18 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 06/08/2008, 00.00

    VIETNAM

    L’indifferenza delle autorità di Kon Tum per gli orfani dei gruppi etnici

    Nguyen Hung

    I gruppi di volontari che si impegnano per migliorare le condizioni sociali dei bambini dei Sơđăng non riescono neppure ad avere i permessi per portare il loro sostegno.
    Kon Tum (AsiaNews) - Il livello di vita dei vietnamiti migliora, ma c’è ancora molta gente in difficoltà nelle zone rurali e in montagna, specialmente tra le popolazioni e oprattutto i bambini dei gruppi etnici. Anche loro sono cittadini di questo Paese ed il governo dovrebbe garantire anche a loro i diritti di tutti gli altri vietnamiti. Così non è.
     
    Il gruppo etnico dei Sơđăng era felice nelle foreste della diocesi di Kon Tum, fin quando non sono stati spostati dalle autorità locali per essere più facilmente controllolati. Più tardi, nel 1994, fu creato il Vinh Son Warm Shelter, per aiutare 60 minorenni orfani.
     
    I ragazzi hanno condizioni diverse. Le loro comunità sono davvvero povere, ma la gente ed i cattolici danno il loro sostegno. I ragazzi e le ragazze sono aiutati ad andare alle scuole superiori, fino ai livelli più alti. Una giovane volontaria, Y. L., spiega ad AsiaNews che “I centri di accoglienza per gli orfani hanno più svantaggi che vantaggi, la gente è veramente povera e la loro istruzione è bassa. E’ carente specialmente l’assistenza sociale per i bambini. Ci sono volontari a gruppi ed a livello personale che sono venuti per autare, ma non hanno progetti di sviluppo a lungo termine. Le autorità locali non hanno ancora convenuto di aiutare l’accoglienza”.
     
    “Una delle difficoltà maggiori – conferma Tran, un volontario cattolico – è trovare l’accordo con il governo locale. Non hanno neppure provveduto a darci un permesso. E l’accoglienza non è stata ancora riconosciuta. I bambini hanno carenze nell’educazione, la nutrizione e l’assistenza sanitaria. Spero che le autorità che ne hanno competenza rilascino permessi per l’accoglienza e le politiche sociali a favore dei gruppi etnici di Kon Tum”.
     
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    08/09/2008 VIETNAM
    In Vietnam ci sono sei nuovi sacerdoti “Dong Ngoi Loi”, cioè i Verbiti
    Al momento dell’ordinazione è stato detto loro che “Siete sacerdoti che non debbono svolgere solo attività pastorale, ma anche lavorare con la gente e cambiare in meglio la società”.

    07/04/2008 VIETNAM
    Gli Yao Phu, da 100 anni portano scuole e Vangelo tra i montagnard
    Educazione e missione caratterizzano l’attività dei componenti dell’associazione che si propone anche di migliorare le condizioni di vita delle popolazioni appartenenti ai gruppi etnici minoritari.

    29/03/2010 VIETNAM
    Per padre Ngo Phuc Hau “fare missione è portare a tutti l’amore di Dio”
    Il racconto di un sacerdote che ogni anno battezza 200 persone: bambini, giovani e adulti. Quando è arrivato, nella sua zona c’erano appena 501 cattolici, ora solo la sua parrocchia ne ha 2.500. Le difficoltà dell’incontro con le culture locali e le religioni tradizionali.

    05/11/2007 VIETNAM
    Fondamentale per i missionari conoscere la cultura dei gruppi etnici vietnamiti
    Fin dal XVII secolo, quando padre Alexandre de Rodhes fece la trasposizione del vietnamita in caratteri latini, coloro che vogliono portare il Vangelo si preoccupano di conoscere lingue e tradizioni delle popolazioni.

    11/05/2013 THAILANDIA
    I cattolici thai celebrano i gruppi etnici, emarginati e privi di diritti
    Domani 12 maggio la Chiesa dedica una giornata speciale alle etnie, ai quali non viene riconosciuta neppure la cittadinanza. Sulle orme di Papa Francesco e di Benedetto XVI, la cura per i bisognosi diventa segno di “amore e misericordia”. Etnia karen, media e progresso rischiano di cancellare l’identità culturale.



    In evidenza

    HONG KONG - CINA - VATICANO
    Messa per un sacerdote sotterraneo defunto. Il card. Zen chiede a Dio la grazia di salvare la Chiesa in Cina e la Santa Sede ‘dal precipizio’

    Li Yuan

    P. Wei Heping, 41 anni, è morto in circostanze misteriose, buttato in un fiume a Taiyuan (Shanxi). Per la polizia egli si è suicidato. Ai familiari non è stato permesso nemmeno di vedere il rapporto dell’autopsia. Per il card. Zen la Santa Sede (che “non è necessariamente il papa”) cerca un compromesso a tutti i costi col governo cinese, rischiando di “svendere la Chiesa fedele”. Giustizia e pace pubblica un libretto su p. Wei, per non dimenticare.


    VATICANO - ITALIA - USA
    Papa: non più la guerra, che ha per frutto la morte, 'la distruzione di noi stessi'



    Francesco nel giorno della Commemorazione dei defunti ha celebrato messa al Cimitero americano di Nettuno. “Quando tante volte nella storia gli uomini pensano di fare una guerra, sono convinti di portare un mondo nuovo, sono convinti di fare una ‘primavera’. E finisce in un inverno, brutto, crudele, con il regno del terrore e la morte”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®