27 Giugno 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 11/02/2017, 12.28

    VATICANO

    L’arcivescovo di Varsavia inviato di Papa Francesco per Medjugorje: solo per motivi pastorali



    Il papa vuole comprendere di più le esigenze dei fedeli che giungono in pellegrinaggio in Bosnia Erzegovina. Il lavoro della commissione d'inchiesta sulla veridicità delle apparizioni è finito da tempo. Francesco ha speso fatto battute sulla "Madonna postina" o sulle apparizioni a comando, o sulla "madonna superstar", ma non le ha mai riferite espressamente a Medjugorje.

    Città del Vaticano (AsiaNews) – L’arcivescovo di Varsavia, mons. Henryk Hoser, è stato incaricato da papa Francesco a recarsi a Medjugorje come inviato speciale. Da tempo si aspetta una dichiarazione della Chiesa sulla veridicità delle apparizioni della Madonna a un gruppo di veggenti. Ma la Segreteria di Stato, nel comunicato diffuso oggi dalla Sala stampa della Santa Sede, ha precisato che il compito di mons. Hoser “ha carattere esclusivamente pastorale”.

    Il testo del comunicato è il seguente: 

    “In data 11 febbraio 2017 il Santo Padre ha incaricato S.E. Mons. Henryk Hoser, S.A.C., Arcivescovo-Vescovo di Warszawa-Praga (Polonia), di recarsi a Medjugorje quale Inviato Speciale della Santa Sede. 

    La missione ha lo scopo di acquisire più approfondite conoscenze della situazione pastorale di quella realtà e, soprattutto, delle esigenze dei fedeli che vi giungono in pellegrinaggio e, in base ad esse, suggerire eventuali iniziative pastorali per il futuro. Avrà, pertanto, un carattere esclusivamente pastorale.  È previsto che S.E. Mons. Hoser, il quale continuerà ad esercitare l’ufficio di Arcivescovo- Vescovo di Warszawa-Praga, completi il suo mandato entro l’estate prossima”.

    Da anni vi sono contrasti fra il vescovo di Mostar e la comunità costituitasi attorno ai veggenti che rivendicano di avere visioni quotidiane della Vergine almeno dal 1984. Nel 2010 papa Benedetto XVI aveva costituito una commissione con a capo il card. Camillo Ruini per investigare il fenomeno delle apparizioni e verificare la devozione mariana che si è sviluppata in tutto il mondo con milioni di pellegrini che giungono a Medjugorje ogni anno. I lavori della commissione sono stati acquisiti dalla Congregazione per la Dottrina della fede, ma non vi è stato ancora alcun pronunciamento papale.

    Le testimonianze sulla veridicità della fede delle persone che giungono al santuario nella Bosnia Erzegovina  si moltiplicano: vi sono conversioni, ritorno alla fede, decisioni vocazionali. Per questo, pur non pronunciandosi ancora sulle apparizioni, il Vaticano ha dato indicazioni che si offra ai pellegrini tutti i servizi religiosi: messa, via crucis, adorazione eucaristica, confessioni. E si consiglia ai gruppi che visitano il santuario di essere accompagnati da un sacerdote.

    Sulla veridicità delle apparizioni papa Francesco sembra avere qualche perplessità, anche se in passato sembra essere stato un devoto di Medjugorje. Talvolta egli ha espresso giudizi sulla Madonna “postina”, che invierebbe di continuo messaggi, o sulle “prenotazioni” di apparizioni, con tanto di ora e luogo, che qualche veggente pare sfruttare in raduni ecclesiali.

    In un dialogo che il pontefice ha avuto con i superiori dei religiosi nel mese di novembre, egli ha detto di rifiutare “la Madonna capo di un ufficio postale che ogni giorno manda una lettera diversa, dicendo: «Figli miei, fate questo e poi il giorno dopo fate quest’altro»”.

    “La Madonna vera – ha aggiunto - è quella che genera Gesù nel nostro cuore, che è Madre. Questa moda della Madonna superstar, come una protagonista che mette se stessa al centro, non è cattolica”. In ogni caso, Francesco non ha mai legato in modo evidente queste esternazioni con il fenomeno di Medjugorje.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    13/01/2010 VATICANO
    Card. Shönborn: Medjugorje, come Lourdes, una scuola della fede quotidiana
    Dal 28 al 31 dicembre l’arcivescovo di Vienna ha compiuto un viaggio nel luogo dove appare la Madonna dal 1981. In un’intervista al Tagesblatt, spiega il senso delle apparizioni. Senza voler anticipare il giudizio definitivo della Chiesa, domanda a tutti di guardare ai frutti positivi di preghiera e carità che scorrono da Medjugorje.

    16/09/2008 VATICANO
    Lourdes, le apparizioni della Vergine, un intervento di Dio nel cammino della Chiesa e del mondo
    Per i 150 anni di Lourdes, un congresso mariano ha tentato una lettura ecclesiale delle apparizioni ed un esame dell’influenza che esse hanno sulla storia, insieme al sorgere di santi e di nuove forme di vita religiosa.

    11/05/2017 08:23:00 VATICANO-FATIMA
    Papa Francesco: Alla Madonna di Fatima i fiori più belli, i fratelli e sorelle di tutto il mondo redenti dal suo sangue

    Videomessaggio del pontefice al popolo portoghese in occasione del suo pellegrinaggio al santuario della Vergine.  Il pellegrinaggio dal titolo "Con Maria, pellegrino nella speranza e nella pace" avrà luogo domani e dopodomani.



    03/03/2005 filippine
    Filippine, Suor Lucia di Fatima, protettrice contro il comunismo


    21/04/2014 VATICANO
    Papa: La gioia pasquale "non è un maquillage! Si imprima nei nostri cuori e traspaia nelle nostre azioni"
    Prima della recita del Regina Caeli, che nel tempo pasquale sostituisce la preghiera dell'Angelus, Francesco invita i fedeli "a riprendere il Vangelo, leggere i capitoli della Risurrezione" e soffermarsi sulla figura di Maria "Madre di tutti i discepoli, Madre della Chiesa e Madre di speranza". Il Lunedì dell'Angelo "prolunga la gioia della Risurrezione di Cristo".



    In evidenza

    VATICANO
    Papa: le Chiese d’Oriente, vivaci malgrado persecuzioni e terrorismo



    Ricevendo i partecipanti all’assemblea della “Riunione delle Opere per l’Aiuto alle Chiese Orientali” Francesco raccomanda la formazione del clero. “Non dimentichiamo che in Oriente anche ai giorni nostri, i cristiani – non importa se cattolici, ortodossi o protestanti – versano il loro sangue come sigillo della loro testimonianza”.


    CINA-GERMANIA
    L’ambasciatore tedesco chiede alla Cina la liberazione di mons. Shao Zhumin



    In una dichiarazione ufficiale sul sito dell’ambasciata, Michael Clauss chiede che al vescovo di Wenzhou, sequestrato, sia data piena libertà di movimento. Preoccupazioni espresse anche per le bozze dei nuovi regolamenti sulle attività religiose, che decretano la fine delle comunità sotterranee. E’ la prima volta dopo un decennio che un ambasciatore europeo chiede la liberazione di un vescovo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®