17 Ottobre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan


  • » 13/02/2017, 12.15

    CINA-VATICANO

    L’articolo del card. Tong: solo speranze sui dialoghi Cina-Santa Sede. La doccia fredda di Liu Bainian

    Sergio Ticozzi

    P. Ticozzi: È un ‘genere letterario’ per esprimere una spinta verso l’ideale futuro, un’esortazione parenetica. Antonio Liu Bainian: È solo un’opinione di John Tong. Le nomine dei vescovi dipendono “dal futuro dei dialoghi Cina-Vaticano”. Vescovi sotterranei “non adeguati a lavorare con il Partito comunista”.

    Hong Kong  (AsiaNews) – L’articolo che il card. John Tong ha diffuso la scorsa settimana non riguarda dei risultati raggiunti nel dialogo fra Cina e Santa Sede, ma sono “un genere letterario” per esprimere la speranza verso cui questi dialoghi dovrebbero andare, senza considerare la realtà attuale. È l’opinione di p. Sergio Ticozzi, missionario del Pime (Pontificio Istituto Missioni Estere), collaboratore del cardinale presso l’Holy Spirit Study Centre di Hong Kong. Quello di p. Ticozzi è uno dei primi commenti al lungo articolo del card. Tong, che va contro le presentazioni fatte dai media e dalle agenzie del mondo, che (quasi tutte) titolavano affermando che ormai l’accordo fra Cina e Vaticano sulle nomine dei vescovi è cosa fatta. Nei prossimi giorni AsiaNews pubblicherà altri commenti giunti in redazione.

    A conferma di un “nulla di fatto” sulle nomine dei vescovi, ieri il South China Morning Post ha pubblicato un articolo in cui intervista Antonio Liu Bainian [l'articolista lo chiama Liu Bonian], presidente ad honorem dell’Associazione patriottica (Ap), la cui influenza sulla Chiesa in Cina è tale da essersi meritato in questi decenni il nomignolo di “papa laico della Chiesa cinese”. Nelle poche frasi riportare dal giornale di Hong Kong, Liu  afferma anzitutto che le cose riportate nell’articolo sono soltanto “una sua [di John Tong] opinione”. In più, egli dice che il metodo delle nomine dei vescovi dipende “dal futuro dei dialoghi fra Cina e Vaticano” e non da un risultato raggiunto. Egli rifiuta anche la possibilità che i vescovi sotterranei siano riconosciuti dal governo cinese, come invece spera il card. Tong. Tale rifiuto è motivato dalla loro “posizione politica” che li rende, secondo Liu, “non adeguati a lavorare con il Partito comunista”. L’articolo cita anche un sacerdote iscritto all’Ap che si mostra stupito della proposta del card. Tong di trasformare l’Ap in un’organizzazione volontaria interessata a un impegno per il bene della società cinese. ““Avere l’associazione che serva come una ong per i servizi sociali è il desiderio solo di una parte. Non si è mai sentito in Cina una tale proposta e nessuno ne parla”.

    Ecco quanto p. Sergio Ticozzi ha dichiarato ad AsiaNews.

     

    Si deve capire il ‘genere letterario’ dell’articolo del cardinale Tong. Mi spiego: il ‘genere letterario’ del testo in questione, che è quello comune al giornalismo della Cina comunista, non è il riferimento o un rapporto su fatti oggettivi, ma la descrizione della realtà che lo scrittore vorrebbe si attuasse; cioè ha l’obiettivo di suggerire l’ideale o i passi graduali del processo verso l’ideale. Risulta quindi solo un’esortazione parenetica o una spinta verso l’ideale futuro, senza una valutazione oggettiva della sua fattibilità concreta né della nuova situazione futura qualora eventualmente si compiono dei passi. 

    Tutta questa concretezza manca: ci sono solo i dettagli teorici dell’ecclesiologia: autorità suprema del Santo Padre nella nomina dei Vescovi, Associazione patriottica vista come un’istituzione caritatevole, distinzione tra perdono della scomunica e amministrazione della diocesi, ecc.  E tutto è soffuso di ‘ottimismo’, perché lo scopo è solo di infondere fiducia nel futuro, di controbattere ogni pessimismo sui risultati del dialogo (visto positivamente come strumento o canale di comunicazione) e, a maggior ragione, sulla sua necessità.

