17 Gennaio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 14/07/2005, 00.00

    TERRA SANTA - PALESTINA - ISRAELE

    L'Autorità palestinese riconosce la rimozione di Ireneos I

    Arieh Cohen

    Gerusalemme (AsiaNews) – Mahmoud Abbas, presidente dell'Autorità nazionale palestinese, ha firmato ieri – secondo la stampa locale - un decreto presidenziale con il quale riconosce in maniera formale la rimozione di Ireneos I dall'ufficio di patriarca greco-ortodosso di Gerusalemme.

    Il governo giordano aveva già da tempo riconosciuto la decisione del sinodo del patriarcato riguardo la destituzione di Ireneos e, al momento, solo Israele non ha ancora espresso alcuna opinione sulla questione. La decisione di rimuovere Ireneos è stata presa dal sinodo greco-ortodosso di Gerusalemme e ratificata dal patriarcato pan-ortodosso di Costantinopoli, guidato dal patriarca Bartolomeo I, con l'approvazione di gran parte delle Chiese di questa confessione sparse per il mondo. La decisione palestinese, attesa da lungo tempo, arriva dopo alcuni incidenti in cui dozzine di sostenitori dell'ex patriarca – sostenuti, secondo il quotidiano HaAretz, dalla polizia israeliana – hanno cercato ieri di prendere il controllo del quartier generale del patriarcato, sito nella parte vecchia di Gerusalemme.

    Ireneos è stato rimosso dal suo incarico dopo la rivelazione, data dalla stampa, di una sua associazione con un noto criminale internazionale, che aveva promosso la sua elezione a patriarca. A questa accusa si è aggiunta quella di aver venduto beni immobili di proprietà del patriarcato nei pressi della Porta di Jaffa a dei coloni israeliani. Ireneos ha negato con forza la sua associazione al criminale – anche se a Gerusalemme ricordano che è stato proprio l'ex patriarca a presentare l'uomo come un "suo stretto collaboratore" – ed ha negato con veemenza ogni coinvolgimento nella vendita degli immobili. Qualunque documento con sopra la sua firma riguardo questa questione, ha dichiarato, è un falso.

    Questa situazione sembra insostenibile per i governi israeliano e palestinese. Se infatti Israele insiste nel non riconoscere la rimozione di Ireneos, significa che crede alla sua innocenza nella vendita degli immobili. In questo caso, però, deve riconoscere anche che i documenti che provano l'avvenuta vendita sono dei falsi e, così, rinunciare ad una delle più grandi conquiste mai avvenute nel campo degli incessanti sforzi di non concedere proprietà ai non ebrei nella Città vecchia e, in generale, in tutta Gerusalemme Est. D'altro canto, se Israele dovesse riconoscere la rimozione di Ireneos – decisione presa in quanto ha venduto immobili a degli ebrei – diverrebbe complice in una decisione "politica anti-semita".

    L'impossibilità di scegliere fra queste 2 alternative ugualmente imbarazzanti ha tenuto Israele paralizzato sulla questione.

    Così come per la Palestina, che però ha affrontato il suo dilemma. Da una parte, rifiutare di  riconoscere la colpevolezza e la rimozione dell'ex patriarca avrebbe significato ammettere la contraffazione dei documenti ed il conseguente invalido trasferimento di queste proprietà della parte Est – araba – della città: sarebbe stata questa la migliore conclusione dal punto di vista degli interessi nazionali palestinesi. D'altra parte, come avrebbe potuto la Palestina ignorare la decisione di rimuovere il patriarca – presa proprio dal suo sinodo – per aver venduto beni immobili ai coloni? Se avesse insistito nel non riconoscere la decisione, non avrebbe dato un segnale di assenso alla vendita ai coloni di immobili a Gerusalemme Est?

    La Palestina ha risolto il suo dramma. Ora tocca ad Israele.    

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    31/05/2005 TERRA SANTA
    Gerusalemme, nominato il curatore del Patriarcato greco-ortodosso
    Si tratta dell'arcivescovo Cornelios, metropolita di Petra. Aristarchos, segretario del Sinodo greco-ortodosso di Gerusalemme, spiega ad AsiaNews le procedure per la nomina del nuovo patriarca.

    11/11/2005 israele - terra santa
    Israele "obietta" ufficialmente all'intronizzazione di Teofilo III

    Il governo israeliano si oppone alla cerimonia, intesa come un invalidamento della rimozione del patriarca Ireneo I. Replica del patriarcato: "Interferenza diretta ed inappropriata, mina l'autonomia della Chiesa e la libertà religiosa".



    14/08/2017 12:57:00 TERRA SANTA
    Teofilo III contro la giustizia israeliana: proprietà greco-ortodosse trafugate in modo ‘illegale’

    Nel 2004 il precedente patriarca aveva venduto proprietà della Chiesa nella Città Vecchia a un’organizzazione di coloni ebraici. Il Patriarcato si era opposto alla vendita autorizzata, avviando una battaglia legale. Il 1 agosto, la corte israeliana ha confermato l’accordo di vendita. Teofilo III annuncia ricorso alla Corte suprema condannando la decisione “politica”. Essa avrà “il più negativo degli effetti sulla presenza cristiana in Terra Santa”.



    28/11/2005 Terra santa
    Israele accusa: l'insediamento di Teofilo III è "un grave errore"

    Contestata la cerimonia di giovedì scorso, celebrata nonostante le obiezioni ufficiali. Per il patriarca Israele si comporta "come l'impero Ottomano".



    21/07/2005 TERRA SANTA – ISRAELE
    La Corte di Gerusalemme rifiuta le trame di Ireneos e dà il via al Sinodo

    L'ex patriarca greco-ortodosso Ireneos I chiedeva l'annullamento della nomina del locum tenens e il divieto di far riunire il Sinodo per l'elezione del nuovo patriarca.





    In evidenza

    COREA
    La Corea del Nord invierà una delegazione olimpica di alto livello a Pyeongchang



    Dopo due anni di tensioni, il primo incontro fra delegazioni di Nord e Sud Corea. Seoul propone che gli atleti di Nord e Sud marcino fianco a fianco nelle cerimonie di apertura e chiusura dei Giochi (9-25 febbraio 2018).


    VATICANO
    Papa: il rispetto dei diritti di persone e nazioni essenziale per la pace



    Nel discorso ai diplomatici Francesco ha chiesto la soluzione di conflitti – a partire dalla Siria – e tensioni – dalla Corea a Ucraina, Yemen , Sud Sudan e Venezuela – e auspicato accoglienza per i migranti e per gli “scartati”, come i bambini non nati o gli anziani e rispetto per i diritti alla libertà religiosa e di opinione, al lavoro.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®