1 Settembre 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato

invia ad un amico visualizza per la stampa


» 08/03/2010
VIETNAM
L’arcivescovo di Hanoi a Roma per cure mediche
di Emily Nguyễn
Mons. Kiet è in Italia dal 5 marzo. Prima di partire ha tranquillizzato coloro che temono un accordo del Vaticano con il governo vietnamita che a più riprese ha chiesto il suo allontanamento dalla capitale.

Hanoi (AsiaNews) - L’arcivescovo di Hanoi, mons. Joseph Ngo Quang Kiet è partito dalla capitale del Vietnam e dal 5 marzo è a Roma per cure mediche. Il prelato, che dall’inizio di gennaio è stato curato nel monastero di Chau Son, è accompagnato da don Alfonse Pham Hung ed è in Italia su invito della Congregazione per l’evangelizzazione dei popoli e del Pontificio consiglio Cor Unum. A Roma è stato accolto da un gruppo di religiosi e fedeli vietnamiti.
 
Mons. Kiet soffre di insonnia cronica e stress, condizione attribuibile alle pressioni subite nella guida della sua arcidiocesi e per la quale i medici vietnamiti hanno esaurito le cure a loro disposizione.
 
Prima della sua partenza, mons. Kiet ha avuto manifestazioni di vicinanza, affetto e solidarietà da vescovi, sacerdoti, religiosi e fedeli di tutto il nord del Vietnam.
 
La notizia della sua partenza per Roma ha creato controversie e illazioni su una sua possibile rimozione da arcivescovo di Hanoi, sulla base di un accordo del Vaticano col governo vietnamita che a più riprese ne ha chiesto l’allontanamento. Lo stesso mons. Kiet ha però serenamente negato tale ipotesi. “Se Dio vorrà - ha detto – mi donerà la benedizine di una buona salute e io potrò a servire. Per quanto tempo dureranno le cure lo decideranno i medici”.
 
A una delegazione di Vinh venuta a salutarlo e che gli ha espresso preoccupazione per le incertezze del futuro, l’arcivescovo ha ricordato che “siamo sacerdoti, non dobbiamo temere che Dio. Se questo è ciò che Dio vuole, dobbiamo servire nella fede, non nella paura”. Egli ha invitato poi a “parlare nella verità” e a “vivere in comunione all’interno della Chiesa per farla vivere forte e sicura. Qualunque cosa facciate, rinforzate la vostra fede in Dio, confidando nella sua benedizione e nella sua potenza, per ottenere la pace finale. La vostra preghiera e solidarietà sono le armi della Chiesa”.
 

invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
24/11/2009 VIETNAM
Migliaia di candele illuminano l’apertura del Giubileo della Chiesa vietnamita
di JB. Vu
04/09/2008 VIETNAM
Vescovo denuncia “numerosi ostacoli” nel dialogo con le autorità di Hanoi
17/10/2008 VIETNAM
Il sindaco di Hanoi ha chiesto la rimozione dell’arcivescovo Kiet
01/10/2008 VIETNAM
Telecamere, intercettazioni e manifestanti pagati per intimidire l’arcivescovo di Hanoi
di J.B. An Dang
25/09/2008 VIETNAM
A Ho Chi Minh City si chiede giustizia e si prega “per chi ci perseguita”
di Ngo Quang Kiet

In evidenza
INDIA
Card. Toppo: Imparare dai tribali dell’India ad avere cura della terra e dei suoi abitanti
di Nirmala CarvalhoL’arcivescovo di Ranchi parla ad AsiaNews in occasione della Giornata mondiale di preghiera per la cura del creato (1 settembre). Nel Paese “più di un milione di tribali è cattolico, e nella nostra cultura noi rispettiamo la natura e ne celebriamo i doni”. Oggi “per essere veri testimoni di Cristo dobbiamo rispondere alla crisi ecologica attraverso una profonda conversione spirituale”.
VATICANO-IRAQ
P. Samir di Amadiya: Il Papa è la voce dei profughi irakeni
di Bernardo CervelleraIl sacerdote caldeo ha incontrato papa Francesco chiedendogli di tenere alta l’attenzione del mondo sui profughi cristiani di Mosul e della Piana di Ninive. Nella sua diocesi vivono 3500 famiglie cristiane e quasi mezzo milione di yazidi fuggiti davanti alle violenze dello Stato islamico. L’Isis non è tutto l’islam e vi sono musulmani che vogliono un Iraq della convivenza. I cristiani potrebbero emigrare, ma rimangono nella loro terra. I progetti di aiuto ai rifugiati: la scuola per i bambini, lavoro per gli adulti, una casa per ogni famiglia. L’appello di AsiaNews.
LIBANO
La Dichiarazione di Beirut: i musulmani in difesa della libertà dei cristianiLibertà di fede, di educazione e di opinione difese citando il Corano. Esse sono alla base dello Stato di diritto, che non deve essere uno Stato religioso. L’organo di riferimento dei sunniti del Libano condanna senza appello la violenza in nome di Dio. Il testo integrale del messaggio.

Dossier

Terra Santa Banner


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate