27 Luglio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 13/07/2012, 00.00

    ARABIA SAUDITA - OLIMPIADI

    L'Arabia Saudita svela i nomi delle sue due atlete che per la prima volta parteciperanno ai giochi olimpici



    Sarah Attare gareggerà nelle gare di atletica, Wodjan Ali Seraj Abdulrahim in quelle di judo. La scelta delle atlete ha causato non poche difficoltà al comitato olimpico locale, che han faticato a trovare candidate con i requisiti necessari per partecipare alle olimpiadi.

    Londra  (AsiaNews/ Agenzie) - L'Arabia Saudita fa i nomi delle due atlete che gareggeranno alle olimpiadi di Londra 2012:  Sarah Attar e Wodjan Ali Seraj Abdulrahim.  La prima competerà nella gara degli 800 metri, la seconda in quelle di judo. Finora nessuna delle due ha rilasciato dichiarazioni. La scelta delle atlete ha causato non poche difficoltà al comitato olimpico locale, che han faticato a trovare candidate con i requisiti necessari per partecipare alle olimpiadi.

    Il regno saudita ha cancellato il bando delle donne dai giochi olimpici lo scorso 26 giugno. Il rischio era l'esclusione dalle competizioni per discriminazione sessuale. Lla decisione di re Abdullah ha scatenato un feroce dibattito fra la dinastia regnante custode dei luoghi sacri dell'islam e le autorità religiose, che accusano il monarca di aver violato le leggi coraniche.  Nel 2008 l'Arabia Saudita aveva consentito a Dalma Rushdi Malhas, nata negli Stati Uniti da genitori sauditi, di competere ai giochi di Pechino nelle gare di ippica.   

    A febbraio Human Rights Watch aveva diffuso un rapporto sulle donne e lo sport nel Paese, chiedendo al governo saudita di rispettare il diritto delle donne a praticare un'attività sportiva e al Comitato olimpico internazionale di prendere provvedimenti contro l'Arabia Saudita.  La Carta Olimpica - che stabilisce il regolamento generale dei Giochi - prevede infatti l'esclusione del Paese che pratica un qualsiasi tipo di discriminazione. La norma in passato è stata applicata più volte: il Sudafrica, per esempio, non ha potuto partecipare alle competizioni dal 1964 al 1992 a causa dell'apartheid, mentre l'Afghanistan venne escluso dalle Olimpiadi del 2000 a causa dell'oppressione femminile sotto il regime dei talebani.

    Sulla scia del caso saudita, anche altri due Paesi islamici, Qatar e Brunei, invieranno per la prima volta nella loro storia atleti donne ai giochi olimpici.  

    In totale sono circa 10.500 le atlete che gareggeranno alle olimpiadi di Londra, rappresentando oltre 200 Paesi.

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    30/06/2009 ARABIA SAUDITA
    Campagna saudita: smetti di fumare, vincerai un matrimonio da favola
    Centinaia di giovani interessati all’iniziativa. Il vincitore si aggiudicherà un matrimonio tutto pagato, dalla cerimonia alla dote, dalla casa ai mobili. Le donne denunciano una “mercificazione del corpo femminile”. Altri dubitano che avrà successo senza il benestare degli esperti di legge islamica.

    08/06/2013 ARABIA SAUDITA
    Arabia Saudita, le regole islamiche sul lavoro delle donne nuocciono all’economia del Paese
    Più di un terzo delle donne è disoccupato. Il dato è quattro volte superiore a quello maschile. Un analista: “Le donne in Arabia Saudita rappresentano una grandissima risorsa inutilizzata”

    26/06/2012 ARABIA SAUDITA
    L'Arabia Saudita conferma: le donne potranno partecipare alle Olimpiadi
    La decisione è stata presa per evitare l'esclusione del regno per discriminazione di genere. Finora l'unica atleta qualificata è Dalma Rushdi Malhas, che gareggerà nelle gare di equitazioni. Le altre atlete saranno selezionate nelle prossime settimane. Già pronta una divisa con un hijab sportivo.

    22/01/2010 ARABIA SAUDITA – FILIPPINE
    Riyadh: filippina vittima di uno stupro, rischia una condanna a 100 frustate
    In seguito allo stupro la donna è rimasta incinta. A causa delle dure condizioni delle carceri saudite ha perso il bambino. La legge coranica proibisce i rapporti extra-coniugali e non vi sono differenze per le violenze sessuali.

    22/02/2010 FILIPPINE - ARABIA SAUDITA
    Migrante cattolica in Arabia Saudita: tre anni senza messa e giorno di riposo
    Nel Paese islamico non esiste la libertà religiosa. La donna per mantenere la fede si rifugiava a pregare nella sua stanza. I vescovi filippini invitano i fedeli a pregare e riflettere sulla triste condizione dei lavoratori all’estero.



    In evidenza

    POLONIA – CINA – GMG
    I trucchi e le violenze di Pechino per fermare i giovani cinesi alla Gmg

    Vincenzo Faccioli Pintozzi

    Il governo ha bloccato ieri un gruppo di 50 giovani pellegrini, già imbarcati su un aereo diretto a Cracovia. Interrogati per ore all’immigrazione, sono stati “ammoniti” e rimandati a casa con l’ordine di non contattare nessuno all’estero. Nel frattempo, per i luoghi centrali della Giornata mondiale della Gioventù si aggirano “giovani cattolici cinesi”, in gruppi di cinque o sei persone, che hanno il compito di spiare i compatrioti. Lavorano per Istituti culturali o aziende cinesi in Polonia.


    ISLAM-EUROPA
    P. Samir: Terrore islamico in Francia e Germania: crisi dell’integrazione, ma soprattutto crisi della politica

    Samir Khalil Samir

    Il sequestro e l’uccisione di un sacerdote vicino a Rouen (Francia) e i vari attacchi a Würzburg, Monaco, Ansbach (Germania) sono stati compiuti da gente molto giovane e indottrinata con facilità. La Germania era un modello per l’integrazione dei rifugiati. Ma l’islamismo radicale non si lascia assimilare. Esso è sostenuto da Arabia saudita e Qatar. Non c’è altra strada all’integrazione. Ma occorre dire la verità: nel Corano ci sono elementi di guerra e violenza. Ignoranza e perdita di senso morale dei politici occidentali.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®