24 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 20/01/2016, 12.30

    LIBANO

    L’alleanza fra Aoun e Geagea porta qualche scossa e qualche speranza

    Paul Dakiki

    Il leader delle Forze libanesi appoggia la candidatura a presidente del suo antico nemico. Forze libanesi e Cambiamento e riforma raccolgono il numero più consistente di parlamentari cristiani. “Felici e sollevati” al patriarcato di Bkerké. Dal maggio 2014 il parlamento libanese non riesce a eleggere un presidente. Alcune resistenze fra cristiani e musulmani.

    Beirut (AsiaNews) – L’esplicito appoggio alla candidatura a presidente dell’ex generale Michel Aoun da parte del capo delle Forze Libanesi, Samir Geagea, sta creando qualche speranza ma anche qualche scossa.

    Fino al 18 gennaio, i due erano entrambi candidati alla presidenza: il primo, Aoun, capo del blocco Cambiamento e riforma, vicino agli Hezbollah; il secondo legato alla corrente del Futuro e al suo capo sunnita Saad Hariri. Dietro di loro, anche se in modo non esplicito, vi sono l’appoggio dell’Iran, per il primo, e l’appoggio dell’Arabia saudita per l’altro.

    Il 18 gennaio Geagea ha deciso di ritirare la sua candidatura e di sostenere quella di Aoun. Alcuni analisti dicono che questo voltarsi verso Aoun e gli Hezbollah deriva da un calcolo sul valore che sta assumendo il ritorno dell’Iran nell’agone internazionale, dopo gli accordi sul nucleare e la fine dell’embargo. Altri affermano invece che il “voltafaccia” di Geagea e il suo “tradimento” verso Hariri è più dovuto a questioni personali: Hariri, d’accordo con i sauditi, avrebbe appoggiato la candidatura di un altro leader cristiano, il capo del partito Marada Sleiman Franjieh, senza nemmeno avvisarlo.

    Resta il fatto che l’alleanza Aoun-Geagea è un primo passo verso un raccordo fra le componenti cristiane del parlamento, finora divise e ferme ognuna sul proprio candidato. Forze libanesi e Cambiamento e riforma raccolgono il numero più consistente di parlamentari cristiani. Al patriarcato maronita di Bkerké, il vicario patriarcale Boulos Sayah ha dichiarato che la scelta di Geagea nell’appoggio ad Aoun è un avvenimento di cui tenere conto in modo assoluto. Al giornale Orient-Le Jour, Sayah ha detto: “Siamo felici e sollevati. Noi apprezziamo, come si deve e come lo merita questo ravvicinamento fra due grandi correnti di rappresentanze cristiane, allo stesso modo apprezziamo ogni ravvicinamento fra i libanesi al servizio del Libano”.

    La speranza dei libanesi e del patriarcato è che il raccordo aiuti a superare l’impasse in cui è caduto il Paese, che dal maggio 2014 non riesce a eleggere il nuovo presidente per la divisione fra tutti i partiti e fra le componenti cristiane.

    Rimangono però ancora molte resistenze. Anzitutto nel campo cristiano: il Kataeb (Partito della falange), guidato da Sami Gemayel – che sperava in una candidatura – doveva esprimersi oggi a proposito di Aoun. Per ora Gemayel ha dichiarato che “studierà la decisione”.

    Il blocco sunnita al-Moustaqbal, col capo Saad Hariri, ha elogiato la riconciliazione fra Aoun e Geagea, ma ha riaffermato l’appoggio al loro  candidato Franjieh. Alcune personalità del partito sono subito andati a Riyadh per studiare il da farsi.

    Per convincere i vari gruppi ad eleggere Aoun,  membri del suo partito, fra cui il ministro degli esteri Jebran Bassil, genero di Aoun, stanno incontrando i capi degli altri partiti, fra i quali Nabih Berri, degli sciiti di Amal e il partito di Walid Joumblatt.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    31/10/2016 13:05:00 LIBANO
    Michel Aoun ottiene i voti necessari per divenire presidente del Libano


    03/11/2016 08:52:00 LIBANO
    Vescovi maroniti: auguri ad Aoun per un governo stabile del Libano

    Nell’assemblea mensile guidata dal patriarca Rai i prelati hanno salutato l’elezione del capo di Stato dopo oltre due anni e mezzo di vacanza. Nel discorso di giuramento di Aoun apprezzato il richiamo alla “stabilità”. Ora l’obiettivo è la “rapida” formazione di un nuovo esecutivo e una nuova legge elettorale capace di garantire “rappresentatività”. 

     



    02/11/2016 10:13:00 LIBANO
    Michel Aoun presidente : una nuova edizione del “miracolo libanese”

    L’elezione accolta con favore da Europa e Stati Uniti. Commenti positivi anche dal patriarcato maronita e dalle Chiese di Siria. Il frutto di un “compromesso storico” che ha saputo unire le diverse anime del Paese. Aoun dovrà dare prova di “saggezza” e non eliminare le altre forze politiche. 

     



    11/06/2005 LIBANO
    Libano, card. Sfeir: "Prima di votare, esaminate la vostra coscienza"


    20/06/2005 libano
    Elezioni in Libano: la fine dell'era siriana

    Al parlamento libanese, per la prima volta in 30 anni ci sarà una maggioranza antisiriana. Nella nuova situazione,  il patriarca Sfeir spera che tutti i partiti collaborino per la rinascita del paese.





    In evidenza

    MYANMAR-VATICANO
    Yangon, ‘ore frenetiche’ per l’arrivo del papa. L’impegno dei cattolici per i pellegrini

    Paolo Fossati

    Attese 200mila persone per la messa solenne al Kyaikkasan Ground. Tra loro anche leader buddisti e musulmani. In arrivo 6mila ragazzi per la messa dei giovani del giorno seguente. Anche filippini, australiani e thailandesi per lo storico viaggio apostolico di papa Francesco. Dal nostro inviato.


    YEMEN
    Il genocidio dello Yemen: dopo le bombe, la fame, la sete e il colera

    Pierre Balanian

    La coalizione guidata da Riyadh blocca l’arrivo di carburante necessario per far funzionare i pozzi. Oltre un milione di persone senza acqua a Taiz, Saada, Hodeida, Sana’a e Al Bayda. Secondo l’Unicef, 1,7 milioni di bambini soffrono di malnutrizione acuta”; 150mila bambini rischiano di morire di stenti nelle prossime settimane. Il silenzio e l’incuria della comunità internazionale. La minaccia di colpire le navi-cargo del greggio. Ieri l’Arabia saudita ha permesso la riapertura dell’aeroporto di Sana’a e del porto di Hudayda, ma solo per gli aiuti umanitari. Una misura insufficiente.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®