2 Settembre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 23/01/2009
TAIWAN - CINA
L’Organizzazione mondiale della sanità apre la porta a Taiwan
In precedenza l’Oms non ha avuto rapporti diretti con l’isola, per il veto di Pechino e la mancanza di riconoscimento internazionale. Ma i migliori rapporti tra i 2 Paesi permetteranno ora la presenza di un delegato Oms a Taipei e scambi diretti di notizie.

Taipei (AsiaNews/Agenzie) – L’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) ha mandato il 13 gennaio una lettera a Taiwan invitandola a “mettersi in contatto” con riguardo a problemi epidemici generali come l’influenza aviaria e la Sars. Esperti ritengono che questa prima apertura ufficiale dell’Ente verso l’isola sia conseguenza dei migliori rapporti instaurati con Pechino dal presidente di Taiwan Ma Ying-jeou.

Henry Chen, portavoce del ministro taiwanese degli Esteri, sottolinea la “grande importanza” di questo invito formale, ricordando come in passato, in emergenze come l’epidemia di Sars nel 2003, “non avevamo alcun canale per chiedere aiuto” all’Oms, nonostante la Sars abbia ucciso circa 350 persone in Cina e almeno 37 a Taiwan (nella foto: come si circolava a Taipei nella primavera 2003). Aggiunge che “le migliori relazioni con la Cina sono state un grande aiuto per ottenere questo”.

Infatti Pechino considera l’isola come una provincia ribelle e ha sempre lottato per impedirne qualsiasi riconoscimento negli enti internazionali, forte dell’appoggio di 170 Paesi contro i 23 Stati che riconoscono Taiwan come Nazione indipendente. Nel 2005 l’allora presidente Chen Shui-bian, convinto indipendentista e antagonista di Pechino, ha chiesto l’ammissione nell’Oms, senza riuscirci.

In genere Pechino proibisce l’uso del termine “Taiwan”, come pure del nome formale “Repubblica di Cina”, nelle organizzazioni cui appartengono entrambi i Paesi. Per cui si attende con curiosità di vedere come l’isola sarà chiamata.

Esperti commentano che questo potrebbe essere solo un primo passo. Ora che ci saranno rapporti diretti tra l’Oms e Taiwan, Taipei potrebbe avere dall’Ente riconoscimenti ancora maggiori.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
25/05/2009 ASIA
Influenza suina: nuovi casi in Cina. Scende la paura in Giappone
21/10/2005 CINA
Pechino ammette "situazione grave" per l'influenza aviaria
28/01/2009 CINA
Influenza aviaria: l'Oms esclude che in Cina sia in atto un’epidemia
10/01/2008 CINA
Influenza aviaria nel Jiangsu: contagio diretto da un ragazzo al padre
24/01/2006 ASIA
Oms: non è esagerato il rischio di una pandemia d'influenza aviaria

In evidenza
IRAQ-ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del Patriarca Louis Sako; le preoccupazioni del vescovo del Kurdistan
di Bernardo CervelleraIl capo della Chiesa caldea ringrazia per la campagna di AsiaNews e spera che "questa catena di solidarietà si allunghi". Aiutare i profughi a rimanere in Iraq. Ma molti vogliono fuggire all'estero. Il vescovo di Amadiyah, che ha accolto migliaia di sfollati nelle chiese e nelle case: Aiutiamo anche arabi (musulmani) e yazidi, in modo gratuito e senza guardare alle differenze confessionali.
ITALIA - IRAQ
"Adotta un cristiano di Mosul", rispondere nei fatti e con la vita all'emergenza irachenaAsiaNews lancia una raccolta fondi per sostenere i fedeli nel mirino dello Stato islamico, dopo le richieste del Patriarca di Baghdad e il pressante appello di papa Francesco "a assicurare gli aiuti necessari, soprattutto quelli più urgenti, a così tanti sfollati, la cui sorte dipende dalla solidarietà altrui". Oltre 100mila persone sono state costrette a fuggire dalle loro case senza niente addosso, e ora non hanno di che vivere. Per aiutarli, bastano 5 euro al giorno: i fondi raccolti saranno inviati al Patriarcato di Baghdad, che provvederà a distribuirli secondo i bisogni di ogni famiglia.
CINA-VATICANO
Vescovo e sacerdoti di Wenzhou denunciano la campagna del governo contro le croci e le chiese del Zhejiang
di Eugenia ZhangPer mons. Vincenzo Zhu Weifang, della Chiesa ufficiale, la campagna di distruzione aumenta l'instabilità sociale. E' vera persecuzione contro la fede cristiana. Il vescovo si scusa per non essere intervenuto prima: sperava che la campagna finisse presto. Fedeli cattolici e protestanti sono rimasti feriti per difendere i loro edifici sacri. I sacerdoti di Wenzhou: la campagna è ingiusta e colpisce anche edifici in regola. Questi "atti stupidi" del governo provocano una distruzione dell'armonia sociale.

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate