22 Maggio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 14/03/2017, 08.52

    SIRIA - KAZAKHSTAN

    L’opposizione anti-Assad non parteciperà ai colloqui di pace di Astana



    Nella capitale kazaka governo e ribelli dovevano discutere il rafforzamento del cessate il fuoco e lo scambio di prigionieri. Leader opposizione: Boicottaggio per le “promesse non mantenute” dal governo sulla tregua. A Homs, capitale della rivoluzione, i gruppi ribelli raggiungono l’accordo per l’evacuazione. 

     

    Astana (AsiaNews/Agenzie) - Le fazioni ribelli in Siria non parteciperanno al nuovo round di negoziati con esponenti del governo in programma nella capitale del Kazakhstan. Il terzo incontro di Astana, mediato da Turchia, Russia e Iran, avrebbe dovuto iniziare oggi con l’obiettivo di rafforzare il cessate il fuoco nazionale, sottoscritto a fine dicembre. Altro possibile tema in agenda lo scambio di detenuti e di persone sequestrate. 

    Ieri pomeriggio l’annuncio del portavoce della delegazione che unisce le varie fazioni che compongono la nutrita galassia dell’opposizione. “I gruppi ribelli hanno deciso di non presentarsi ad Astana” ha affermato Osama Abu Zeid, secondo cui dietro il boicottaggio vi sono “promesse non mantenute” dal governo in merito alla tregua. 

    Ahmad Othman, comandante del gruppo ribelle Sultan Murad, sostenuto da Ankara, aggiunge che “non vi è stata piena attuazione” delle disposizioni relative al cessate il fuoco. “Il regime e le milizie  - prosegue - continuano a bombardare, causare sfollati, promuovere assedi”. 

    Ieri la tv di Stato siriana ha sottolineato che la delegazione governativa, guidata dal rappresentante di Damasco all’Onu Bashar al-Jaafari, era già arrivata nella capitale del Kazakhstan per partecipare agli incontri. Presenti anche i rappresentanti della Russia e delle Nazioni Unite, queste ultime arrivate ad Astana in qualità di osservatori. 

    La prossima tornata di incontri mediata dall’Onu a Ginevra inizierà il prossimo 23 marzo e si focalizzerà su quattro temi principali: la forma di governo, una nuova bozza di Costituzione, elezioni e la lotta al terrorismo. Secondo quanto riferisce l’inviato speciale Staffan de Mistura si potrebbe iniziare a parlare anche di ricostruzione. 

    Dall’inizio del conflitto siriano, nel marzo 2011, sono morte 320mila persone; milioni di sfollati, nel contesto della più grave emergenza umanitaria dalla Seconda guerra mondiale. 

    Intanto, sul fronte del conflitto i gruppi ribelli hanno concordato l’evacuazione dell’ultima enclave ad Homs, come avvenuto in precedenza ad Aleppo. Il governatore della città Talal Barrazi ha affermato che lo sgombero di al-Wair è parte di un accordo con i leader della comunità e durerà dalle sei alle otto settimane. 

    Ai ribelli sarà concesso di evacuare insieme alle loro famiglie; i combattenti ripiegheranno verso i territori del nord del Paese, controllati dai gruppi di opposizione in lotta contro il presidente Bashar al-Assad. Al-Wair, distretto della periferia occidentale di Homs - considerata la “capitale della rivoluzione” - in cui vivono 75mila persone, è sotto assedio governativo dal 2013. 

    Secondo quanto riferisce il sito Orient News, vicino all’opposizione, i ribelli dovrebbero ripiegare verso Jarablus, cittadina al confine con la Turchia strappata lo scorso agosto allo Stato islamico (SI).

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    13/03/2017 08:56:00 SIRIA
    Gruppo jihadista siriano, affiliato ad al Qaeda, dietro il doppio attacco a Damasco

    Il movimento estremista sunnita Hayat Tahrir al-Sham ha rivendicato l’attentato del 10 marzo; almeno 40 le vittime, circa 120 i feriti. Colpiti due bus carichi di pellegrini sciiti irakeni. L’attacco è un “messaggio all’Iran” per il sostegno ad Assad. Nuovo round di colloqui ad Astana mediato da Teheran, Mosca e Ankara.  

