29 Giugno 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 14/01/2016, 00.00

    CINA

    L’avvocato per i diritti umani Wang Yu e suo marito arrestati per “sovversione contro lo Stato”

    Wang Zhicheng

    Arrestati formalmente anche altri sei avvocati. Alcuni di loro lavoravano nello stesso centro legale, la Fengrui, definita “una banda criminale”. Sotto sorveglianza 24 ore su 24 il figlio 16enne di Wang Yu. Un ritorno alle campagne della Rivoluzione culturale.

    Pechino (AsiaNews) – L’avvocato per i diritti umani Wang Yu e suo marito Bao Longjun sono stati arrestati ieri con l’accusa di “sovversione contro il potere dello Stato”. Da sei mesi erano in isolamento.

    La notizia giunge insieme alla conferma in questi giorni dell’arresto di altri sei avvocati, con accuse simili. La campagna contro gli avvocati che difendono poveri, personalità religiose e attivisti è iniziata lo scorso luglio e tende a soffocare un vero e proprio movimento che basandosi sulle leggi cinesi, cerca di difendere i diritti umani.

    Li Yuhan, l’avvocato di Wang Yu, ha detto che la donna è rinchiusa nella prigione n. 1 di Tianjin; suo marito nella prigione n. 2.

    Nei sei mesi di isolamento che hanno preceduto l’arresto, ai due è stata negata ogni visita da parte di parenti e avvocati, e non è stato comunicata loro nessuna notizia sul loro caso.

    Dopo l’isolamento è iniziata una campagna contro di essi. Il centro legale per cui Wang lavorava, la Fengrui, è stata bollata dai media ufficiali come una “banda criminale” che “attirava l’attenzione su casi sensibili” e “disturbava l’ordine sociale in modo grave”. La Fengrui è stata accusata di “creare caos” nei processi e di aver mobilitato attivisti fuori delle aule dei tribunali “per raggiungere i loro scopi con ulteriori motivi”.

    Il direttore della Fengrui, Zhou Shifeng, e due avvocati, Wang Quanzhang and Li Shuyun, dopo essere stati fermati e isolati lo scorso luglio, giorni fa sono stati accusati anche loro di “sovversione contro il potere dello Stato”.

    Altri due avvocati, Xie Yanyi and Xie Yang, sono stati arrestati con la stessa accusa. Gao Yue, una loro collega, è stata arrestata per “assistenza nel distruggere prove”. Un altro, Sui Muqing, è stato arrestato e poi rilasciato su cauzione.

    Wang Yu e Bao Longjun erano apparsi lo scorso ottobre in televisione, apparentemente prostrati, condannando un tentativo fallito di far fuggire il loro figlio 16enne all’estero. Da allora, anche Bao Zhuoxuan, il figlio, è tenuto sotto sorveglianza 24 ore su 24.

    Secondo diversi analisti, la persecuzione contro gli avvocati ha molti aspetti simili alle campagne lanciate da Mao Zedong durante la Rivoluzione culturale.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    26/05/2010 CINA
    Dialoghi Cina-Usa: le restrizioni ai dissidenti da qui al 4 giugno
    Avvocati, intellettuali, scrittori privati della libertà per timore che si incontrino con personalità o riescano a raggiungere i media. La presenza di politici internazionali (ora gli Usa, a giorni la Ue) fa crescere le pressioni, i controlli, i viaggi forzati lontano da Pechino.

    13/09/2013 CINA
    Il miliardario Wang Gongquan arrestato dalla polizia: è amico dei dissidenti
    È accusato di radunare persone "per disturbare l'ordine pubblico": la stessa accusa con cui è stato imprigionato l'attivista Xu Zhiyong. Wang è fra i propugnatori di una raccolta di firme online per la liberazione di Xu. Per il miliardario, davanti alla corruzione del Partito, il divario fra ricchi e poveri, l'abissale inquinamento, occorre un'alleanza fra imprenditori e cittadini per spingere il governo ad aprire di più la società, perché non cresca la violenza.

    02/09/2015 CINA
    Gli Usa chiedono a Pechino il rilascio “immediato” di avvocati e pastori cristiani
    Dave Saperstein, inviato americano con delega sulla libertà religiosa, doveva incontrare i leader religiosi e gli attivisti impegnati per la libertàdi professare la fede. La sera prima è scattato il raid delle autorità: “Uno sviluppo davvero allarmante”.

    28/06/2006 Cina
    Shandong, nuove violenze nel caso dell'attivista non vedente

    L'avvocato di Chen Guangchen, attivista in carcere famoso per le sue battaglie contro gli aborti forzati, ed il suo assistente sono stati picchiati e derubati a pochi passi dalla polizia di Linyi, che non è intervenuta.



    23/06/2006 STATI UNITI – CINA
    Usa, accuse "congelate" per la donna che alla Casa Bianca ha interrotto Hu Jintao

    Accordo fra la dottoressa Wang Wenyi e la procura: tutte le accuse bloccate fino al prossimo aprile, con assoluzione piena in caso di buona condotta. La donna aveva contestato il discorso del presidente cinese.





    In evidenza

    CINA - VATICANO
    Confusione e polemiche per il silenzio del Vaticano sul caso di mons. Ma Daqin di Shanghai

    Bernardo Cervellera

    Per alcuni l’articolo di mons. Ma con cui elogia l’Associazione patriottica, riconoscendo i suoi “errori”, è solo “fango”. Per altri egli si è umiliato “per il bene della sua diocesi”. Molti esprimono perplessità per il silenzio della Santa Sede: silenzio sul contenuto dell’articolo; silenzio sulla persecuzione subita dal vescovo di Shanghai. Il sospetto che in Vaticano si vede bene lo svolgimento del “caso” Ma Daqin che però fa emergere un problema: la Lettera di Benedetto XVI (con cui dichiara l’AP non compatibile con la dottrina cattolica) è abolita? E chi l’ha abolita? Il rischio di una strada di compromessi senza verità.


    CINA - VATICANO
    Mons. Ma Daqin: il testo della sua “confessione”

    Mons. Taddeo Ma Daqin

    Con un articolo pubblicato sul suo blog, il vescovo di Shanghai, dimessosi dall’Associazione patriottica quattro anni fa, sembra “confessare” il suo errore e esalta l’organismo di controllo della Chiesa. Riportiamo qui il testo quasi integrale del suo intervento. Traduzioni dal cinese a cura di AsiaNews.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®