29 Aprile 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 02/08/2010, 00.00

    THAILANDIA - CAMBOGIA

    L’Unesco non approva il piano cambogiano per la gestione del tempio di Phra Viharn

    Weena Kowitwanij

    La proposta, contenuta in un documento di appena quattro pagine, è stato inviato in ritardo all’Unesco. L’approvazione del piano è stata rimandata al 2011. Il tempio di Phra Viharn è conteso tra la Cambogia e la Thailandia. Esultano i villaggi thailandesi al confine, sperando nella fine delle ostilità tra i due Stati.

    Bangkok (AsiaNews) – Il 29 luglio scorso, la Commissione sul patrimonio dell’umanità dell’Unesco, riunita in Brasile, ha rinviato al 2011 l’approvazione del piano del governo cambogiano per la gestione del tempio indù di Phra Viharn.

    Il documento presentato da Phnom Penh, composto di sole quattro pagine, ritenute insufficienti dalla commissione, è stato presentato all’Unesco appena sei settimane prima dell’incontro e non è stato visionato nel dettaglio dalla parte thailandese. Per questi motivi, il piano non è stato approvato. Ci sarà una nuova discussione nel 2011, quando l’Unesco si riunirà nel Bahrain.

    Il tempio indù si trova al confine tra la Cambogia e la Thailandia ed è conteso dai due Stati. Nel 1962 la Corte internazionale lo ha attribuito alla Cambogia suscitando le proteste di Bangkok e dando luogo a scontri armati tra i due Paesi.

     La zona dove sorge il tempio è considerata territorio cambogiano, ma è circondata da scoscesi dirupi coperti di giungla che la Thailandia rivendica come suoi. Per la morfologia del territorio, il sito non può essere raggiunto passando dalla Cambogia. Dopo anni di trattative, la disputa si è riaccesa nel 2008, quando l’Unesco ha deciso di dichiarare il tempio patrimonio mondiale dell’umanità, imponendo alla Thailandia di consentirne l’accesso attraverso i suoi confini.

    Gli abitanti dei villaggi della provincia di Srisaket, dove è situato il tempio, hanno esultato alla notizia del rinvio: “Siamo molto felici. La situazione era tesa e non ci permetteva di vendere i prodotti della foresta ai visitatori di entrambi i Paesi come abbiamo sempre fatto”, a causa degli scontri a fuoco che si verificano tra i due Stati.

    Per evitare il rischio di nuovi scontri sul confine, il vice-primo ministro Suthep Thaugsuban ha domandato al People Alliance for Democracy “di non riunirsi al confine per non aumentare la tensione politica”. Si è detto anche soddisfatto del risultato dell’assemblea dell’Unesco: “È una buona opportunità per risolvere in modo pacifico il problema”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    29/10/2008 CAMBOGIA - THAILANDIA
    Cambogia, tra le più povere dell’Asia, raddoppia le spese militari
    Sono circa il 25% del nuovo bilancio. C’è la volontà di potersi meglio confrontare con la Thailandia nella contesa per il tempio di Preah Vihear, “Patrimonio dell’umanità”. Intanto i recenti scontri hanno causato danni alle sculture antiche di 900 anni.

    19/07/2012 CAMBOGIA - THAILANDIA
    Soldati Thai e truppe cambogiane si ritirano dal tempio conteso di Preah Vihear
    I soldati sono stati sostituiti da circa 600 poliziotti di entrambe le nazionalità. L'evento avviene dopo decenni di scontri costati decine di morti. La zona è considerata patrimonio mondiale dell'Unesco.

    07/02/2011 THAILANDIA – CAMBOGIA
    Preah Vihear: ancora scontri fra thai e cambogiani lungo i confini
    Questa mattina sono ripresi gli scambi di artiglieria pesante. Cinque morti e decine di feriti il bilancio delle vittime. Il premier cambogiano denuncia “ripetuti atti di aggressione”. Le Nazioni Unite invocano una “soluzione duratura” al conflitto. Bangkok avverte: se attaccati, difenderemo la sovranità territoriale. Ma per il premier Abhisit la minaccia arriva dalle “camicie gialle”.

    05/02/2011 THAILANDIA – CAMBOGIA
    Preah Vihear: fragile cessate il fuoco fra gli eserciti thai e cambogiano
    La due giorni di scontri fra miliari ha causato morti e feriti fra soldati e civili. Phnom Penh denuncia una “invasione” nel proprio territorio e parla di situazione “esplosiva” ai confini. Bangkok afferma di aver protetto la sovranità nazionale. Appello Asean: il conflitto colpisce l’economia nell’area.

    17/07/2008 CAMBOGIA - THAILANDIA
    Si dialoga e si ammassano truppe per il tempio di Preah Vihar
    Centinaia di soldati delle due parti continuano ad arrivare presso il tempio conteso, anche se le due parti parlano di misure solo difensive. La tensione è alta e la polizia tailandese ferma un gruppo diretto al tempio per protestare. Una “cordiale” telefonata tra i due premier.



    In evidenza

    VATICANO
    Papa Francesco ai giovani: L’amore “concreto”, non da telenovela, è la carta d’identità dei cristiani



    Nel Giubileo dei ragazzi e ragazze, papa Francesco pronuncia un’omelia fatta di domande e risposte ai 70mila presenti.  I grandi ideali dell’amore come dono di sé, l’affettività come “voler bene senza possedere”; la libertà come “dono di poter scegliere il bene”. “Guai a un giovane che non osa sognare. Se uno alla vostra età non sogna, se n’è già andato in pensione!”. Le offerte raccolte per l’Ucraina. L’appello per i vescovi e i sacerdoti rapiti in Siria.


    IRAN
    La strana alleanza fra gli Stati Uniti e i fondamentalisti iraniani

    Bernardo Cervellera

    Washington blocca ancora l’uso del dollaro nelle transazioni bancarie, fermando i nuovi contratti economici stabiliti dopo l’accordo sul nucleare. Gli Usa sembrano dare man forte a Khamenei e alle guardie della rivoluzione, che vogliono affossare l’accordo per mantenere il potere. La popolazione sopravvive con i doppi e tripli lavori. L’Iran instabile e bellicoso accresce la vendita di armi. Il reportage.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®