     



    02/04/2012 TURCHIA -SIRIA
    Dai Paesi del Golfo cento milioni di dollari ai ribelli per cacciare Assad
    Serviranno per i salari dei combattenti. L'Arabia saudita vorrebbe armarli, ma si teme una guerra civile a tutto campo. Gli Usa sosterranno i ribelli con aiuti umanitari e con strumenti di comunicazione. All'incontro di Istanbul assenti i sostenitori di Assad: Cina, Russia, Iran. L'opposizione divisa.

    04/05/2017 08:51:00 SIRIA - RUSSIA - TURCHIA
    Mosca: aree sicure e no-fly zones per rafforzare il cessate il fuoco in Siria

    Il presidente russo Putin ne ha parlato con il presidente Usa Trump e l’omologo turco Erdogan. L’obiettivo è favorire il rientro dei rifugiati e la consegna di aiuti alla popolazione. Previsto anche l’invio di truppe straniere nel ruolo di osservatori. I ribelli hanno sospeso la partecipazione ai colloqui di Astana per protesta contro i raid aerei governativi. 

     



    12/01/2016 TURCHIA
    Attentato al centro di Istanbul, almeno 10 vittime straniere
    Un terrorista si è fatto esplodere in un attacco suicida nel distretto Sultanahmet, nei pressi della Moschea Blu. I morti sono quasi tutti stranieri, circa 15 i feriti gravi. L’assalitore sarebbe un siriano. Erdogan: “Siamo nel mirino di tutti i gruppi terroristi della regione”. Card. Parolin: “Di fronte a questi mali serve misericordia”.

    01/03/2012 SIRIA - ONU
    Kofi Annan per una soluzione pacifica, fermando le violenze di tutti
    L'ex segretario generale Onu non ha ancora ricevuto l'ok per recarsi in Siria. L'Onu sembra avvicinarsi alle posizioni del Vaticano, sottolineando una soluzione pacifica (e non militare) e condannando le violenze di tute le parti e non solo di Damasco. Continuano i bombardamenti ad Homs, città di enorme importanza strategica. Anche Cina e Russia sembrano disponibili a corridoi umanitari.



    In evidenza

    VATICANO
    Papa: Il 24 maggio, uniti ai fedeli in Cina nella festa della Madonna di Sheshan



    Al Regina Caeli papa Francesco ricorda la Giornata mondiale di preghiera per la Chiesa in Cina, instaurata da Benedetto XVI. I fedeli cinesi devono dare il “personale contributo per la comunione tra i credenti e per l’armonia dell’intera società”. Il Simposio di AsiaNews sulla Chiesa in Cina.  Un appello di pace per la Repubblica Centrafricana. “Volersi bene sull’esempio del Signore”. “A volte i contrasti, l’orgoglio, le invidie, le divisioni lasciano il segno anche sul volto bello della Chiesa”. Fra i nuovi cinque cardinali, anche un vescovo del Laos.


    VATICANO-CINA
    24 maggio 2017: ‘Cina, la Croce è rossa’, il Simposio di AsiaNews

    Bernardo Cervellera

    Il raduno in occasione della Giornata Mondiale di preghiera per la Chiesa in Cina. Un titolo con molti significati: la Croce è rossa per il sangue dei martiri; per il tentativo di soffocare la fede nei controlli statali; per il contributo di speranza che il cristianesimo dà a una popolazione stanca di materialismo e consumismo e alla ricerca di nuovi criteri morali. A tema anche la grande e inaspettata rinascita religiosa nel Paese. Fra gli invitati: il card. Pietro Parolin, mons. Savio Hon, il sociologo delle religioni Richard Madsen, testimonianze di sacerdoti e laici cinesi.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®