3 Agosto 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 06/06/2012
CINA - RUSSIA
L'asse Mosca-Pechino per ridurre l'influenza Usa in Asia
di Wang Zhicheng
Firmati 12 accordi e varato un fondo di investimento comune di 4 miliardi di dollari Usa. Colloqui con Ahmadinejad. Russia e Cina ribadiscono il sostegno al piano Annan sulla Siria. Intanto Pechino rafforza i rapporti economici con il Tajikistan: ricerche di gas nel sottosuolo; prestiti per strade; miniere di rame ed oro.

Pechino (AsiaNews) - Contratti economici, dichiarazioni comuni su Siria e Iran, prestiti e collaborazioni strategiche stanno riempiendo le giornate di Vladimir Putin a Pechino, in visita di Stato, e di Hu Jintao, nelle vesti di padrone di casa per l'incontro della Sco (Shanghai Cooperation Organization), il gruppo per la sicurezza e lo sviluppo dell'Asia centrale. E ciò avviene proprio mentre gli Stati Uniti hanno deciso di trasferire il 60% della loro flotta nell'area Asia-Pacifico e critica Mosca e Pechino per la loro posizione riguardo Assad.

HU e Putin ieri hanno firmato un accordo per incrementare il loro commercio fino a 200 miliardi di dollari Usa entro il 2020 (nel 2011 è stato di 83,5 miliardi). Alla presenza dei due capi di Stato sono stati firmati 12 accordi, compresa la creazione di un fondo di investimento comune del valore di 4 miliardi di dollari. Cina e Russia provvederanno ognuno per un miliardo; il resto dovrà essere raccolto da investitori internazionali.

I due hanno anche avuto colloqui sulla situazione del Nord Africa, della penisola coreana, della Siria e dell'Iran, esprimendo entrambi la loro contrarietà a qualunque intervento straniero in Siria e appoggiando il piano Annan.

All'incontro della Sco, che inizia oggi, è invitato anche il presidente iraniano Ahmadinejad, che avrà un colloquio con Putin. Russia e Cina sono stati sempre contrari alle sanzioni su Teheran a causa del programma nucleare, preferendo il dialogo diplomatico. Il 18-19 giugno, si terrà a Mosca un nuovo giro di colloqui fra l'Iran e le grandi potenze, alla ricerca di chiarezza sul programma nucleare iraniano che essi sospettano abbia risvolti militari. Teheran ha invece sempre rivendicato lo scopo pacifico delle sue ricerche sull'arricchimento di uranio.

Alla Sco è stato invitato anche il presidente afghano Hamid Karzai. Il gruppo dovrebbe discutere il futuro del Paese nella prospettiva del ritiro delle truppe Nato. Il portavoce di Putin, Dimitri Peskov, ha spiegato ai giornalisti che "poiché il numero di conflitti cresce, il nostro coordinamento e dialogo devono diventare più intensi. La Russia e la Cina sono decisi sostenitori di un mondo multi-polare e cercano di muovere tutti i sistemi delle relazioni internazionali verso questo modello multipolare".

La Sco, fondata nel 2001 per uan collaborazione sulla sicurezza e contro il terrorismo (islamico) è ormai divenuto un gruppo di cooperazione anche economica che abbraccia molti Paesi asiatici. Oltre a Russia e Cina, di essa fanno parte come membri, le repubbliche centro-asiatiche (Kazakistan, Tagikistan, Uzbekistan e Kirghizistan). India, Iran, Mongolia e Pakistan vi partecipano come osservatori; Bielorussia e Sri Lanka come partner. All'incontro di questi giorni, oltre all'Afghanistan - come osservatore - è invitata la Turchia come partner.

E proprio ieri la Cina ha rafforzato i suoi rapporti economici con il Tagikistan, per un progetto di ricerca di gas nel sottosuolo, un prestito di 50 milioni di dollari per una strada lungo il Pamir, un contratto per lo sfruttamento di miniere di rame e di oro.

Il Tagikistan è il più povero degli Stati dell'ex Unione sovietica, con una popolazione di 7,5 milioni, in maggioranza musulmani. La sua economia si basa sull'esportazione di cotone e alluminio, come pure sulle rimesse di oltre un milione di emigranti.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
12/06/2010 RUSSIA-CINA-ASIA CENTRALE
La Sco apre a India e Pakistan, ma non all’Iran
24/05/2012 ASIA CENTRALE- CINA
Il gruppo di Shanghai si evolve verso una nuova Via della Seta
di Wang Zhicheng
28/08/2008 RUSSIA - CINA - INDIA
Mosca cerca appoggi sulla Georgia, ma Cina e India temono il separatismo
09/06/2012 CINA- ASIA CENTRALE
Afghanistan e Iran, l'aiuto della Cina e del Gruppo di Shanghai
di Wang Zhicheng
14/07/2006 RUSSIA - ASIA - STATI UNITI
Medio Oriente, Nord Corea e Iran al centro del G8 che si apre domani in Russia

In evidenza
CINA
Wenzhou, anche la Chiesa non ufficiale contro le demolizioni. La diocesi in digiuno
di Joseph YuanDopo la marcia del 90enne vescovo ufficiale mons. Vincent Zhu Weifang, il coadiutore mons. Peter Shao Zhumin e tutto il clero non ufficiale pubblicano una lettera aperta in cui chiedono di fermare la campagna di demolizione delle croci. Un appello ai cattolici “della Cina e del mondo intero” affinché si uniscano alla protesta, a sostegno della Chiesa cinese. Persino un vescovo illecito manifesta solidarietà con il clero del Zhejiang, contro gli atti del governo.
CINA
Wenzhou: Vescovo 90enne e 26 preti manifestano contro la demolizione delle croci
di Joseph YuanNon è la prima volta che l'anziano vescovo e i suoi sacerdoti si esprimono contro la campagna di demolizione di croci e chiese, che ha colpito oltre 400 edifici. La polizia ha cercato di disperderli e il gruppo ha presentato una petizione. La coroncina della Divina Misericordia a sostegno della Chiesa cinese. Entro il 31 agosto verranno abbattute le croci delle chiese nella zona di Lishui.
ISRAELE-IRAN
Dopo l’accordo sul nucleare, Israele dovrebbe diventare il miglior alleato dell’Iran
di Uri AvneryE’ la tesi del grande statista e pacifista Uri Avnery, leader del gruppo Gush Shalom, sostenitore della pace fra israeliani e palestinesi. Secondo Avnery, l’Iran desidera solo essere una potenza regionale e del mondo islamico, capace di commerciare con tutti, grazie alla sua raffinata e millenaria esperienza. Di fronte, rivolti al passato, vi sono le monarchie e gli emirati del Golfo. L’Iran può essere un ottimo alleato contro Daesh. Gli abbagli di Netanyahu e dei politici e media israeliani. (Traduzione dall’inglese di AsiaNews).

Dossier


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate