Amel Nona, vescovo caldeo di Mosul, anch'egli rifugiato, ringrazia tutti i donatori della campagna lanciata da AsiaNews. La situazione è sempre più difficile per il numero enorme di profughi e per l'arrivo dell'inverno e della neve, che rendono impossibile alloggiare nelle tende o all'aperto. La crisi, un'occasione che rende attiva la fede dei cristiani.
ITALIA - IRAQ
Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul". Già raccolti oltre 350mila euro
di Bernardo CervelleraInviate al patriarca di Baghdad e ai vescovi del Kurdistan le donazioni ricevute fino al 31 agosto. La campagna serve a nutrire, alloggiare, vestire, consolare oltre 150mila profughi cristiani, yazidi, turkmeni, sciiti e sunniti, fuggiti dalla violenza dell'esercito del Califfato islamico. Una generosa partecipazione dall'Italia e da tutte le parti del mondo. Donazioni anche da chi è povero e senza lavoro. Una speranza per il mondo, per chi soffre e per chi dona.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate