19 Febbraio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 20/01/2016, 12.30

    LIBANO

    L’alleanza fra Aoun e Geagea porta qualche scossa e qualche speranza

    Paul Dakiki

    Il leader delle Forze libanesi appoggia la candidatura a presidente del suo antico nemico. Forze libanesi e Cambiamento e riforma raccolgono il numero più consistente di parlamentari cristiani. “Felici e sollevati” al patriarcato di Bkerké. Dal maggio 2014 il parlamento libanese non riesce a eleggere un presidente. Alcune resistenze fra cristiani e musulmani.

    Beirut (AsiaNews) – L’esplicito appoggio alla candidatura a presidente dell’ex generale Michel Aoun da parte del capo delle Forze Libanesi, Samir Geagea, sta creando qualche speranza ma anche qualche scossa.

    Fino al 18 gennaio, i due erano entrambi candidati alla presidenza: il primo, Aoun, capo del blocco Cambiamento e riforma, vicino agli Hezbollah; il secondo legato alla corrente del Futuro e al suo capo sunnita Saad Hariri. Dietro di loro, anche se in modo non esplicito, vi sono l’appoggio dell’Iran, per il primo, e l’appoggio dell’Arabia saudita per l’altro.

    Il 18 gennaio Geagea ha deciso di ritirare la sua candidatura e di sostenere quella di Aoun. Alcuni analisti dicono che questo voltarsi verso Aoun e gli Hezbollah deriva da un calcolo sul valore che sta assumendo il ritorno dell’Iran nell’agone internazionale, dopo gli accordi sul nucleare e la fine dell’embargo. Altri affermano invece che il “voltafaccia” di Geagea e il suo “tradimento” verso Hariri è più dovuto a questioni personali: Hariri, d’accordo con i sauditi, avrebbe appoggiato la candidatura di un altro leader cristiano, il capo del partito Marada Sleiman Franjieh, senza nemmeno avvisarlo.

    Resta il fatto che l’alleanza Aoun-Geagea è un primo passo verso un raccordo fra le componenti cristiane del parlamento, finora divise e ferme ognuna sul proprio candidato. Forze libanesi e Cambiamento e riforma raccolgono il numero più consistente di parlamentari cristiani. Al patriarcato maronita di Bkerké, il vicario patriarcale Boulos Sayah ha dichiarato che la scelta di Geagea nell’appoggio ad Aoun è un avvenimento di cui tenere conto in modo assoluto. Al giornale Orient-Le Jour, Sayah ha detto: “Siamo felici e sollevati. Noi apprezziamo, come si deve e come lo merita questo ravvicinamento fra due grandi correnti di rappresentanze cristiane, allo stesso modo apprezziamo ogni ravvicinamento fra i libanesi al servizio del Libano”.

    La speranza dei libanesi e del patriarcato è che il raccordo aiuti a superare l’impasse in cui è caduto il Paese, che dal maggio 2014 non riesce a eleggere il nuovo presidente per la divisione fra tutti i partiti e fra le componenti cristiane.

    Rimangono però ancora molte resistenze. Anzitutto nel campo cristiano: il Kataeb (Partito della falange), guidato da Sami Gemayel – che sperava in una candidatura – doveva esprimersi oggi a proposito di Aoun. Per ora Gemayel ha dichiarato che “studierà la decisione”.

    Il blocco sunnita al-Moustaqbal, col capo Saad Hariri, ha elogiato la riconciliazione fra Aoun e Geagea, ma ha riaffermato l’appoggio al loro  candidato Franjieh. Alcune personalità del partito sono subito andati a Riyadh per studiare il da farsi.

    Per convincere i vari gruppi ad eleggere Aoun,  membri del suo partito, fra cui il ministro degli esteri Jebran Bassil, genero di Aoun, stanno incontrando i capi degli altri partiti, fra i quali Nabih Berri, degli sciiti di Amal e il partito di Walid Joumblatt.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    31/10/2016 13:05:00 LIBANO
    Michel Aoun ottiene i voti necessari per divenire presidente del Libano


    03/11/2016 08:52:00 LIBANO
    Vescovi maroniti: auguri ad Aoun per un governo stabile del Libano

    Nell’assemblea mensile guidata dal patriarca Rai i prelati hanno salutato l’elezione del capo di Stato dopo oltre due anni e mezzo di vacanza. Nel discorso di giuramento di Aoun apprezzato il richiamo alla “stabilità”. Ora l’obiettivo è la “rapida” formazione di un nuovo esecutivo e una nuova legge elettorale capace di garantire “rappresentatività”. 

     



    02/11/2016 10:13:00 LIBANO
    Michel Aoun presidente : una nuova edizione del “miracolo libanese”

    L’elezione accolta con favore da Europa e Stati Uniti. Commenti positivi anche dal patriarcato maronita e dalle Chiese di Siria. Il frutto di un “compromesso storico” che ha saputo unire le diverse anime del Paese. Aoun dovrà dare prova di “saggezza” e non eliminare le altre forze politiche. 

     



    11/06/2005 LIBANO
    Libano, card. Sfeir: "Prima di votare, esaminate la vostra coscienza"


    20/06/2005 libano
    Elezioni in Libano: la fine dell'era siriana

    Al parlamento libanese, per la prima volta in 30 anni ci sarà una maggioranza antisiriana. Nella nuova situazione,  il patriarca Sfeir spera che tutti i partiti collaborino per la rinascita del paese.





    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Le lacrime dei vescovi cinesi. Un ritratto di mons. Zhuang, vescovo di Shantou

    Padre Pietro

    Un sacerdote della Chiesa ufficiale, ricorda il vescovo 88enne che il Vaticano vuole sostituire con un vescovo illecito, gradito al regime. Mons. Zhuang Jianjian è diventato vescovo sotterraneo per volere del Vaticano nel 2006. Il card. Zen e mons. Zhuang, immagine della Chiesa fedele, “che fa provare un’immensa tristezza e un senso di impotenza”. Le speranze del card. Parolin di consolare “le sofferenze passate e presenti dei cattolici cinesi”.


    CINA-VATICANO-HONG KONG
    Il card. Zen sui vescovi di Shantou e Mindong

    Card. Joseph Zen

    Il vescovo emerito di Hong Kong conferma le informazioni pubblicate nei giorni scorsi da AsiaNews e rivela particolari del suo colloquio con papa Francesco su questi argomenti: “Non creare un altro caso Mindszenty”, il primate d’Ungheria che il Vaticano obbligò a lasciare il Paese, nominando un successore a Budapest, a piacimento del governo comunista del tempo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®