02 Luglio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 08/03/2010, 00.00

    VIETNAM

    L’arcivescovo di Hanoi a Roma per cure mediche

    Emily Nguyễn

    Mons. Kiet è in Italia dal 5 marzo. Prima di partire ha tranquillizzato coloro che temono un accordo del Vaticano con il governo vietnamita che a più riprese ha chiesto il suo allontanamento dalla capitale.
    Hanoi (AsiaNews) - L’arcivescovo di Hanoi, mons. Joseph Ngo Quang Kiet è partito dalla capitale del Vietnam e dal 5 marzo è a Roma per cure mediche. Il prelato, che dall’inizio di gennaio è stato curato nel monastero di Chau Son, è accompagnato da don Alfonse Pham Hung ed è in Italia su invito della Congregazione per l’evangelizzazione dei popoli e del Pontificio consiglio Cor Unum. A Roma è stato accolto da un gruppo di religiosi e fedeli vietnamiti.
     
    Mons. Kiet soffre di insonnia cronica e stress, condizione attribuibile alle pressioni subite nella guida della sua arcidiocesi e per la quale i medici vietnamiti hanno esaurito le cure a loro disposizione.
     
    Prima della sua partenza, mons. Kiet ha avuto manifestazioni di vicinanza, affetto e solidarietà da vescovi, sacerdoti, religiosi e fedeli di tutto il nord del Vietnam.
     
    La notizia della sua partenza per Roma ha creato controversie e illazioni su una sua possibile rimozione da arcivescovo di Hanoi, sulla base di un accordo del Vaticano col governo vietnamita che a più riprese ne ha chiesto l’allontanamento. Lo stesso mons. Kiet ha però serenamente negato tale ipotesi. “Se Dio vorrà - ha detto – mi donerà la benedizine di una buona salute e io potrò a servire. Per quanto tempo dureranno le cure lo decideranno i medici”.
     
    A una delegazione di Vinh venuta a salutarlo e che gli ha espresso preoccupazione per le incertezze del futuro, l’arcivescovo ha ricordato che “siamo sacerdoti, non dobbiamo temere che Dio. Se questo è ciò che Dio vuole, dobbiamo servire nella fede, non nella paura”. Egli ha invitato poi a “parlare nella verità” e a “vivere in comunione all’interno della Chiesa per farla vivere forte e sicura. Qualunque cosa facciate, rinforzate la vostra fede in Dio, confidando nella sua benedizione e nella sua potenza, per ottenere la pace finale. La vostra preghiera e solidarietà sono le armi della Chiesa”.
     
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    24/11/2009 VIETNAM
    Migliaia di candele illuminano l’apertura del Giubileo della Chiesa vietnamita
    La cerimonia nel giorno nel quale si ricordano i 117 martiri vietnamiti canonizzati da Giovanni Paolo II. Una grande festa sulla quale getta un’ombra la voce delle dimissioni che l’arcivescovo di Hanoi, oggetto di una campagna di accuse da parte del governo, avrebbe presentato al Papa.

    04/09/2008 VIETNAM
    Vescovo denuncia “numerosi ostacoli” nel dialogo con le autorità di Hanoi
    Mons. Joseph Ngo Quang Kiet evidenzia come il mancato rispetto delle promesse per la restituzione del complesso della ex nunziatura ha intaccato la fiducia della gente e reso più difficile anche la soluzione della vicenda della parrocchia di Thai Ha.

    17/10/2008 VIETNAM
    Il sindaco di Hanoi ha chiesto la rimozione dell’arcivescovo Kiet
    In un incontro con i diplomatici occidentali, Nguyen The Thao annuncia che saranno penalmente perseguiti sacerdoti e fedeli coinvolti nelle manifestazioni per ottenere la restituzione della ex delegazione apostolica e del terreno della parrocchia di Thai Ha.

    01/10/2008 VIETNAM
    Telecamere, intercettazioni e manifestanti pagati per intimidire l’arcivescovo di Hanoi
    Nessuno può entrare o uscire dall’arcivescovado senza essere filmato. Le autorità agiscono in modo palese, con l’evidente obiettivo di costringere mons. Kiet a dimettersi. Ancora un raid in una chiesa.

    25/09/2008 VIETNAM
    A Ho Chi Minh City si chiede giustizia e si prega “per chi ci perseguita”
    Circa settemila persone ad una veglia nel corso della quale si è espressa comunione con i cattolici di Hanoi, vittime di un duro attacco delle autorità comunali e del Partito comunista. Timori per una annunciata “azione drastica” contro i responsabili della comunità cattolica.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    Mons. Ma Daqin, il Vaticano e la “logica da banditi” dell’Associazione patriottica

    Gu Feng

    Un sacerdote della Cina centrale ripensa al “voltafaccia” del vescovo di Shanghai e lo paragona a Giovanni il Battista, confinato in prigione dopo le accuse a Erode. La “logica da banditi” dell’Associazione patriottica e del governo tende a eliminare la religione dal Paese. Il Vaticano rischia di contraddirsi venendo a compromessi con l’Associazione patriottica, che papa Benedetto XVI ha definito “incompatibile” con la dottrina cattolica nella Lettera ai cattolici cinesi che papa Francesco non ha smentito, anzi l’ha ribadita.


    CINA - VATICANO
    Il “voltafaccia” di mons. Ma Daqin, una croce per il bene di Shanghai

    p. Pietro dalla Cina

    Il vescovo ausiliare di Shanghai ha a cuore il benessere della sua diocesi e intende portare da solo il fardello delle sue dichiarazioni di quattro anni fa. Le precisazioni di p. Lombardi sul ruolo della Santa Sede fugano ogni dubbio: la Lettera di Benedetto XVI alla Chiesa cinese è ancora valida, quindi la posizione dell’Associazione patriottica non è accettata dal Vaticano. Il commento di un sacerdote cinese, traduzione a cura di AsiaNews.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®