    Secondo me, la comprensione del ‘genere letterario’ è essenziale per capire meglio il senso del testo.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    15/02/2017 13:07:00 CINA-VATICANO
    Sacerdoti cinesi: Cambiare l’essenza dell’Associazione patriottica è una speranza vana

    Continuano i commenti all’articolo del card. John Tong di Hong Kong sul futuro del dialogo sino-vaticano. Sacerdote sotterraneo: L’articolo incoraggia a iscriversi all’Associazione patriottica. Sacerdote ufficiale: Il governo cinese rimane l’autorità che nomina i vescovi. Entrambi i sacerdoti credono che non vi sia differenza fra “libertà completa” e “libertà necessaria”. L’esempio amaro del vescovo di Shanghai.



    14/02/2017 12:23:00 CINA-VATICANO
    Dubbi ed indifferenza dei cattolici cinesi verso l’articolo del card. Tong

    L’articolo non è stato pubblicato sui siti cinesi cattolici. Molti fedeli pensano che nulla potrà cambiare. Il card. Tong “ha cercato di non offendere il governo cinese” e pur badando alla situazione dei fedeli, “non ha parlato della vita difficile e faticosa della Chiesa”. Dalla Nona Assemblea dei rappresentanti cattolici cinesi, alcuni sacerdoti si aspettano il “caos” per la Chiesa in Cina. La riflessione di uno studioso.



    04/08/2016 06:12:00 CINA-VATICANO
    Card. Tong: La comunione della Chiesa in Cina con la Chiesa universale

    Il card. John Tong, vescovo di Hong Kong, spiega con larghezza i motivi che spingono la Santa Sede a continuare a dialogare con Pechino: garantire maggiore libertà religiosa alle comunità cristiane; recuperare i vescovi non ufficiali e imprigionati; recuperare i vescovi illeciti. La Lettera di papa Benedetto XVI è “assolutamente valida”.



    09/02/2017 11:50:00 VATICANO-CINA-HONG KONG
    L’articolo del card. Tong sul dialogo Cina-Santa Sede fra gioia e sgomento

    L’ottimismo del vescovo di Hong Kong sul cambiamento del metodo delle nomine episcopali e sulla funzione dell’Associazione patriottica. Ma non è chiaro se è un cambiamento nei fatti o solo nominalistico, nelle parole. I vescovi sotterranei sono patriottici e amano il loro Paese, ma il Partito li sospetta. Libertà “essenziale” nelle nomine episcopali, ma i vescovi non sono liberi di svolgere il loro ministero. Vescovi patriottici controllati nelle loro visite con membri della Chiesa universale. Le “cimici” (microfoni nascosti) negli uffici episcopali.



    09/02/2017 07:26:00 HONG KONG-CINA-VATICANO
    Card. Tong: Il futuro del dialogo Sino-Vaticano dal punto di vista ecclesiologico

    Il cardinale di Hong Kong spiega i passi in cui si desidera far muovere il dialogo fra Cina e Santa Sede. A tema la funzione del papa nelle nomine dei vescovi; il cambiamento di visione nell’Associazione patriottica; la possibile integrazione dei vescovi sotterranei nella conferenza episcopale.  Il nuovo articolo a firma  del card. John Tong, dopo quello di alcuni mesi fa su “Comunione della Chiesa in Cina con la Chiesa universale”.





    In evidenza

    MYANMAR
    Non solo Rohingya: la persecuzione delle minoranze cristiane in Myanmar



    La sofferenza di Kachin, Chin e Naga. La discriminazione su basi religiose è in certi casi addirittura istituzionalizzata. I cristiani sono visti come espressione di una fede straniera ed in contrasto con la visione nazionalista. Per anni il regime militare ha introdotto feroci misure discriminatorie.


    VATICANO - ASIA
    Il mondo ha urgenza della missione della Chiesa

    Bernardo Cervellera

    Ottobre è un mese consacrato al risveglio della missione fra i cristiani. Nel mondo c’è indifferenza o inimicizia verso Dio e la Chiesa. Le religioni sono considerate la fonte di tutte le guerre. Il cristianesimo è l’incontro con una Persona, che cambia la vita del fedele e lo mette al servizio delle ferite del mondo, lacerato da frustrazioni e guerre fratricide. L’esempio del patriarca di Baghdad e del presidente della Corea del Sud.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®