13 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 11/05/2017, 08.47

    SIRIA - TURCHIA - USA

    L’alleanza arabo-curda strappa all’Isis Tabqa e la diga. Si avvicina l’offensiva a Raqqa



    La presa dopo settimane di intensi combattimenti. I jihadisti hanno usato cecchini e kamikaze a difesa del territorio. Aperta una nuova via per l’attacco finale alla roccaforte del Califfato. Ankara infuriata dalla decisione di Washington di armare i gruppi combattenti curdi in Siria. Alta tensione alla vigilia del summit fra Trump ed Erdogan. 

     

    Damasco (AsiaNews/Agenzie) - L’alleanza arabo-curda che combatte contro lo Stato islamico (SI) ha annunciato la riconquista di una cittadina dall’importanza strategica, finora sotto il controllo delle milizie jihadiste. Le Forze siriane democratiche (Sdf) avrebbero “liberato completamente” la città di Tabqa e la vicina diga, che distano circa 40 km a ovest di Raqqa, roccaforte del “Califfato” in Siria.

    La cittadina di Tabqa e la vicina diga, che sorge sul fiume Eufrate, si trovano nel governatorato di Raqqa, nella Siria centro-settentrionale. I combattimenti nell’area erano iniziati a fine marzo scorso e più volte si sono rincorse notizie della “presa della diga di Tabqa” da parte delle forze curde.

    In queste ore i portavoce militari curdo-siriani hanno documentato con foto e video la presenza dei miliziani curdi nell’impianto.

    Analisti ed esperti sottolineano che la vittoria militare apre una nuova via per l’assedio a Raqqa, obiettivo finale dell’avanzata delle forze arabo-curde. I militari hanno dovuto vincere una fiera resistenza opposta dai jihadisti, che hanno utilizzato cecchini e kamikaze a difesa del territorio. 

    L’assedio presentava non pochi rischi perché eventuali danni alla diga avrebbero causato l’allagamento di una vasta area nella regione. Talal Sello, portavoce Sdf, ha precisato infine che “sono in corso operazioni congiunte” per la messa in sicurezza della città. 

    Il successo militare della coalizione arabo-curda giunge a poche ore di distanza dall’annuncio dell’amministrazione americana, che intende fornire nuove armi ai combattenti curdi dell’Unità di protezione popolare (Ypg) impegnati nella lotta contro l’Isis. Una decisione, quella di Washington, che ha fatto infuriare Ankara la quale considera i combattenti curdi alla stregua di terroristi. 

    La questione rischia di inasprire ancor più i rapporti fra la Casa Bianca e l’alleato turco all’interno della Nato, a meno di una settimana dalla visita ufficiale del presidente Recep Tayyip Erdogan negli Stati Uniti. Previsto, in questo contesto, un faccia a faccia fra il leader turco e l’omologo Usa Donald Trump. 

    Per Washington le unità combattenti curde rappresentano un alleato strategico nella lotta contro lo Stato islamico in Siria. Nei piani americani saranno proprio le forze curde fra le prime ad attaccare la roccaforte jihadista quando verrà lanciato l’assalto finale per la riconquista di Raqqa. 

    Ankara, di contro, ritiene il gruppo la sezione siriana del Partito curdo dei lavoratori (Pkk), che dal 1984 promuove una insurrezione armata finalizzata alla creazione di un’entità autonoma curda nella regione oggi compresa fra Turchia, Siria e Iraq. Nurettin Canikli, vice Primo Ministro turco, sottolinea che “la fornitura di armi all’Ypg è inaccettabile” e questa politica “non beneficerà nessuno” e “auspichiamo che verrà corretta”.

    La Turchia ospita circa 14 milioni di curdi . Ankara teme che con il moltiplicarsi di territori autonomi curdi in Siria e Iraq, si possa giungere a una secessione della zona curda nel sudest del Paese.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    23/06/2015 SIRIA
    Raqqa, curdi strappano una base militare allo Stato islamico
    L’avanzata curda sostenuta dai raid aerei Usa e dal sostegno sul campo di altri gruppi ribelli. I curdi avanzano verso la capitale del “Califfato”. Esperti: “Lo Stato islamico sta collassando all’interno delle sue stesse roccaforti”.

    07/11/2016 08:56:00 SIRIA
    Offensiva arabo-curda per riconquistare Raqqa, roccaforte dello Stato islamico

    Nelle operazioni impegnate milizie curde e forze arabe, sostenute dai raid aerei della coalizione Usa. Per Daesh la perdita di  Raqqa (e Mosul) significa la sua fine. A Raqqa quadro “più complicato” che a Mosul.  L'esclusione della Turchia.

     



    20/10/2014 TURCHIA - SIRIA - USA
    Ankara: I curdi iracheni possono entrare, se vanno a combattere lo Stato islamico
    Il governo turco fa marcia indietro sul blocco dei curdi: "Potranno combattere a Kobane con i siriani". Gli Stati Uniti sganciano aiuti militari e farmaceutici per i guerriglieri impegnati contro i fondamentalisti islamici.

    17/05/2017 08:52:00 TURCHIA - STATI UNITI
    Erdogan e Trump rilanciano l’amicizia Usa-Turchia. Restano le divisioni sui curdi

    Il leader turco conferma la propria ostilità verso le milizie curde, definite “organizzazioni terroriste”. Per Washington rappresentano un alleato chiave nella lotta contro lo Stato islamico. Il leader turco ha rinnovato la richiesta di estradizione del predicatore islamico Gülen, ritenuto la mente del golpe. 

     



    04/08/2015 SIRIA - TURCHIA - STATI UNITI
    Primi raid aerei Usa in Siria, per “difendere” i ribelli in lotta contro i jihadisti (e Assad)
    Gli Stati Uniti hanno lanciato per la prima volta una serie di attacchi per difendere la “Nuova Siria”. Si tratta di un gruppo ribelle locale, addestrato ed equipaggiato da Washington nella guerra contro lo Stato islamico (e Damasco). Si rafforza l’asse Stati Uniti-Turchia nel conflitto siriano.



    In evidenza

    MEDIO ORIENTE - USA
    Gerusalemme capitale, cristiani in Medio oriente contro Trump: distrugge le speranze di pace



    Il patriarcato caldeo critica una scelta che “complica” la situazione e alimenta “conflitti e guerre”. Il card. Raï parla di “decisione distruttiva” che viola le risoluzioni internazionali. Il papa copto Tawadros II cancella l’incontro col vice-presidente Usa Pence. Continua la protesta “rassegnata” dei palestinesi. Attivisti israeliani: gli Usa hanno abdicato al ruolo di mediatori nella regione. 

     


    CINA
    Le false promesse di Xi Jinping e la cacciata della ‘popolazione più bassa’ da Pechino

    Willy Wo-Lap Lam

    Decine di migliaia di migranti e le loro famiglie sono stati espulsi e mandati via dalla capitale. Eppure al recente Congresso del Partito, il presidente Xi ha promesso sostegno e aiuti contro la povertà. Nessuna ricompensa e nessun aiuto legale o caritativo per gli sfollati. Esiste nel Paese un “darwinismo sociale”, che condanna all’emarginazione le classi rurali e fa godere di privilegi e aiuti le classi cittadine. Per gentile concessione della Jamestown Foundation.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®